Settembre 30, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Ecco come un aumento del tasso della Federal Reserve influisce sul tuo stipendio

San Francisco (CNN Affari) – Ha visto i lavoratori americani salari Stanno aumentando più rapidamente che mai dalla metà degli anni ’80, ma l’inflazione è aumentata così rapidamente che i lavoratori hanno già subito una riduzione dello stipendio.

Ogni volta che l’inflazione aumenta, prende gran parte del salario dei lavoratori ed esaurisce i loro conti bancari. E questo attuale tratto di inflazione, causato dalla confluenza di eventi come la guerra in Ucraina e la pandemia in corso, ha un appetito vorace.

Ciò significa che l’aumento dei salari si è effettivamente trasformato in perdite e, secondo l’ultimo rapporto sull’inflazione, i prezzi al consumo sono aumentati dell’8,6% nell’anno fino a maggio. Di conseguenza, il consumatore medio dovrebbe pagare circa $ 460 in più al mese rispetto a questo periodo dell’anno scorso per pagare gli stessi beni e servizi, secondo Moody’s Analytics. Inoltre, uno studio dell’Università del Michigan ha rilevato che il reddito disponibile reale pro capite è sulla buona strada per il più grande calo annuale dal 1932.

A peggiorare le cose per i lavoratori americani, la Federal Reserve ha intrapreso una campagna aumento dei tassi di interesse Non ha solo lo scopo di controllare l’inflazione, ma anche la crescita dei salari.

“Quando la Federal Reserve si riunisce e prende la sua decisione sulla politica, la maggior parte delle persone non capisce che ciò che la Fed sta dicendo è: ‘Fanno molti soldi e i loro salari stanno aumentando molto rapidamente, e dobbiamo dire “, ha affermato William Spurges, professore di economia alla Howard University di Washington e capo economista presso l’AFL. -CIO: “Richiesta di denaro contante. Dobbiamo limitare gli aumenti salariali”.

Gli amanti dello shopping passeggiano per il quartiere di Georgetown a Washington, DC.

Mark Zandi, capo economista di Moody’s Analytics, ha affermato che la crescita dei salari in realtà non porta all’inflazione.

READ  Cryptocrime batte record e raggiunge 12.000 milioni

“La causalità è dall’inflazione ai salari e non dai salari all’inflazione”, ha affermato.

Invece, i principali fattori trainanti degli attuali aumenti dei prezzi sono in realtà una serie di gravi shock dell’offerta, inclusi i colli di bottiglia della catena di approvvigionamento globale e la guerra in Ucraina, ha affermato Sprigs.

“Non puoi semplicemente eliminare l’aumento della produzione di grano, aumentare la produzione di olio commestibile, aumentare la produzione di fertilizzanti, aumentare la produzione di petrolio, aumentare la produzione di gas naturale, aumentare la produzione di fiocchi. [semiconductores] Usato nelle auto penso che non ci sarà inflazione. “Quando è nelle notizie americane, lo hai fatto
L’idea che se i nostri controlli di stimolo fossero più bassi, se i nostri salari fossero più bassi, non avremmo quell’inflazione. Nessuno al mondo accetta questo punto di vista”.

I salari non andranno così lontano

L’America potrebbe non essere tecnicamente in recessione, ma sta iniziando a sembrare così a molte persone.

“Quando inizi a guardare quei dati, inizi a pensare che forse le persone che stanno vivendo un vero dolore hanno ragione e che la situazione è molto peggiore da un punto di vista economico rispetto ai dati che di solito guardano gli economisti”, Donald Grimes disse. L’economista dell’Università del Michigan che l’ha fatto Ricerca Sull’andamento del reddito reale al netto delle imposte.

I salari nominali per i lavoratori a tempo pieno sono aumentati in media di circa il 5% nei dodici mesi terminati a maggio 2022, secondo monitoraggio della crescita salariale Federal Reserve Bank di Atlanta. Mercati del lavoro rigidi, il rinnovato movimento per promuovere i diritti dei lavoratori e gli sforzi degli stati e di alcuni grandi datori di lavoro per aumentare il salario minimo hanno tutti contribuito a una crescita salariale significativa nell’ultimo anno.

Sabato 11 giugno 2022, a Houston, un automobilista fa il pieno di benzina in una stazione di servizio Valero.

