Giugno 28, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Europa/Italia – “La pace è possibile”: Carovana parte per Odessa con l’appoggio dei vescovi

Europa/Italia – “La pace è possibile”: Carovana parte per Odessa con l’appoggio dei vescovi

Roma (Agenzia Fides) – “Mostrare la vicinanza e l’unità delle Chiese in Italia a quanti soffrono per il conflitto in corso”: con questo scopo Mons. Francesco Savino, Mons. Casano Al’Jonio e Vice Presidente della Conferenza Episcopale Italia (CSI) dal 26 al 29 giugno “La carovana si svolgerà a Odessa, in Ucraina.
La carovana partirà dalla Corea sabato 25 giugno e il convoglio di oltre 60 veicoli è arrivato nella città di Leopoli, una continuazione del viaggio di pace iniziato con la prima carovana che è salpata per l’Ucraina lo scorso aprile. A causa dell’elevata situazione di conflitto in quella parte dell’Ucraina, questa volta ci saranno meno veicoli e persone. Come annunciato dall’organizzazione “StotheWarNow” guidata da Papa Giovanni XXIII, i veicoli hanno raccolto negli ultimi mesi aiuti umanitari – principalmente alimentari e medicinali – da varie associazioni.
In un comunicato diffuso alla Conferenza Episcopale Italiana, monsignor Savino conferma: «Tra quattro mesi non mancheremo di metterci ai margini della guerra, che, secondo fonti Onu, avrebbe sostenuto decine di migliaia di civili danneggiato. Al contrario, sentiamo il bisogno di mantenere la pace nella zona di conflitto”. Il vicepresidente della Conferenza episcopale italiana arriverà nella carovana con due operatori della Caritas: “Vogliamo testimoniare che la pace è possibile. Dalla guerra, da tutte le guerre, si è sconfitti. La guerra non è mai la soluzione”.
A Odessa sono previsti diversi incontri con organizzazioni, personalità religiose, associazioni e rappresentanti delle famiglie sfollate di Mikholev, Kerson e di altre zone colpite dal conflitto. Il 29 giugno è previsto un incontro a Chisinau con l’arcivescovo cattolico di Moldova, signora Anton Kosa, e la Caritas locale.
Dopo la carovana di giugno, ne verrà organizzato un terzo a metà luglio, segno e testimonianza del proseguimento del viaggio: ad aprile ha portato aiuti, ma è fuggito in Italia a causa della guerra con i disabili o gli anziani. Queste attività continuarono e continuarono tra una carovana e l’altra durante questi mesi.
(EG-PA) (Agenzia Fides 23/06/2022)

READ  L'Italia riconosce il sostegno dell'Argentina ai colloqui con il FMI sul debito estero


Condividere: