Febbraio 8, 2023

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

“Ero nel deserto e mi hai trovato”

Aggiornato:

Memorizza

Resurrezione professionale Brendan Fraser Dimostra che a Hollywood ci sono molte vite. La sua interpretazione in The Whale continua a ottenere riconoscimenti, un’industria che si riconcilia con un attore che era tutto ed è stato espulso dal sistema dopo una star in divenire.

Il merito di questo ritorno d’élite di Fraser va a Darren Aronofsky. E il regista gli ha dato una rimonta, ringraziandolo in maniera molto commovente in diverse occasioni. L’ultimo, quando riceve il premio a Miglior attore ai Critics’ Choice Awards. «Ero nel deserto. E forse avrei dovuto lasciare una scia di briciole. Ma mi hai trovato”, ha fatto un gesto dal palco, lasciando Aronofsky sull’orlo delle lacrime.

Il film per il quale è stato riconosciuto racconta la storia di un uomo con Obesità patologica E come è finito in una fossa di depressione cercando di uscirne. Il potente messaggio che racconta è una perfetta metafora della situazione dell’interprete.

“Se tu, un uomo come Charlie, che interpreto nel film, sei in qualche modo obeso o ti senti come se fossi in un mare oscuro, voglio che tu sappia che se Anche tu puoi avere la forza di alzarti e andare verso la luceTi succederanno cose belle. Questo film parla d’amore. Si tratta di redenzione. “Si tratta di trovare la luce in un luogo buio”, ha detto, ricevendo una standing ovation dal podio.

READ  Ivalona subentra da oggi al posto di "In La Sala" dopo l'addio di Becky G

Già con le lacrime agli occhi, ha anche elogiato i suoi partner cinematografici. “Sono molto orgoglioso di aver potuto lavorare con uno staff così straordinario. Grazie mille a tutti”, ha detto addio a un fragoroso applauso dalla sala.

La depressione che ha attraversato Brendan Fraser e la sua rottura con l’intero “star system” è stata una sorta di catarsi per l’industria stessa. Molti dei colleghi dell’attore ora lo riconoscono e lo accolgono, cosa che adora. Nella stessa cerimonia, ad esempio, si è sciolto tra le lacrime in un appassionato abbraccio con Michele YuHa vinto il premio come migliore attrice per il suo ruolo in Tutto in una volta, ovunque.

Resta da vedere se questo ritorno è solido o semplicemente un canto del cigno nella carriera di colui che è stato un idolo per le masse grazie alla saga di “Mummy”.

guardali
Commenti