Saldi Estivi, da quest’anno data unica. Ogni famiglia spenderà 274 euro

Da oggi via ai saldi estivi. La novità di quest’anno è la data unica di inizio e fine del periodo di saldi. Un fortemente voluto dalle associazioni di categoria, dopo le richieste dei negozianti che lamentavano l’attegiamento dei , che spesso si recavano in regioni limitrofe per comprare i capi, finendo poi per ignorare il periodo di saldi nella propria regione.

Il di e di Federazione Moda Italia, Renato Borghi, in riferimento alla data unica per i saldi ha parlato di “una conquista di Federazione Moda Italia che ha ottenuto dalla Conferenza delle Regioni un indirizzo unitario per rendere appunto omogenea su tutto il territorio la data di inizio”.

Per Confcommercio ogni spenderà mediamente 274 euro per l’acquisto di , per un impatto complessivo di circa 4,1 miliardi di euro, pari al 12% del fatturato totale. L’acquisto medio procapite sarà di 114 euro.  ”La situazione dei in generale, ma in particolare per l’abbigliamento, permane difficile.  Non ci attendiamo, quindi, una stagione di saldi particolarmente effervescente, ma ci aspettiamo una sostanziale tenuta rispetto ai dello scorso anno. Le stime pessimistiche diffuse in questi giorni ci paiono francamente inattendibili”, conclude Borghi.