Buffon, sanzione di 65 mila euro dalla Consob. Comunicazione in grave ritardo superamento del 2% in Zucchi S.p.a

Il portiere della Juventus Gianluigi Buffon è stato multato dalla Consob per aver violato la normativa sul superamento delle soglie rilevanti, che impone ai sottoscrittori di determinati livelli di capitale di dare comunicazione al mercato. Il portiere della Juventus e della nazionale italiana, non ha comunicato nei tempi previsti dalla legge il superamento delle soglie del 2, del 5 e 10% del capitale di Zucchi S.p.a.

In particolare, la notifica sul superamento del 2% sarebbe arrivato il 31 maggio 2010, in ritardo di oltre otto mesi rispetto a quanto dovuto secondo la legge, il 22 settembre dell’anno precedente. Sempre il 31 maggio è arrivata la comunicazione per le partecipazioni al 5 e 10%.

La Consob è andata incontro al portiere azionista, considerando che l’azione del calciatore è stata con “mancanza di dolo”. Rischiava infatti un’ammenda di 3,5 milioni di euro ed invece ha ottenuto solamente tre sanzioni minime.

L’ascesa del calciatore in Zucchi, ha portato fino al 13% della capitale della società. Oggi Buffon, come riconosciuto dalla stessa famiglia Zucchi, è considerato tra i principali azionisti dell’azienda produttrice di biancheria, e gli è stato affidato il ruolo di consigliere di amministrazione.