Giugno 27, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Enrique Vas (RI Elcano): “Le aziende dovrebbero evitare di basarsi in Asia”

Varietà per affrontare l’incertezza, ma vicino a casa. Questa la ricetta proposta per Entrepreneurs da Enrique Vas, Principal Investigator presso l’Elcano Royal Institute, consulente indipendente e professore associato presso IE University e IE College of Global and Public Partners. Vas sottolinea che la Spagna, dato il suo elevato indebitamento, è particolarmente vulnerabile agli effetti del secondo round di guerra in Ucraina, che metterà a dura prova il mercato finanziario. Tuttavia, ammette, stabilire aspettative in una situazione così instabile è un “esercizio di previsione”.

Domanda: All’inizio dell’invasione, ti aspettavi che la Spagna non sarebbe stata inizialmente colpita dalle sanzioni, ma sarebbe stata influenzata dall’impatto del secondo round di natura finanziaria, è così?

Risposta: Inizialmente l’inflazione era solo generale e ora si sta già diffondendo ai beni intermedi. C’era una certa direttiva sui costi dei materiali industriali. La guerra ha causato un’inflazione persistente, che potrebbe essere temporanea. Al momento non è stato convertito in salari, anche se ci sono indicazioni, e non siamo in una spirale inflazionistica in cui prezzi e salari sono in aumento. La Fed ha alzato i tassi e, sebbene l’Eurozona sia in un altro ciclo, la Banca Centrale Europea (BCE) sta già parlando di un aumento dei tassi in modo più esplicito.

D: Possiamo parlare di uno scenario di stagflazione come quello accaduto negli anni ’70?

un.: Penso che ci sia un po’ di confusione in questo concetto. Ci troveremmo in uno scenario stagflazionistico se ci fosse un’inflazione elevata e tassi di disoccupazione elevati, ma al momento non si può parlare di un mercato del lavoro in deterioramento. In Europa abbiamo raggiunto un alto livello di occupazione e negli Stati Uniti il ​​mercato del lavoro è molto attivo. Sì, è vero che l’inflazione coesisterà con una diminuzione dell’attività economica, ma non sarà stagflazione. Come negli anni settanta c’è un fascicolo shock Fornitura, ma non siamo in una crisi occupazionale.

D: Lei ha indicato che non ci saranno sanzioni efficaci contro la Russia che non danneggino l’economia europea. Bruxelles sta gestendo bene il colpo di stato?

un.: Tutto ciò che la politica consente verrà implementato. Sebbene ci siano paesi con interessi diversi all’interno dell’Unione Europea e molti di loro dipendono fortemente dal gas o dal petrolio. Le importazioni di petrolio danneggiano la Russia, ma hanno spazio per andare avanti; Con il gas che richiede infrastrutture, è più complicato. Quindi fermare il commercio del gas è ciò che danneggia di più la Russia, così come l’Europa.

READ  Nuove foto esterne Renault Austral

D: La caduta dell’euro è uno di questi effetti?

un.: Si tratta dell’aumento dei tassi di interesse da parte della Federal Reserve che ha indotto gli investitori a smettere di acquistare debito dall’Europa e ad acquistarlo dagli Stati Uniti. Questo consumo aumenterà ancora di più la bolletta energetica, perché il petrolio viene scambiato in dollari. In breve, il deprezzamento dell’euro è legato alla ridotta attività in Europa, alle aspettative di ribasso e alla differenza dei tassi di interesse.

D: La Banca centrale europea ha aperto le porte all’aumento dei tassi di interesse entro la fine dell’anno, ma non sta agendo rapidamente come il Regno Unito o gli Stati Uniti. L’Europa è ad un’altra fase o il rischio di recessione è maggiore?

un.: Non solo questa decisione è influenzata dall’inflazione in Europa, ma anche la domanda nell’Eurozona è strettamente correlata. Ci sono ragioni meno teoriche per aumentare i tassi di interesse, ma il deprezzamento della valuta e l’inflazione ti costringono a farlo. Tuttavia, la banca centrale deve agire per evitare che le aspettative di inflazione prendano piede.

D: Hanno scommesso sulla BCE che raggiungeranno il 3% di inflazione entro la fine dell’anno, e ora è del 7,5%. Sarà a scapito della crescita?

un.: Sì, per cominciare, mutui più alti porteranno a consumi inferiori. Un aumento del prezzo non influisce direttamente sui prezzi, ma colpisce la domanda: induci un rallentamento in modo che la domanda diminuisca.

D: Come influenzerà la Spagna?

un.: In Spagna non ci siamo ancora ripresi dal Covid e c’è un alto livello di indebitamento. Nonostante l’abbiamo abbassato, abbassato il costo medio e abbassato i termini, quando un livello di debito più alto raggiunge con prezzi più alti, è normale che i mercati siano prudenti e non optino per il debito spagnolo. Quando le cose diventano finanziariamente difficili, vengono trasferite ad altri titoli più sicuri come il tedesco.

