Borse, altra giornata di passione. Sell off sui bancari dopo nomina Draghi Bce

– Giornata di grande volatilità per la Borsa di Milano, che dopo un avvio di seduta in netto rialzo, inverte al ribasso arrivando a perdere in pochi secondi circa il 2% dopo l’annuncio di presidente . Il colpisce in particolare il , con diversi titoli sospesi per eccesso di ribasso. Alla fine dopo diversi tentativi di recupero, arrivando anche a sfiorare un rialzo di circa mezzo punto, Milano crolla nel finale sulla scia della discesa di Piazza Affari.

Le altre borse europee chiudono in lieve ribasso con Francoforte e Parigi in discesa rispettivamente del dello 0,1% e 0,4%, annullando il forte rialzo della prima parte di seduta. In controtendenza Londra, con un rialzo dello 0,4%. A Wall Street, gli indici segnano decisi ribassi, con il Dow Jones in discesa dello 0,7%, ed il Nasdaq 1,5%. Il rialzo della mattinata era dovuto alle voci sul raggiungimento di u intesa tra Fmi, Ue e Grecia sull’erogazione di un nuovo piano di aiuti, la cui entità dovrebbe esser simile a quella dello scorso anno.

Tornando a Milano, l’indice ha perso in settimana il 4,6% portando il passivo da inizio anno al 5%. Milano ha decisamente sottoperfomato la discesa media europea che è stata dell’1,1%.