Venerdì saranno noti i risultati degli “stress test” sulla banche italiane che non desterebbero, però, particolari preoccupazioni.

Secondo quanto riporta Il Sole 24 ore Berlusconi sarebbe molto preoccupato per la situazione nazionale e starebbe programmando un dialogo con l’ opposizione

” È un premier preoccupato ma non rassegnato il Silvio Berlusconi che domenica in Sardegna e ieri ad Arcore ha trasformato le proprie dimore in altrettanti “gabinetti di guerra”. È stata la situazione a richiederlo: c’era da contrastare gli attacchi speculativi contro i titoli del debito pubblico italiano, rassicurare gli altri partner europei a cominciare dalla Germania di Angela Merkel sull’efficacia della manovra economica e, nel frattempo, gestire con i propri familiari le conseguenze della sentenza Mondadori.

Poi, ieri sera, l’appello alla coesione nazionale sulla manovra del presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, ha suggerito la via d’uscita. L’unica possibile con tanti fronti aperti. «L’appello di Napolitano è giusto e condivisibile – ha confidato il “cavaliere” ad alcuni esponenti del pdl milanese incontrati ad Arcore – se le cose stanno così siamo disponibili da subito a collaborare con l’opposizione per approvare la manovra in tempi rapidi».

Berlusconi ieri verso le 16 ha chiamato la cancelliera Angela Merkel per un colloquio e alcuni scambi di opinioni, a rendere noto l’ oggetto della telefonata molto cordiale è stata la stessa Merkel ieri sera.

La Merkel ha espresso fiducia sul fatto che il nostro Paese approverà esattamente il budget previsto perché questa sarebbe la prova che «l’Italia è davvero impegnata nella riduzione del debito». L’euro, ha aggiunto la Merkel, di per sè è stabile «ma alcuni Paesi hanno un problema di debito». Resta il fatto che «la Germania e tutti i partner europei sono assolutamente determinati a difendere la stabilità dell’euro». Anche il ministro delle Finanze tedesco, Wolfgang Schaeuble, si è perfettamente reso conto che la speculazione contro l’Italia nasconde un attacco sistemico contro l’Euro e si è detto convinto che «la manovra italiana è molto convincente e – ha aggiunto – non credo affatto che l’Italia possa diventare la prossima vittima del contagio dopo Irlanda e Portogallo».