READ  Porsche: DeLorean torna nel futuro e incontra... Porsche Taycan

D: L’accordo raggiunto da Spagna e Portogallo per ridurre i prezzi dell’energia è una misura efficace per ridurre gli effetti del secondo round in Spagna?

un.: Vale la pena esplorare. Ha i suoi vantaggi e svantaggi. La scala influisce direttamente sulla formazione dei prezzi. La Spagna è tagliata fuori dal mercato energetico europeo (che è sempre stato un problema) e con il nuovo provvedimento intende cambiare il mercato all’ingrosso, rischiando così di cambiare il mercato degli investimenti. Altri paesi hanno scelto di fare di più nel mercato al dettaglio. Potrebbe avere effetti collaterali ed è ancora troppo presto per dirlo.

D: La previsione della Spagna del 4,8% (FMI) o del 4,3% (governo) ti sembra realistica?

un.: Mi rifiuto di fare previsioni in uno scenario così instabile. A seconda di come va la guerra, potrebbe essere maggiore o minore. Ma sì, doveva essere ridimensionato. Le previsioni in periodi di stabilità hanno un senso, e ora è un esercizio di predizione del futuro.

D: Nel tuo ultimo articolo, hai avvertito che la Cina non può essere dimenticata. Ci sono economisti che affermano che il colpo economico di questa ondata potrebbe essere maggiore del primo. Quali sono le conseguenze che la crescita della Cina quest’anno potrebbe essere limitata al 4% come suggeriscono alcune organizzazioni (FMI, Natixis)?

un.: La situazione a Shanghai è molto preoccupante. La Cina concentra gran parte della sua crescita nelle regioni costiere, il che significa che le regioni centrali sono in una brutta posizione. Il presidente cinese tiene una conferenza in autunno e c’è un intoppo per far emergere la politica Covid Zero che hanno così tanto sostenuto. Il ritiro dalla Cina potrebbe causare molti danni. Anche se non l’abbiamo ancora visto, potremmo assistere a forti tensioni di approvvigionamento dovute agli squilibri della catena di approvvigionamento a seguito della situazione a Shanghai e alla generazione di allerta a medio termine. Per mitigare la crisi, lo Stato potrebbe ripensare agli investimenti nelle imprese. Mi preoccupa molto, devi seguirlo da vicino. La stagnazione della crescita in Cina sta avendo un impatto sull’economia globale, oltre che sulla Cina stessa.

READ  Il petrolio del Texas è sceso dello 0,2% per chiudere a 83,65 dollari al barile

D: Di fronte alla flessione del mercato immobiliare dopo Evergrande e alle pressioni inflazionistiche, cosa può fare la Cina per stimolare la sua economia?

un.: Puoi spendere troppo per l’infrastruttura, ma ha i suoi limiti. La Cina ha gli strumenti, ma non ha molto spazio per ridurre i prezzi, perché ridurrà ulteriormente la domanda e la crescita nelle costruzioni non ha molto spazio a causa della crisi in cui è immerso il settore. Tuttavia, è ancora un paese molto grande con un settore pubblico presente in tutti i settori dell’economia. È difficile prevedere quale sarà la strategia del governo.

D: Qual è il prossimo cigno nero per l’economia spagnola?

un.: Improvvisamente abbiamo un’altra variabile che complica la situazione. Non credo che ci sarà di nuovo il confinamento completo, ma il movimento delle persone può essere moderato e il turismo ridotto. Un altro è prolungare la guerra oltre ciò che è sostenibile. Inoltre, tassi di interesse più elevati potrebbero causare problemi dal punto di vista della sostenibilità del debito, che potrebbero esercitare pressioni sui mercati finanziari.

D: Se guidassi un’azienda, quali decisioni prenderesti in questo contesto?

un.: Tutto quello che faccio è diversificare i rischi ed evitare di concentrarmi sul mercato asiatico. Anche avere un mercato concentrato in paesi come gli Stati Uniti è pericoloso. Molto probabilmente, ci sarà una concentrazione di flussi interregionali in un futuro non troppo lontano, quindi sceglierò di diversificare il più possibile all’interno dell’Europa. È inoltre necessario ridurre l’esposizione ai mercati emergenti, che saranno molto instabili nei prossimi mesi.

D: Se avessi dieci milioni di euro, cosa faresti?

un.: Investirai in azioni di società europee di telecomunicazioni o difesa. Certo, i settori della tecnologia e della sicurezza hanno un futuro. Altri appaiono più turbolenti o volubili.