Giugno 28, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Espacio Municipalista chiede a Buj di “fare di più” per l’ambiente

Zizzar Corella. Foto: EMT

ELo Spacio Municipalista-EMT risponde ai commenti di Emma Pogue in cui il sindaco afferma che “non c’è mai stato un impegno ambientale in una grande città di Teruel come adesso” e risponde che “si potrebbe fare molto” su questo.

Tra le recenti azioni attuate, il sindaco ha evidenziato nelle sue recenti dichiarazioni di aver intrapreso la piantumazione e la sostituzione di alberi, la creazione di nuove aree verdi e la cura degli spazi pubblici, evidenziando il nuovo Parco del Polígono Sur, anche le azioni sulle rive dei fiumi in via di completamento come altri interventi minori Come il giardino verticale o la sostituzione degli alberi danneggiati dalla tempesta Filomena, il tutto inquadrato con l’obiettivo di realizzare una “città più verde”.

La composizione dei comuni riconosce tali azioni come “positive” così come l’approvazione del piano regolatore per le foreste e le aree verdi, pur criticando che “non vi siano progressi strutturali” in riferimento all’attuazione delle misure previste dal master piano stesso, poiché “per quanto riguarda la gestione degli spazi verdi in mandato comunale, non sono stati presi provvedimenti e non si è iniziato a rinormalizzare l’ambiente cittadino”.

Ricordano anche che la nuova legge sugli alberi è un’iniziativa proposta dall’EMT che il sindaco ha definito “un altro passo e di essere in uno stato avanzato”.

Hanno notato che la formulazione del progetto delle piste “è ancora in fase di stesura e per l’importo stanziato è chiaro che la sua portata sarà limitata”. I comuni ritengono che “ci sono più progetti da sviluppare e bandire per riempire l’ambiente della città come spazio verde”, perché con “più progetti e più investimenti” sarà possibile iniziare a formare il cerchio verde che rivendicavano e “ renderà Teruel una città migliore in cui vivere”. In cui.

READ  La modifica dello schermo non ufficiale dell'iPhone 13 disabilita Face ID

Per quanto riguarda la raccolta fondi europea per iniziative ambientali da piani di ripresa e resilienza, deplorano che ci siano “chiamate perse” come l’acquisizione di auto elettriche e criticano anche che alcuni dei progetti presentati siano “non molto grandi”. in grado di competere cercando di intrufolare semplici ristrutturazioni di marciapiedi in progetti di mobilità sostenibile”, motivo per cui la città di Teruel non è stata selezionata.

Per EMT è necessario “presentare più progetti” in Europa e altri bandi nel campo della trasformazione verde ed ecologica, ma per questo “devono essere più preparati” e disporre di un servizio ambientale forestale e comunale “con tecnici specializzati dedicati a la materia”, che attualmente non esiste. Hanno anche denunciato il rifiuto del PP di istituire questa unità nell’affrontare i budget.

Dopo aver parlato di questi temi di “un’immagine più verde e amichevole della città”, la formazione ha considerato nella dichiarazione che “ci sono altri aspetti ambientali che stanno procedendo molto lentamente” e che per i comuni è “essenziale”, non inverdire la città e i suoi dintorni, ma per “non danneggiarla”.

Hanno deplorato che in termini di gestione o fornitura di detriti e acque reflue “negli ultimi anni sono stati fatti pochi progressi”. Per quanto riguarda l’apertura del punto di pulizia “l’orario mattutino limitato significa che non è possibile un uso generale” di esso. La discarica “genera disagi e inquina l’intero ambiente”, come lo spazio naturale Laguna de Tortagada.

Allo stesso modo, l’attuale discarica comunale è prossima alla fine della sua vita utile e deve “ristrutturare l’ambiente e cercare un nuovo sito”, anche se al momento non abbiamo un progetto o studiamo alternative.

READ  AMD ritiene che la carenza di semiconduttori nel settore tecnologico finirà nel 2023 | Tecnica

Sempre dalla seconda metà degli anni ’90, il problema dell’acqua è diventato “ricorrente a Teruel durante la siccità”, con progetti allo studio in vari punti per studiare la possibilità di estrarre pozzi sotterranei senza garantire per anni questa fornitura alternativa. “È possibile che il mandato finisca senza fare nulla”.

Ci sono anche aspetti in cui si possono compiere progressi, come la creazione di un Nucleo verde di polizia municipale che “può essere designato, tra l’altro, per il controllo dei rifiuti illeciti o degli scarichi fognari” nonché per monitorare la disciplina urbana attraverso il controllo delle costruzioni illegali e afferma che “costruire su un terreno inutilizzato è un crimine”.

E sull'”impegno ambientale” hanno anche notato che durante la celebrazione del Festival della giovenca a Teruel, sono state generate 95 tonnellate di rifiuti, per lo più plastica, “che possono essere ridotti adottando misure come l’implementazione di bicchieri riutilizzabili nei bar”.

Un altro aspetto importante del progresso di Espacio Municipalista – EMT è la formazione di una comunità energetica che “inizia a produrre energia verde sui tetti e dintorni” della città. Sottolineano inoltre che le infrastrutture sportive e gli spazi verdi “non sono distribuiti in tutti i quartieri”, implicando “squilibrio sociale non in linea con la sostenibilità e la coesione regionale”, un aspetto che richiede aiuti europei.

Infine, hanno notato che l’impianto di trattamento di Teruel è entrato in servizio nel 1999 e che da allora “ci sono ancora molti quartieri rurali che non trattano le loro acque o creano scarichi incontrollati in alcune parti della città” e lo schema non è stato risolto.