Giugno 1, 2023

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Enrique Banbury trasforma la paura in speranza in “Greta Garbo”

Quando Enrique Banbury ha pensato che non sarebbe mai stato in grado di tornare sul palco a causa di una rara condizione fisica, ha pensato di ritirarsi con una musa potente e il silenzio dell’attrice svedese Greta Garbo.

“Rompere questo filo in un certo senso è la base del pensiero e delle riflessioni che sono nelle canzoni di questo album”, ha detto Bunbury in una video intervista riguardante l’uscita di “Greta Garbo”, il suo ultimo album e il suo primo album da allora. Gli è stata diagnosticata una grave intolleranza a una sostanza chimica presente nella maggior parte degli effetti del fumo usati nella messa in scena, chiamata glicole. Questa intolleranza portava ad attacchi di tosse, mal di gola e una sensazione di sabbia nei polmoni.

La maggior parte delle canzoni di “Greta Garbo” sono state composte nel 2022 e contengono un sentimento di speranza e disperazione, alfa e omega, come nella canzone “Armageddon of Sympathy”.

“Per tutto questo tempo”, ricorda, “è passato da un momento di euforia ed emozione a un momento di tristezza e la sensazione che qualcosa stesse finendo e che la fine fosse arrivata ed era definitiva”. “Questi due sentimenti coesistono nell’album e non mi importava affatto perché potrebbe suonare incoerente, perché penso che in un certo senso sia qualcosa che non ho provato solo a causa delle mie circostanze, penso che abbiamo vissuto tutti costantemente negli ultimi tempi.”

Viene citato nel film “The Disappearance” della Garbo, che si ritirò volontariamente dal cinema e dal pubblico all’apice della sua carriera, all’età di trentasei anni. Nel suo caso, Bunbury è stato costretto al ritiro con oltre 50 anni.

“È una figura così affascinante non solo per i suoi film, ma per la decisione personale che ha liberamente preso di isolarsi e perseguire altre cose, sembra difficile per tutti noi ora lasciare volontariamente il palco”, ha detto Bunbury. Lei “ha deciso di non apparire più in pubblico e lo ha adempiuto”.

Rivelare tutte queste vulnerabilità per Banbury è una rottura con i vecchi stereotipi di mascolinità. Alpha male “è un concetto che è stato offuscato per molti anni e che in questo momento, ormai da molti anni, gli uomini vivono perfettamente con il loro lato femminile e con la loro vulnerabilità e forza”, ha detto. “Entrambi, proprio come le donne, le donne vivono con una sensibilità e una forza inquietanti.”

READ  La Fiera Internazionale d'Arte di Bogotá torna con 300 artisti dopo tre anni

Dopo il 2008, quando ha lavorato con Phil Manzanera in “Hellville de Luxe”, questo è stato il suo primo album con un produttore, in questo caso Adán Jodorowsky aka Adanowsky.

“Volevo che il mio produttore fosse qualcuno che si occupasse della mia musica e mi aiutasse ad andare dove non sarei andato da solo”, ha detto Bunbury.

Conoscono Jodorowsky da oltre un decennio e hanno condiviso il palco, oltre a sognare di realizzare un progetto comune.

“C’è qualcosa di molto particolare nel suo modo di avvicinarsi alla musica che mi piace molto, e sta ponendo limiti rigorosi a tutto ciò che deve accadere e allo stesso tempo ciò che ti limita ti libera”, ha detto Bunbury. “In questo caso, è stato in un modo organico, vecchio (vecchio), lavori su nastro, smetti di guardare il computer, sono musicisti che suonano e devi usare le orecchie”.

Hanno anche usato un microfono vintage, degli anni ’70, non hanno usato un ciak per festeggiare, hanno suonato liberamente e hanno tratto ispirazione da generi come soul, New York New Wave e Ziggy Stardust di David Bowie.

“Se qualcuno volesse controllare quando un disco viene ascoltato, vedrebbe che nelle canzoni ci muoviamo e ci sono momenti in cui saliamo al ritmo e momenti in cui acceleriamo e momenti in cui stiamo rallentando, ecco chi è. È umano ed è una specie di musica “, ha detto. Bunbury. “Penso che ci sia qualcosa di magico e umano nel permettere un errore, vivere con un errore, vivere con l’umanità del musicista, i sentimenti del musicista e cogliere le cose piuttosto che le piccole parti”.

