Settembre 25, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Elfi latini e principesse africane rivoluzionano la serie “Il Signore degli Anelli”.

Questo contenuto è stato pubblicato il 19 agosto 2022 – 23:20

Città del Messico, 19 agosto (EFE). – La nuova serie de “Il Signore degli Anelli: Gli Anelli del Potere” ha mostrato che l’immaginazione di JRR Tolkien è piena di diversità e la prova di ciò è la partecipazione di attori come l’afro-iraniana, Sofia Nomvit e il portoricano Ismail Cruz.

“La nostra missione è prendere l’eccellenza del mondo di Tolkien e metterla nel mondo e dire ‘questa è la visione della società’ per le generazioni future”, ha detto Nomviti, che interpreta la principessa Desa, durante una conferenza stampa con i media messicani.

L’attrice è arrivata a questo pensiero dopo aver realizzato che grazie all’immaginazione, le persone si educano e si formano opinioni su determinati argomenti.

“Prima pensavo che dovessimo prendere le cose dalla società per tradurle in un mondo meraviglioso, ma ho capito che è vero il contrario e la nostra responsabilità è in realtà quella di realizzare che è una fantasia che la società alimenta”, ha detto.

Ecco perché ha celebrato l’apertura della serie su questo tipo di argomento e ha ritenuto che non si tratta di una situazione forzata e non contraddice l’universo creato dallo scrittore britannico.

“Penso che non ci sia differenza con i libri, e i libri sono il mondo, e l’immaginazione, sono generi e immagini enormi che Tolkien ha inventato e tutto è aperto all’interpretazione e questo è il godimento dell’immaginazione e della realtà”, ha inciso .

Inoltre, Cruz, che sarebbe il primo nano latino della storia, è orgoglioso della sua capacità di dimostrare il potere della società spagnola nella produzione superlativa.

READ  Rivisitano l'opera cubista di Picasso in una mostra a Parigi

“Lontano dai libri che noi (latini) esistiamo, io esisto, siamo qui, ciò che mi stupisce è il fatto che non abbiamo mai avuto l’opportunità di esistere in questo tipo di mondo prima. Capisco che è un mio diritto come essere umano potendo sperimentare la magia e qualsiasi professione voglio fare lo faccio.”

Ha anche affermato che se l’argomento ha generato conversazioni “estremamente emotive” in tutto il mondo, è perché “c’è ancora così tanto da fare”.

“Devono esserci discussioni negli studi e nelle società di produzione, ma devono anche avvenire nelle nostre culture e società”, ha aggiunto.

La serie, che debutterà su Prime Video il 2 settembre, è ambientata “migliaia di anni prima” degli eventi raccontati ne “Lo Hobbit” e nella trilogia “Il Signore degli Anelli”, senza traccia del singolo episodio in cui Tolkien gli eroi hanno combattuto per il grande schermo.

Le prime tre stagioni sono state dirette dal regista spagnolo Juan Antonio Bayona e create da Patrick McKay e JD Payne che hanno esplorato l’origine e la creazione di episodi di potere dalle appendici dello scrittore.

Alla conferenza hanno partecipato anche Owen Arthur, Leon Wadham, Tristan Gravel, Ben Walker, Morvid Clark e Charlie Vickers. EFE

sig. / csr / enb

(foto) (video)

EFE 2022. La ridistribuzione e la ridistribuzione di tutto o parte dei contenuti dei Servizi EFE, senza il previo ed espresso consenso di Agencia EFE SA, è espressamente vietata.