Draghi nominato presidente Bce. “Crisi? Per me non è una novità”

ha ricevuto ieri la tanto attesa quanto scontata nomina a presidente della . La convergenza è stata unanime, dopo aver chiarito la posizione di Lorenzo Bini , che in un primo momento aveva respinto le richiesta di dimissioni avanzate dal governo italiano e dal presidente francese Nicolas .

Le dimissioni consentiranno di fatto, la sostituzione con un membro francese. La regola non scritta è che le prime quattro potenze dell’unione debbano esser presenti nel consiglio esecutivo.

“Preoccupato di assumere la presidenza della Banca centrale europea in questa situazione di crisi? No, in realtà ci sono già dentro, per me non è una novità”. Questo è il commento del neo presidente a chi gli chiedeva se fosse preoccupato di sostituire Trichet in  un momento così delicato. Il  mandato inizierà dal 1 novembre e si tratterà del primo italiano, il terzo della Banca Centrale Europea, dopo l’olandese Wim Duisenberg e il francese Jean-Claude Trichet.

Al termine dell’incontro tra i vertici di Stato, Silvio ha espresso tutta la sua soddisfazione per la nomina: “si tratta di un grande successo personale del professor che saprà gestire in modo sicuro l’istituzione di Francoforte”. E’ anche un grande successo del nostro governo. E’ stato premiato il nostro impegno e sottolinea il ruolo che abbiamo nel Consiglio Ue.