Gennaio 16, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

El Corte Inglés e Tendam miglioreranno la loro redditività nel 2022, ma meno che nel 2019 | comp

Corte inglese Wetdam, il gruppo tessile proprietario di Cortefiel, continuerà a migliorare la propria redditività operativa nel prossimo anno, sebbene entrambi rimarranno al di sotto dei livelli pre-pandemia in questa variabile. Così stima l’agenzia di rating Moody’s nel suo ultimo rapporto sulla ripresa del settore retail europeo, che prevede di stabilizzare la propria operatività per il prossimo anno e mezzo.

Per le due società spagnole soggette a revisione del credito, le aspettative dell’agenzia differiscono l’una dall’altra. Per El Corte Inglés, Moody’s stima la crescita degli utili rettificati tra lo 0% e il 5% per l’anno fiscale 2022, che inizierà il 1 marzo e terminerà il 28 febbraio 2023, rispetto all’anno in cui riporterà l’anno contabile ancora in corso . Fino alla prima metà dell’anno erano 248 milioni, secondo i risultati forniti dalla società, mentre alla fine dello scorso anno erano 67 milioni.

Tuttavia, il gruppo guidato da Marta Alvarez è uno di quelli che Moody’s cita come nell’elenco delle società che avranno ancora un conteggio del credito inferiore prima del 2022 rispetto a quello che aveva nell’anno prima della pandemia. Nel suo caso, questo era di 1.181 milioni alla fine del suo anno fiscale 2019. La società di distribuzione spagnola ha fissato un obiettivo di raggiungere l’EBITDA di 1.700 milioni nel 2026, all’interno del suo piano strategico fissato per i prossimi cinque anni.

Nella sua ultima revisione del suo rating creditizio, che Moody’s ha mantenuto a Ba1, l’agenzia era fiduciosa che El Corte Inglés “sarà in grado di riprendersi entro i prossimi 12-18 mesi dall’impatto significativo che la pandemia di coronavirus ha avuto sulle sue operazioni. “

READ  Lotteria di Natale 2021: queste sono le probabilità del jackpot | Regalo di Natale straordinario | giochi di fortuna | lotteria | TDEX | REVTLI | le risposte

Successivamente ha stimato anche per questa operazione un fatturato di 11.615 milioni, in aumento dell’11% rispetto al 2020 ma ancora lontano dai livelli pre-pandemia, per avvicinarsi ai 13.000 milioni alla fine dell’anno fiscale 2022. Moody’s ha mantenuto la sua nota grazie al suo “leader posizione nella maggior parte dei settori in cui opera”, “forte consapevolezza del marchio” e “alto interesse da parte di marchi esterni per essere nei loro negozi”, nonché il suo enorme portafoglio immobiliare.

Le prospettive dell’agenzia di rating sono migliori nel caso di Tendam. Per la società guidata da Jaume Miquel, ha parlato di una crescita del suo EBITDA rettificato tra il 10% e il 20% per il prossimo anno, anche se, come nel caso di El Corte Inglés, sarà ancora al di sotto del livello precedente al Covid-19. A luglio, Moody’s ha alzato le sue previsioni per il tessile da negativo a stabile, data la sua aspettativa che “le sue vendite ei suoi profitti si riprenderanno fortemente nei prossimi 12-18 mesi in condizioni di mercato più normali”. Ha inoltre evidenziato la sua buona posizione di liquidità, che al 31 agosto di quest’anno si attestava a quasi 400 milioni, e il fatto di non avere scadenze di debito significative fino al 2024.

Recupero Tessile

Nel complesso, Moody’s definisce uno scenario stabile per il settore della distribuzione e della moda in Europa, pur riconoscendo che il recente aumento dei casi di coronavirus “aumenta il rischio delle stime”. Un altro elemento che può ostacolare le operazioni di un’azienda è la crisi dell’offerta. “I professionisti dell’elettronica e dell’arredamento per la casa corrono un rischio maggiore di erosione dei loro margini”, afferma il vicepresidente di Moody’s Guillaume Leglise.

READ  Il mercato azionario di Tokyo è cresciuto del 4,9% nel 2021 e ha chiuso al suo miglior livello dal 1989

Il rapporto mostra anche che gli operatori specializzati in lusso, sconti e moda casual avanzeranno al di sopra della media del settore. Per il tessile nel suo complesso, prevede una crescita dell’11,5% entro il 2022, il più alto dei sottosettori analizzati.