Borse, ancora giù il Ftse Mib. Milano sempre al centro della speculazione

MILANO – Borse in netto ribasso in apertura di ottava. Dopo le violenti vendite della scorsa settimana Milano, continua ad essere al centro della speculazione finanziaria. L’indice principale, il Ftse Mib segna un ribasso dell’1,50% a 18.770 punti, appesantito dalla discesa del comparto bancario. Parigi e Francoforte segnano un passivo di oltre 1 punto percentuale, mentre Madrid sfiora una perdita del 2%.

Nel pomeriggio è in programma un incontro dell’Eurogruppo a Bruxelles, per discutere sulla speculazione che sta colpendo negli ultimi giorni il Bel Paese. Intanto ieri la Consob in un vertice convocato d’urgenza ha sancito il divieto di vendite allo scoperto da qui a inizio settembre.

Sarà presente anche il Ministro delle Finanze Giulio Tremonti, negli ultimi giorni al centro di voci su possibili dimissioni dal governo. Il ministro sarà chiamato ad esporre la manovra e le ripercussioni sulla riduzione del deficit. Le perplessità sull’economia italiana continuano a tormentare i corsi dei titoli di Stato, i cui spread rispetto al Bund  hanno toccato il livello record di 267 punti mentre i rendimenti si portano al 5,38%.

Tra i titoli giù i bancari, mentre è in controtendenza Unicredit che viaggi intorno alla parità, dopo aver sfiorato un rialzo del 2%.