Giugno 28, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Evan Ramiro Sosa, lettera al resto della Colombia al Giro d’Italia

Per arrivare alla Pasqua a Gundinamarca, devi prima attraversare l’Avenida de los Palmeras a Fusakasuka, la terra di Lucho Herrera. C’è un dislivello puro di 11 chilometri fino a 2.200 metri sul livello del mare e ci sono piste con difficoltà dell’11%. Una volta lì, se c’è ancora ossigeno nei polmoni, Tenza, Guadavita e Tutta quella zona era un tempo governata dal popolo di Muiska.

A Pasqua, 31 ottobre 1997, Evan Ramiro Sosa è nato, è stato il giovane capitano della spagnola Movistar, ha girato 19° nella categoria generale del Giro d’Italia.. Due volte campione della Vulta a Burgos, vincitore dei titoli Vulta Asturias di quest’anno e dopo aver vinto titoli al Tour de Provence e alla CPU, Sosa è arrivato alla Corsa Rosa con la chiara aspettativa di raggiungere i primi 10 posti o meno. A contestare lo stemma della montagna. Ma fino ad ora è passato inosservato.

Per gli scalatori, Zero inizierà questa settimana. Il difficile arriva, se hai buone gambe puoi andare in classifica generale. Non è definito “, afferma un giovane di Kundinamarka che ha imparato ad andare in bicicletta all’età di 9 anni, cavalcando una croce pesante con pneumatici neri.

All’epoca non prendeva molto sul serio il ciclismo e voleva giocare a calcio con i suoi amici del villaggio di Kuchibas, dove aiutava i suoi genitori, Antonio e Delma, nei lavori agricoli.

“Allora ci è semplicemente venuto a conoscenza Sebbene non fossi lo studente migliore, mi dissero di concentrarmi sui miei studiSosa, 20 anni, ha ricordato domenica sul palco dei Blackhouse.

Fu suo zio Joaquin a ispirarlo a diventare un ciclista, e all’età di 14 anni, che già possedeva un buon GW in alluminio, iniziò a correre con i suoi cugini attraverso Kundinamarca e Bojaca.

READ  Un tribunale tedesco ascolterà un uomo di 100 anni che ha assistito a 3.518 morti in un campo nazista

“All’inizio ho gareggiato nei circuiti, ma poco a poco ho iniziato ad entrare in gare importanti. Non ho fatto parte della squadra fino all’età di 15 o 16 anni, poi Fabio Singate mi ha arruolato a Canabro, un gruppo che poteva andare alle gare della Federazione Ciclistica Colombiana.

Prima la scuola era a 10 minuti a piedi. Poi, quando andò a scuola, Adolfo Leon Gomez dovette camminare per un’ora in memoria del grande drammaturgo di Aqua de Dios. Arrivava veloce in bici ed era sempre affollato sulla strada. ‘

“Un sacco di gente sta uscendo dalle strade di Gundinamarca. Molti contadini, studenti, utenti della strada, turisti. C’è sempre qualcuno a cui sparare”, ha detto l’uomo che ha attraversato Canapro ed è andato in Italia per tentare la fortuna, vincendo le gare lì e raggiungendo il podio a livello amatoriale, attirando l’attenzione di Gianni Savio, che lo aveva portato .Egan Bernal e Rodolfo Torres nelle squadre Del Anthony esistenti.

Il mio candidato in Europa è stato Andrea Bianco, poi ho conosciuto Gianni Savio. All’inizio è stato difficile a causa della barriera linguistica, ma Egan e Rodolfo mi hanno aiutato molto”, dice.

La carriera di Sosa è andata dal basso verso l’alto. Non era un giovane ciclista due anni fa, si allenava, imparava. Oggi è un “cabo” rispettato all’interno di Pelotton, ei suoi allenatori lo vedono come il futuro campione di un grande.

“Evan è così talentuoso, diventa il migliore. Non ha ancora raggiunto il suo pieno potenziale.”, rivela Gianni Savio.

La festa ritorna

Zero riparte oggi con la tappa Pescara-Jesse di oltre 196 km, Una vera tortura per le gambe, le pareti, le brevi salite e le brevi discese degli ultimi 100 chilometri. Montagne russe infinite. Poi ci saranno due livelli piatti, Pharma-Genova e l’obbligatorio circuito di Reggio Emilia, dove Fernando Caviria ha vinto due volte.

READ  L'Italia ha rifiutato di giocare contro la Russia in una partita pre-mondiale

Infine, Kunio, Torino e Cogniz, i grandi favoriti, tra cui Sosa, torneranno a mostrare i denti prima del fine settimana, prima di riposarsi per la terza settimana.

Les Fleurs, Verrogne e Cogne, domenica, erano già annacquati in bocca al giovane Cundinamarca, che non vedeva l’ora di dare il tocco finale a un grande tour, seguendo le orme del suo migliore amico Egan Bernal.