Borse, Milano chiude vicina ai minimi da inizio anno

Chiusura contrastata per i mercati finanziari europei, in una giornata priva di spunti. Nel pomeriggio il della Bce , ha tranquillizzato gli investitori sui conti pubblici dei Paesi dell’Eurozona, che a suo dire versano in acque non peggiori rispetto ad altri grandi big mondiali come Giappone e Usa. Per Milano, ennesima chiusura negativa dopo aver perso il 3,3% la scorsa settimana. L’indice segna un ribasso frazionale dello 0,2% a 20.070 punti. Frazionale rialzo per Londra, che chiude la prima seduta della settimana con un rialzo dello 0,1%. Parigi e segnano un progresso dello 0,2% e 0,1%.

A Milano, le banche dopo un avvio in netto rialzo chiudono la seduta non molto lontane dai minimi. segna un rialzo finale dell’1,5% dopo aver sfiorato un rialzo del 4%, favorito dalle voci di cessioni di asset per rafforzare il capitale.  Il raggiungimento del quorum e la vittoria del “si”, spingono al rialzo i titoli legati alle energie alternative. Al Ftse Mib brilla con un rialzo dell’1,8%.

In flessione anche il prezzo del petrolio, che perde circa l’1% a 98,375 dollari al barile. Tra le valute, non ci sono movimenti marcati. L’ sale di circa lo 0,1% nei confronti del dollaro.

A metà seduta, gli indici di Wall Street si muovono intorno alla parità.