Vertice Eurogruppo, approvato piano da 160 miliardi

BRUXELLES – Nel summit straordinario dell’Eurogruppo, convocato per prendere decisioni sul futuro dell’economia greca, emergono novità molto importanti sul futuro di Atene. In mattinata si erano diffuse voci su un possibile default selettivo del Paese ellenico, dopo le dichiarazioni del presidente dell’Eurogruppo Junker.

In serata arriva l’annuncio ufficiale dell’erogazione di un nuovo piano di aiuti da 109 miliardi di euro. Intanto il debito greco è stato stimato a 350 miliardi di euro. Al piano contribuiranno le banche con il versamento di 37 miliardi di euro. Considerando le altre tranche già versate, in totale sono stati erogati 160 miliardi di euro.

Il presidente stabile dell’Ue Van Rampuny ha sottolineato l’importanza delle decisioni assunte: “abbiamo preso tre importanti decisioni pienamente sostenute da tutti per alleggerire il debito greco, fermare il rischio di contagio e migliorare la gestione della crisi della zona dell’euro”.

In particolare, la soluzione assunta prevede la riduzione dei tassi di interesse e l’allungamento delle scadenze. Lo stesso presidente della Bce Jan Claude Trichet ha parlato di accordo “cruciale” per il futuro dell’Europa e dell’euro.