Ha detto che Banbury era accompagnato da musicisti francesi in questo album, sono “molto giovani, non hanno nemmeno 30 anni, sono una band di bambini”.

READ  Amber Heard dice la verità su cosa è successo al suo ruolo in "Aquaman 2" e incolpa Johnny Depp

Il rocker di Saragozza è un esperto nel creare questi piccoli universi canzone per canzone, come MTV Unplugged del 2015, che ha fatto senza ripetere.

“Penso che la musica sia molto influenzata in questo momento… amo ascoltare i musicisti, mi piace quando ascolto un disco sapere che c’è un essere umano che suona una bella parte di chitarra, o piano, o sintetizzatore”, ha detto.

“Greta Garbo” è stato registrato all’El Desierto Studio alla periferia di Città del Messico, nella giungla conosciuta come Desierto de los Leones.

“Ci sono andato diversi anni fa, mi ha portato Rita Guerrero”, ricorda il defunto cantante della band messicana Santa Sabina. “È un luogo magico e meraviglioso, molto vicino a Città del Messico e allo stesso tempo ti senti molto lontano dal rumore e dallo stress, dal trambusto della città.”

Lo studio contiene strutture che consentono agli artisti di dormire e vivere durante la registrazione.

“È stato fantastico restare, Adam con suo figlio, è venuta la mia famiglia”, ha detto. “È stato un meraviglioso momento di co-creazione in un luogo che mi ha permesso di alzarmi ogni mattina e fare lunghe passeggiate attraverso tutte quelle meravigliose foreste che già conosco come il palmo della mia mano.”

“Per me, entrare in Messico è sempre entrare a casa, in un posto molto caro”, ha detto l’artista, che ha anche sposato Jose Girl in campagna, dalla quale ha sua figlia Asia. “Metà della mia vita è passata attraverso il Messico”, ha detto.

Bunbury una volta cantava mariachi allo Zocalo di Città del Messico. Anche se ha detto che questo non sarebbe successo di nuovo, ha cambiato idea.

“Mi piacerebbe cantare di nuovo mariachi qualche volta”, ha detto. “Amo la musica tradizionale messicana, infatti le canzoni che sto componendo ora per il prossimo album hanno una base latina, spagnola e latina, è un album molto più tradizionale in termini di ricerca del tipo più puro di tradizione e radici.. . Sono appassionato di musica messicana e latino americana quindi non la escludo.”Assolutamente”.

READ  Quali sono le origini del romanzo poliziesco? Con Juan Marie Parasorda

In “Greta Garbo” dedica alla sua famiglia il brano “De vuelta a casa”.

Ha detto: “Momenti di disperazione e delusione coesistono in quella canzone, ma è un’ode a tutta la grandezza che mi aspetta nella mia condizione nel nucleo della mia famiglia, nella mia casa, nel luogo in cui l’ho creata”.

In “Being Unforgettable”, approfondisce la musica da discoteca e parla di “cadere con stile”, oltre a cercare di demistificare le celebrità.

“Ho un gusto per gli errori e le battute d’arresto, e penso che siano momenti meravigliosi in cui abbiamo l’opportunità di imparare come mai prima nella nostra vita”, ha detto. “Questa canzone in realtà è più una riflessione sulle celebrità o sul desiderio di essere riconosciuti o riconosciuti ora di quanto lo siamo noi, quando secondo me le persone più straordinarie che ho incontrato non sono esattamente le persone di maggior successo, ma persone normali, persone normali .”

“The Perfect Storm” è una canzone in cui il pessimismo si trasforma in una dichiarazione positiva.

“È una canzone completamente liberatoria ed essere in grado di gridare ‘questi tempi incerti’ è qualcosa che penso ti aiuti a superarlo e voltare pagina e vedere le cose su cui puoi davvero contare per continuare a sperare nella tua vita e nel tuo lavoro e le cose che li motivano”.

Quando non sapeva cosa aveva, Bunbury temeva di perdere la sua relazione unica con il suo pubblico immediato.

“Ero addolorato che questa distanza dal pubblico potesse significare recidere il legame di comunicazione che esiste”, ha detto, “perché un concerto è un momento di connessione con le persone che hanno vissuto e sentito le tue canzoni”.

Ora, con il suo album in mano, Bunbury si prepara ad esibirsi in concerto il prossimo giugno a Città del Messico, Guadalajara, Los Angeles, New York e Madrid.