Settembre 25, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Estratti dalle veglie carcerarie: dichiarazioni militari in Paraguay

Scritto da Martin Almada

Famoso attivista e avvocato per i diritti umani, destinatario del Premio Nobel per la pace alternativo dalla Right Livelihood Prize Foundation (2002). L’articolo fa parte di un libro inedito.

Vorrei citare un po’ di storia. Evoca due eventi importanti, di segno politico opposto, realizzati dalle Forze armate paraguaiane e indicando il ruolo importante che l’esercito ha svolto nella nostra storia.

Sono due dichiarazioni che, sebbene sembrino proclamare idee politiche simili come la democrazia e il rispetto dei diritti umani, in realtà sono diametralmente opposte e suggeriscono posizioni diametralmente opposte.

1) La Dichiarazione Militare-Democratica della Rivoluzione dell’8 marzo 1947, proclamata dal governo rivoluzionario di Concepción, con l’appoggio di soldati liberali, socialisti (Febreristi) e comunisti, chiedeva:

a) Normalizzare il Paese per porre fine una volta per tutte al sistema di oppressione e violazione e allo smantellamento delle istituzioni armate al fine di garantire libertà e ampia legittimità a tutti i partiti politici in primis.

b) Efficace pulizia dell’establishment di polizia e dei capi dell’esercito dipendenti dalla dittatura.

c) Elezioni libere.

d) Infine, misure per far fronte all’alto costo della vita e migliorare le tristi condizioni delle persone.

Questo annuncio fu una risposta alla ribellione avvenuta nel Paese contro il governo del dittatore Higenio Morenigo (1940-1948), che provocò una spaccatura all’interno dell’esercito. Una parte delle forze armate ha adottato atteggiamenti favorevoli al popolo, con un vero programma democratico.

Ma furono sconfitti nell’agosto dello stesso anno 1947 dai corrotti dell’esercito e del Partito del Colorado, soprattutto dall’intervento del governo argentino di Juan Domingo Perón (primo periodo 1946-1955) e dall’appoggio degli Stati Uniti, che guardava con sospetto alla partecipazione comunista (sebbene minoritaria) tra le forze rivoluzionarie.

READ  La Francia è sull'orlo di una nuova ondata di caldo

Alfredo Stroessner faceva parte del settore delle forze armate contrarie alla Rivoluzione Democratica, e da allora il completo dominio del Partito Colorado ha consolidato e rafforzato il potere di questo colonnello che ha guidato una lunga dittatura militare (1954-1989). dagli Stati Uniti.

Era molto lontano dai principi democratici del settore delle forze armate enunciati nel marzo 1947.

In modo che tutto sia sempre uguale

2) L’altra dichiarazione è stata ispirata dal leader del colpo di stato, il generale Andres Rodriguez, il 2 e 3 febbraio 1989, con il sostegno dell’esercito conservatore del Colorado/Stronest e chiedeva:

a) Ripristino della dignità delle forze armate.

b) la completa unificazione del colordismo al governo.

c) Inizia il processo di democratizzazione.

D) rispetto dei diritti umani

e) Rispetto della religione cattolica.

Con questa dichiarazione, inclusa l’idea di “nessun vincitore, nessun perdente”, il generale Andres Rodriguez (1989-1993) rafforzò la trinità che Stroessner inaugurò il 4 maggio 1954: Forze armate/Governo/Partito del Colorado.

Come nell’opera “El Gatopardo” di Giuseppe Tomasi di Lampedusa, qualcosa è cambiato perché tutto rimanga uguale. Così i funzionari e gli oppressori della dittatura divennero, dopo il 3 febbraio 1989, senza alcun problema, funzionari democratici. La natura dello stato corrotto non è cambiata, anche se il sistema politico sembra essere cambiato.

L’incapacità dello stato di punire la tortura, che copre la sua pratica nell’impunità, supporta finora l’uso sistematico di questa pratica da parte delle forze di sicurezza.

Siamo consapevoli che le forze armate non ci hanno portato la democrazia. Quello che ci hanno portato è l’impunità. Il popolo ha conquistato la democrazia dopo una lunga lotta nelle strade per 35 anni. Ma è ancora una democrazia imperfetta, con elementi della vecchia dittatura insiti in essa.

READ  La Cina condanna l'embargo statunitense sulle importazioni di petrolio russo

Lilian Segovia, assistente di volo di Air Paraguay (LAP), ricorda che il 3 febbraio 1989 fu chiamata per un volo speciale e urgente per portare il generale Alfredo Stroessner in Brasile.

Addio, Stroessner disse ai piloti e agli altri membri dell’equipaggio: “Buona fortuna con il nuovo governo e sostegno al tuo nuovo capo” (Diario Altima Hora, Asuncion, 15 febbraio 1989). Questa affermazione fa meravigliare se si tratti di un colpo di stato soggettivo….

In conclusione, per porre fine a questo interminabile processo di transizione con una facciata democratica, abbiamo bisogno che le forze armate siano al servizio del popolo, come l’esercito nel marzo 1947.

Alcune forze armate che smettono di affrontare il dolore delle persone, fanno della politica un business e sono al servizio di una minoranza che le ha corrotte e sfruttate a proprio vantaggio. I soldati della rivoluzione del marzo 1947 hanno dimostrato che questo è possibile.

erba / ma