Novembre 29, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Elezioni Brasile 2022 secondo turno in diretta | I seggi si chiudono dopo nove ore di votazione nelle elezioni più polarizzanti della storia moderna | internazionale

analisi schietta | Lula, un potenziale alleato pesante di Petro in America Latina

di Sally Palomino da Bogotà.

Per il presidente colombiano Gustavo Petro, la vittoria di Luiz Inacio Lula da Silva alle elezioni di domenica in Brasile confermerà il suo forte alleato nell’idea di rilanciare l’alleanza di sinistra, con il cileno Gabriel Borek. In più di un’occasione Pietro ha parlato della vittoria di Lula da Silva come una possibilità per costruire “l’America Latina, l’unità nella produzione, la giustizia sociale e la conoscenza”. In meno di 100 giorni da presidente, Petro è diventato un leader spazzatura per i nuovi presidenti di sinistra della regione e avere Lula da Silva al suo fianco lo aiuterà a definire un’agenda regionale.

Lula da Silva è in linea con i punti principali del discorso del presidente colombiano, come la tutela dell’ambiente. La campagna del leader laburista ha promesso che la questione ambientale sarà al centro della sua politica estera, dopo che la deforestazione è diventata un furore nel mandato di Jair Bolsonaro. L’ex ministro dell’Ambiente Marina Silva, membro del suo comitato elettorale, ha affermato che se avesse vinto, Lula avrebbe “tolleranza zero” per la deforestazione, promuovere obiettivi climatici più ambiziosi e rafforzare la cooperazione internazionale per proteggere l’Amazzonia. Per l’ex ambasciatore del Brasile in Colombia, Julio Cesar Gómez dos Santos, con la vittoria della sinistra in Brasile, “Quello che ne trarrà davvero vantaggio è Petro, perché all’altro capo dell’asse Bogotà-Brasilia c’è un uomo che ha esperienza in un governo come Petro non ha mai visto prima, e sperimenta il governo come un uomo di sinistra con le stesse preoccupazioni sociali di Pietro”

READ  Vulcano La Palma last minute, in diretta | Le autorità avvertono che i terremoti continueranno e la loro intensità potrebbe aumentare | Comunità

La vittoria di Lula aprirebbe anche la possibilità del ritorno del Brasile nella Confederazione delle Nazioni Sudamericane (Unasur), da cui è uscito nel 2019. Il nuovo cambio politico nella regione, che domenica aggiungerà un nuovo giocatore se il leader dei Lavoratori Partito, riaccende l’interesse per questa organizzazione, che ha citato Lula più volte come un esempio, insieme al Mercosur e alla Comunità degli Stati latinoamericani e caraibici, che rafforzerebbe se fosse presidente.

Una delle figure politiche colombiane che ha mostrato il maggior sostegno a Lula da Silva è stato l’ex segretario generale di Onasur (2014-2017) ed ex presidente Ernesto Samper. “Se fossi brasiliano, voterei per Lula perché solo lui rivitalizzerà l’integrazione richiesta da tutti i latinoamericani”, ha detto Samper in un video a sostegno della campagna del candidato di sinistra. Chiudi il messaggio “Voterò per Lula perché Lula è Lula”.