Poker on line nel mirino del fisco

Il Poker on line al centro del radar del fisco. L’Agenzia delle Entrate e la Guardia di Finanza hanno aperto una compagna controlli, definita “all in” riguardante il poker on line. In particolare, l’evasione riguarda le vincite riscosse dal gioco sempre più diffuso in Italia. Dalle prime indagini sembrerebbe che siano sfuggiti al fisco ben 97 milioni di dollari, pari a 73 milioni di euro.

Sotto indagine le vincite conseguite su piattaforme estere, che dovrebbero essere inserite nelle dichiarazioni dei redditi sotto la voce dei “redditi diversi”. Quelle conseguite in Italia sono invece già tassate.

Un primo monitoraggio ha già individuato oltre 4.000 giocatori, che avrebbe conseguito vincite non dichiarate. Il periodo di riferimento, sul quale si svolge l’indagine è quello 2006-2009.