Febbraio 28, 2024

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Ecosistema di criptovalute in America Latina e nei Caraibi

Ecosistema di criptovalute in America Latina e nei Caraibi

Il Cambridge Centre for Alternative Finance (CCAF) ha recentemente pubblicato un interessante rapporto documento Sull’ecosistema dei cripto-asset in America Latina e nei Caraibi. Lo studio prevede la conduzione di sondaggi per comprendere gli sviluppi dell’ecosistema di criptoasset relativi ai settori pubblico e privato nelle aree sopra menzionate. Il rapporto è stato preparato in collaborazione con la Banca interamericana di sviluppo (IDB).

La codifica è la seconda rivoluzione della proprietà

Per lo studio, il CCAF ha raccolto 52 risposte dal settore privato e 31 dalle parti interessate del settore pubblico. L’indagine del settore privato mira a raccogliere dati empirici dai partecipanti ad attività di scambio, stoccaggio, pagamento, mining o attività educative di criptovalute.

Le criptovalute in America Latina e nei Caraibi

Per il settore pubblico, l’indagine si è concentrata principalmente sugli intervistati delle banche centrali e degli istituti di vigilanza e regolamentazione. Il rapporto risultante si basa sui dati di oltre 80 istituzioni pubbliche e private nella regione dell’America Latina e dei Caraibi. I risultati del sondaggio sono stati integrati con i dati del toolkit digitale CCAF, interviste qualitative con le principali società di cripto-asset e ricerche desktop su regolamentazione e politica.

I risultati dell’indagine forniscono un’istantanea dell’ecosistema in un dato momento. Si prega di notare che le indagini sono state condotte a metà del 2022. I principali risultati dello studio sono descritti di seguito. È importante notare che fornisce un’istantanea degli sviluppi nel settore globale delle criptovalute nella seconda metà del 2022 e nel 2023.

La codifica come necessità per le economie avanzate

Sviluppo della struttura industriale

Le società di criptovalute si stanno gradualmente evolvendo in fornitori di tecnologia finanziaria (fintech) che fungono da sportelli unici per investitori, consumatori e imprese. Tutte le agenzie incluse nello studio forniscono in media quattro servizi. I servizi forniti più spesso sono quelli legati alle attività di acquisto e vendita di criptovalute. Seguono quelli relativi ai pagamenti e alla custodia dei crypto asset, oltre ai servizi di formazione e consulenza legati ai crypto asset.

READ  Il prezzo delle principali materie prime è diminuito fino al 50% a causa della minore domanda

I partecipanti al settore delle criptovalute cercano di eliminare la complessità della tecnologia blockchain per attirare utenti con poca o nessuna conoscenza preliminare delle criptovalute. Per raggiungere questo obiettivo, le aziende implementano processi legati alla blockchain sul backend. Inoltre, mirano a che il front-end delle loro applicazioni abbia un aspetto e un funzionamento simili a quelli dei tradizionali fornitori di servizi finanziari.

Crescita del mercato

Le società di asset crittografici si stanno espandendo dai paesi in cui operano ad altri paesi della regione. Quasi la metà degli intervistati fornisce già servizi in tre o più paesi dell’America Latina e dei Caraibi. I paesi in cui i servizi vengono comunemente forniti sono Brasile, Argentina e Colombia. I mercati esteri sono di grande importanza, poiché la percentuale di utenti aziendali internazionali supera il 40%.

Anna Botin: “La tokenizzazione della finanza sta avvenendo e accelererà”

Il settore delle criptovalute è cresciuto rapidamente tra il 2020 e la prima metà del 2022. Una società di criptovalute di medie dimensioni ha raddoppiato il suo numero di utenti nel 2020, con un tasso di crescita medio vicino al 50% sia nel 2021 che nella prima metà del 2022.

Cresce anche l’interazione degli utenti con i servizi dell’azienda con un aumento della percentuale di utenti attivi e verificati. La crescita degli utenti ha contribuito a un aumento delle assunzioni da parte delle società di criptovalute in America Latina e nei Caraibi mentre emergono nuove opportunità di lavoro nel settore.

