Dicembre 5, 2021

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Elezioni in Nicaragua 2021: 5 chiavi per il voto armato per Daniel Ortega e Rosario Murillo | Consiglio Supremo Elettorale | motore di ricerca personalizzato | globalismo

Domenica si terranno elezioni controverse alle quali ha partecipato il Presidente della Repubblica , che è al potere da 14 anni, otterrà senza dubbio un quarto mandato consecutivo, con i suoi principali avversari in prigione.

Aspetto: Guarda le elezioni in diretta in Nicaragua 2021 mentre Daniel Ortega cerca la rielezione per la terza volta

Ecco cinque punti principali che spiegano come sono arrivato qui:

1.- Patto di Satana

Ortega Regola Nicaragua Negli anni ’80, nel bel mezzo di una guerra civile con i gruppi ribelli sponsorizzati dagli Stati Uniti, dopo la vittoria della rivoluzione guidata dal Fronte sandinista di liberazione nazionale (FSLN) di sinistra che rovesciò il dittatore Anastasio Somoza nel 1979.

È stata sconfitta nei sondaggi del 1990 da Violetta Barrios de Chamorro, Ortega Ha guidato la trasformazione dell’FSLN per 17 anni dall’opposizione e nel 1999 ha negoziato un accordo con l’ex presidente liberale Arnoldo Alemán (1997-2002) per distribuire quote di potere in tutte le istituzioni statali. “Il patto del diavolo”, lo chiamava il famoso scrittore nicaraguense Sergio Ramirez, in esilio a Madrid.

L’accordo ha portato al ritorno al potere di Ortega nel 2007, quando ha vinto le elezioni e ha promosso una politica pragmatica di sinistra, negoziato con organizzazioni finanziarie e, a differenza degli anni ’80, ha stretto un’alleanza con grandi aziende e un rapporto d’affari con gli Stati Uniti.

Aspetto: Elezioni in Nicaragua 2021: quale futuro attende il Nicaragua dopo la vittoria del dittatore Ortega?

2- “Nessuna competizione elettorale”

Il FSLN A poco a poco ha assunto il controllo dello stato da solo. Ortega è stato rieletto nel 2011 con una discutibile sentenza del tribunale del 2009 che ha dichiarato che il divieto costituzionale di rielezione consecutiva non si applicava solo a lui.

READ  Gli uffici del partito del presidente peruviano hanno fatto irruzione per un'indagine sul riciclaggio di denaro

Nel 2014 è stata approvata un’altra controversa riforma costituzionale che ha stabilito una rielezione presidenziale a tempo indeterminato.

Un rapporto della Commissione interamericana sui diritti umani ha affermato che le riforme “incluse regole che limitano la concorrenza elettorale e l’esercizio dei diritti politici” dei nicaraguensi.

Ortega è stato rieletto nel 2016 in un’elezione senza contendenti significativi e caratterizzata da un alto tasso di astensione.

In mezzo alla graduale perdita del flusso elettorale dell’FSLN, sono state approvate riforme che hanno abbassato il tetto necessario per vincere le elezioni, e ora vince il candidato con il “più alto numero di voti validi”.

3 – Co-presidente

Il controllo di Ortega sulle istituzioni statali è ora completo: l’esercito, la polizia, il Congresso, il Consiglio Supremo Elettorale, la magistratura e l’ufficio del procuratore generale.

“Tutti i poteri sono allineati con l’esecutivo, quindi non rappresentano limiti all’esercizio del potere o impediscono l’arbitrarietà”, secondo la Commissione interamericana sui diritti umani.

Allo stesso tempo, Ortega ha ampliato l’influenza della sua famiglia. I suoi avversari lo accusano di favoritismi. Sua moglie, Rosario Murillo, è stata la sua prima portavoce e dal 2017 la sua vice.

“Abbiamo due presidenti qui perché rispettiamo il principio del 50-50, cioè qui abbiamo una presidenza congiunta con il nostro compagno Rosario”, ha detto recentemente Ortega durante una cerimonia pubblica.

I loro figli possiedono o gestiscono i media statali e alcuni ricoprono cariche pubbliche.

4.- “Il destino” che è esploso

Tra un calo degli aiuti dal Venezuela, di circa 4,8 miliardi di dollari tra il 2007 e il 2016, e il risentimento della popolazione per gli atti di corruzione e abuso di potere, nell’aprile 2018 è scoppiata un’ondata di proteste studentesche, il cui impulso era la riforma della previdenza sociale.

READ  Radio Havana Cuba | Talebani per controllare l'unica provincia ribelle in Afghanistan

La pentola che stava accumulando un vapore rovente è esplosa, frutto di un malessere non guidato da politici o partiti tradizionali. “L’aprile 2018 è stata una scintilla che ha acceso un carburante che si stava raccogliendo da anni”, ha detto il sociologo Oscar René Vargas, esiliato in Costa Rica.

Il movimento si diffuse e chiese le dimissioni di Ortega. Per cinque mesi il Paese è stato quasi paralizzato dai posti di blocco. La repressione, in cui sono stati coinvolti gruppi paramilitari, ha provocato almeno 328 morti, secondo la Commissione interamericana per i diritti umani.

Il governo ha considerato le proteste, che hanno rotto l’alleanza di Ortega con gli uomini d’affari e la Chiesa cattolica, un “tentato colpo di stato” con l’appoggio di Washington.

5- “Installa”

Quando il dialogo tra il governo e l’opposizione è fallito e le proteste sono state represse, c’erano famiglie selettive.

Alla fine del 2020, il governo ha varato leggi su “agenti stranieri”, difesa della sovranità e “cibercriminalità”, che impongono dure pene detentive a coloro che sono accusati di “tradimento” e “riciclaggio di denaro” e a coloro che promuovono sanzioni contro lo Stato o diffondere “notizie false” a loro discrezione.

In base a queste leggi, da giugno sono state arrestate 39 persone: sette candidati alla presidenza, attivisti politici e sociali, uomini d’affari e giornalisti. Washington e l’Unione Europea hanno risposto imponendo sanzioni alla famiglia e agli amici di Ortega.

Più di 100.000 persone sono state esiliate dal 2018 e ci sono più di 150 detenuti.

Con la forza bruta riuscì a paralizzare il movimento della popolazione. Non c’è democrazia. “Siamo sull’orlo di un vicolo cieco”, ha detto Vilma Nunez, presidente del Centro nicaraguense per i diritti umani (SINED), all’AFP di Managua.

READ  Xiomara Castro è la persona più votata nella storia dell'Honduras | Le notizie e le analisi più importanti in America Latina | DW

di serie

saperne di più

__________________________________________

Video consigliato

che cos'è
Con la pubblicazione dei Pandora Papers e la fuga di quasi 12 milioni di documenti riservati sulle fortune di alcune delle persone più potenti e influenti del mondo, l’attenzione dei media è ancora una volta sulle società offshore. Conosci tutti i dettagli.

Potrebbe interessarti