Italia, Pil primo trimestre in crescita dello 0,1%. Soffrono i consumi

– I numeri presentati oggi dall’Istat evidenziano la debole crescita economica dell’, il cui nel primo trimestre dell’anno segna un lieve progresso dello 0,1% rispetto al corrispondente periodo del 2010.  Si tratta di un dato che conferma l’iniziale stima dell’Istat, che ha precisato che il trimestre ha avuto lo stesso numero di giornate lavorative rispetto allo scorso anno.

Debole il dato sui consumi, in crescita dello 0,2%. Le esportazioni sono cresciute dell’1,4% mentre le importazioni dello 0,7%. Da Unicredit, Chiara Chiesa conferma che i consumi cono in linea con le aspettative, ma c’è delusione per il dato:

“mi delude il livello degli investimenti, +0,1% su base trimestrale. “Mi attendevo un rimbalzo molto modesto delle costruzioni, quello che mi sorprende un po’ è la debolezza della spesa su macchinari e mezzi di trasporto da parte delle imprese, che registra un tasso di crescita deludente”.

L’analista poi evidenzia la debolezza del dato sulle scorte, “che sottraggono 3 decimali alla crescita, mentre c’è il contributo positivo della domanda estera”.

Un terzo trimestre quindi da dimenticare, che dovrebbe stimolare il governo a studiare piani di crescita. Per quanto riguarda il Pil, la stima per l’anno in corso è di una crescita dell’1,1%.

Dura la critica delle associazioni dei consumatori Federconsumatori e Adusbef:  ”un dato gravissimo e allarmante, che va di pari passo con gli altri indicatori economici, i quali rivelano ancora una situazione drammatica”.