Riforma fiscale: allarme Corte Conti

No a tagli lineari delle agevolazioni, sarebbero recessivi. Taglio spesa sociale non percorribile

La riforma fiscale non ha copertura, anche perchè parte delle entrate sono state usate dal decreto di agosto. Bisogna quindi tassare beni ”personali e reali”, evitando i tagli lineari alle agevolazioni che ”sarebbero recessivi”. Lo ha detto il presidente della Corte dei Conti Luigi Giampaolino alla commissione Finanze della Camera. Un taglio della spesa sociale, così come è prefigurato dal ddl delega di riforma fiscale e assistenziale, è “difficilmente da percorrere”, perché finirebbe per colpire i ceti più deboli e in più avrebbe gli stessi effetti negativi per l’economia del Paese “di quelli derivanti da un prelievo fiscale eccessivo e distorto”. Lo ha detto il presidente della Corte dei Conti, Luigi Giampaolino, alla commissione Finanze della Camera, che sta esaminando il provvedimento.