Obama pensa a riforma fiscale. Più tasse ai ricchi

L’ degli Stati Uniti negli ultimi mesi ha dato concreti segnali di cedimento e difficilmente riuscirà a migliorare il trend di crescita dello scorso anno. Poi c’è il fardello del , che potrebbe esser sempre più pesante, soprattutto se il decidesse di non alzare il tetto. Per , la situazione diventa sempre più difficile, ed in vista delle elezioni presidenziali in programma tra due anni, l’economia rappresenta il biglietto da visita più importante per tentare di esser rieletto. Per ora i risultati sono deboli, ma il presidente non demorde e annuncia una nuova fiscale, che colpirà in primis gli americani più abbienti.

Gli aumenti delle tasse debbono essere parte dell’accordo non capisco come si possa pensare che miliardari godano di sgravi fiscali sui loro aerei privati quando abbiamo milioni di . Non posso credere che i repubblicani consentano altre agevolazioni fiscali per le compagnie petrolifere. Non sto parlando di togliere il danaro di tasca dalla classe media, sto parlando di miliardari che godono delle aliquote più basse dagli anni 50”.

Obama sa bene che soltanto un rilancio del potrebbe consentirgli di ottenere una nuova chance alla guida degli States, e questa può avvenire soltanto con un pieno rilancio dell’economia.