Manovra economica, per Mercegaglia “c’è qualcosa di buono”. Per Bersani “non è credibile”

ROMA – Dopo la doccia fredda di S&P, che a mercati aperti ha annunciato il proprio parere sulla varata dal , è pronto l’intervento del di . L’ statunitense, ha dichiarato condivisibili gli interventi varati dal governo, pur  precisando che “restano sostanziali rischi per il piano di riduzione del principalmente a causa della debole crescita”.

Permangono quindi i rischi di declassamento, ed il debito italiano rimane sotto osservazione con implicazioni negative. Per il presidente di Confindustria, Emma Marcegaglia, la manovra va bene ma bisogna accelerare sul fisco e sul taglio ai costi della : “alcuni obiettivi vanno bene, ma bisogna concretizzarli velocemente in norma. La volontà di raggiungere il pareggio di bilancio nel 2014 è necessaria.

Per il segretario del Pd, Pierluigi Bersani: “la manovra non è credibile, non c’è bisogno di Standard & Poor’s per capirlo. Se non si mette in campo nessun provvedimento strutturale la manovra non convince nessuno”.

Di parere ovviamente opposto l’ideatore della manovra, il ministro dell’economia e delle finanze : in questa settimana ci sono stati due fatti molto importanti, il patto sul lavoro siglato da Confindustria e , che è fondamentale per la crescita, e il pareggio di bilancio. Se ci sono buone idee sono le benvenute ma due più due deve fare quattro ed è importante che la manovra sia approvata nei tempi giusti, e cioè prima dell’estate.