Posizione dei regolatori nei confronti dei criptoasset

Le risposte al sondaggio degli organismi di regolamentazione indicano che avevano iniziato a vedere le criptovalute in modo più favorevole durante gli anni precedenti lo studio. Il 36% degli intervistati del settore pubblico ha affermato di avere un atteggiamento più positivo nei confronti delle criptovalute rispetto a cinque anni fa. Le società di criptoasset ritengono che i regolatori comprendano i criptoasset meglio di prima del 2020. Una maggiore interazione con i regolatori è stata osservata attraverso hub di innovazione e sandbox normativi. Solo il 37% degli intervistati del settore privato ritiene che i regolatori dell’America Latina e dei Caraibi non comprendano i criptoasset (un calo di oltre il 50% rispetto al 2017-2019).

READ  Elon Musk smette di comprare falsi utenti di Twitter | internazionale

Che cos’è il protocollo Internet Computer: il suo codice è aumentato del 57% nell’ultimo mese

Casi d’uso reali delle risorse crittografiche

La maggior parte dei regolatori ritiene che le criptovalute siano utili, soprattutto per creare un sistema finanziario più inclusivo. Solo il 7% degli intervistati del settore pubblico ritiene che le criptovalute siano inutili e quasi l’80% ha affermato che le criptovalute possono offrire nuove funzioni e servizi complementari alle soluzioni finanziarie tradizionali.

Secondo i partecipanti del settore privato, le rimesse e i pagamenti transfrontalieri sono tra i casi d’uso più importanti per le criptovalute in America Latina e nei Caraibi. L’emergere di questi casi d’uso è un evento recente. Secondo i risultati di un sondaggio del settore privato, prima del 2020, il fattore più importante per l’utilizzo delle criptovalute in America Latina e nei Caraibi era quello di beneficiare delle variazioni dei prezzi delle criptovalute.

Collaborazione tra industria e regolatori

Sia le società di criptovalute che le autorità di regolamentazione ritengono che la collaborazione tra l’industria e il pubblico sia essenziale per contribuire a creare un ecosistema sicuro e innovativo per le criptovalute in America Latina e nei Caraibi. Più della metà delle organizzazioni del settore pubblico intervistate ritiene che dovrebbero essere in costante dialogo con le imprese e le altre parti interessate.

Blockchain come difesa contro l’uso improprio dell’intelligenza artificiale

Nonostante la crescente interazione con le associazioni fintech e blockchain, la maggior parte dei sondaggi del settore pubblico indicano che il loro livello di cooperazione con il settore privato locale e soprattutto internazionale rimane basso o inesistente.

Sfide normative per il settore

I partecipanti dei settori pubblico e privato concordano sul fatto che la mancanza di chiarezza normativa e la mancanza di un quadro legislativo sono le sfide più importanti che il settore deve affrontare. Lo studio del settore privato ha evidenziato che la mancanza di chiarezza normativa rappresenta una sfida maggiore per la crescita del settore rispetto a qualsiasi altra sfida legata alle imprese.

READ  Solo il 7,7% delle PMI spagnole operanti nel settore del commercio al dettaglio ha integrato l'IA nelle proprie operazioni interne

I partecipanti sottolineano la sfida derivante dalla mancanza di personale di regolamentazione con una conoscenza dettagliata dei criptoasset. Allo stesso modo, le autorità di regolamentazione esprimono la necessità di una maggiore formazione sulle risorse crittografiche. Sulla base delle raccomandazioni della Banca islamica per lo sviluppo, il primo passo che gli organismi di regolamentazione devono compiere è sviluppare un sistema completo per comprendere le tecnologie e i modelli di business delle cripto-asset.

Allo stesso modo, devono essere definiti ruoli e responsabilità chiari per tutte le istituzioni finanziarie che supervisionano il settore delle criptovalute. Infine, sfruttare i dati e gli strumenti digitali può aiutare le autorità di regolamentazione a tenere il passo con il rapido ritmo dei cambiamenti nel settore.

Il futuro dell’ecosistema delle criptovalute in America Latina e nei Caraibi

Lavorare con clienti aziendali ed espandere i servizi di finanza decentralizzata (DeFi) sono tra le principali opportunità di crescita evidenziate dagli operatori del settore privato. Altre opportunità includono normative chiare e complete e la trasformazione delle società di criptovalute in società fintech.

Sebbene l’espansione dei servizi DeFi sia una priorità per il settore privato, è improbabile che le autorità di regolamentazione implementino presto le normative DeFi. Quasi la metà dei regolatori non ha pianificato di implementare le normative relative alla DeFi nei cinque anni successivi al sondaggio o non aveva chiari i propri piani.

Alfredo Colosa
Ultimi post di Alfredo Colosa (vedi tutto)