CONTRIBUENTI.IT: PMI e Italiani sottto stress

contribuenti.it

ROMA – Tosse, dolori muscolari, mal di testa, intestino irritabile: influenza stagionale? Purtroppo no, si tratta di quello che è stato definito dal Centro Studi e Ricerche Sociologiche “iKrls-Antonella Di Benedetto” di KRLS Network of Business Ethics lo “stress da fisco” ovvero la somatizzazione dell’ansia che genera nei cittadini per le scadenze fiscali di fine anno.
La pioggia di contatti pervenuti a “Lo Sportello del Contribuente” durante il mese di novembre è un significativo “sintomo esterno” di questo male: si parla di un numero totale di 45.883 contatti presso “Lo Sportello del Contribuente”, in testa alla classifica i contribuenti residenti in Campania, con 4.812 richieste, seguono i cittadini e le PMI dell’Emilia Romagna con 4.796, e del Lazio con 3.662. Anche dalla Sicilia sono arrivate 3.246 richieste di assistenza, così come da Lombardia (2.975), Toscana (2.945), Veneto (2.847), Piemonte (2.842), Liguria (1.941) e Trentino Alto Adige (1.774). Chiudono la classifica la Valle d’Aosta con 1.467 richieste, l’Abruzzo con 1.368 ed il Molise con 1.317.
La struttura, dedicata al “pronto intervento” presente presso Lo Sportello del Contribuente per l’assistenza tributaria immediata è composta da Teams di esperti composti principalmente da avvocati, dottori commercialisti e sociologi d’impresa in grado di dare assistenza ed informazione ai contribuenti “stressati dal fisco”
I dati forniti da “Lo Sportello del Contribuente” rivelano che 8 italiani su 10 temono di non riuscire a trovare i soldi per pagare il fisco, 6 su 10 temono di perdere la loro casa e 3 su 10 temono di non poter più lavorare a seguito delle ganasce fiscali.