Tuttavia, tenendo conto dell’inflazione, i salari reali sono diminuiti del 3,5% negativo nello stesso periodo, diminuendo nella stragrande maggioranza dei settori, secondo l’analisi aziendale della CNN dei dati del Bureau of Labor Statistics degli Stati Uniti.

READ  Le azioni statunitensi scendono a causa di rapporti e prezzi aziendali deboli; Standard & Poor's è in calo del 2%.

“In termini di potere d’acquisto reale, molti dei guadagni sono già stati minati”, ha affermato Eric Lund, capo economista presso The Conference Board.

Grimes ha affermato che i livelli di reddito disponibile reale sono più o meno quelli che erano prima della pandemia. Tuttavia, non si comportano come farebbero normalmente, il che aumenterebbe a un tasso dal 2% al 3% all’anno. Invece, sono sulla buona strada per scendere del 5,6%, ha detto.

Il forte calo è dovuto in parte all’inflazione, ma anche alla fine degli aiuti federali alla pandemia.

“Per le persone che hanno risparmiato parte di quei soldi per sostenere le proprie spese, forse la vita è ancora bella”, ha detto. “Ma per le persone che vivono di busta paga in busta paga, questo calo del reddito disponibile reale … è molto più angosciante di quanto gli economisti e i responsabili politici si rendano conto”.

La Fed può risolvere questo problema?

La Federal Reserve è in uno stato fragile. E mentre alza i tassi di interesse per domare l’inflazione, non dovrebbe cercare di spingere l’economia in recessione.

Mercoledì, la Fed ha dichiarato nella sua dichiarazione di essere “fortemente impegnata a riportare l’inflazione al suo obiettivo del 2%”, indicando che non sono stati esclusi ulteriori forti aumenti.

La Fed ha anche affermato che non prevede un rallentamento dell’inflazione quest’anno e prevede un aumento della disoccupazione al 3,7% nel 2022, al di sopra della sua stima di marzo.

“Penso che abbiano un’opportunità di combattimento per far atterrare l’aereo economico sulla pista senza schiantarsi”, ha detto Zandi. “Abbiamo bisogno di un po’ di fortuna con l’epidemia e le conseguenze dell’invasione russa”.

READ  Le più grandi entità finanziarie non riescono a raggiungere gli obiettivi di riduzione delle emissioni

L’inflazione elevata e la volatilità economica generale hanno portato alcuni economisti e responsabili politici a temere che salari e prezzi stiano entrando in una corsa, con conseguente aumento dei prezzi/salari in stile anni ’70 in cui l’inflazione aumenta ulteriormente.

Tuttavia, considerare un ritorno all’ambiente della stagflazione degli anni ’70 è un po’ prematuro, ha detto Lund.

“Questo è il tipo di ambiente che dura per anni”, ha detto. “Potremmo vedere un certo grado di stagflazione, più avanti nel 2022 e nel 2023 in termini di tassi di crescita che crollano davvero al di sotto del potenziale e l’inflazione rimane ben al di sopra dell’obiettivo, ma non penso necessariamente che sarà allo stesso livello o nello stesso periodo come abbiamo visto negli anni Settanta”.

Il presidente della Federal Reserve statunitense Jerome Powell parla durante una conferenza stampa presso il Federal Reserve Building a Washington il 15 giugno 2022.

La forza dei bilanci e dei dati sul reddito degli americani sta aiutando ad alleviare le preoccupazioni, secondo Tim Mahdi, capo economista di KPMG.

Le persone hanno risparmi dai programmi di spesa federali messi in atto durante la pandemia, ha affermato, osservando che mentre il credito rotativo come quota del reddito personale è superiore rispetto allo scorso anno, i livelli rimangono sani.

“Non possiamo continuare a fare quello che stiamo facendo, ma i consumatori hanno un po’ di tempo per sperare che l’inflazione scenda”, ha affermato, sottolineando che le letture e le azioni della Fed nei prossimi mesi saranno cruciali per l’inflazione.

Ha detto che se l’inflazione non comincerà a diminuire nei prossimi due mesi, i consumatori inizieranno a sentire più dolore.

“Abbiamo un po’ di tempo e margine, ma siamo finiti”.