Ottobre 25, 2021

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Expo 2020 Dubai: 5 operai muoiono nei cantieri

Sabato Expo 2020 di Dubai ha riconosciuto la morte di cinque lavoratori durante la costruzione della gigantesca fiera mondiale, rivelando per la prima volta le statistiche pubbliche sulla morte dei lavoratori.

L’organizzazione aveva precedentemente indicato che i suoi 200.000 lavoratori hanno lavorato circa 240 milioni di ore per costruire la recinzione. Non ha fornito alcuna statistica generale su decessi, contagi o contagi da coronavirus tra i lavoratori nonostante le ripetute richieste dell’Associated Press e di altri giornalisti.

L’ammissione arriva dopo che il Parlamento europeo il mese scorso ha esortato i paesi a non partecipare all’evento a causa di “pratiche disumane (Emirati) nei confronti dei lavoratori stranieri”, aggravate dalla pandemia di coronavirus. La decisione ha aggiunto che le imprese edili prima della mostra “costringono i lavoratori a firmare documenti non tradotti, confiscare i loro passaporti, esporli a orari di lavoro rigidi in condizioni meteorologiche non sicure e fornire loro alloggi insalubri”.

In una conferenza stampa il giorno dopo l’apertura, il portavoce dell’Expo Sekoned McGeechen ha affermato che le informazioni sulle morti erano state precedentemente disponibili per i giornalisti e ha citato una dichiarazione su un memoriale per onorare i lavoratori che hanno eretto il sito da zero, che non ha fornito ulteriori dettagli . Ha aggiunto che le autorità forniranno ulteriori informazioni su questo argomento in seguito.

McGeichen ha anche riconosciuto che le autorità erano a conoscenza di casi in cui “appaltatori hanno trattenuto i passaporti” e hanno eseguito “pratiche di assunzione” sospette e violazioni della sicurezza sul posto di lavoro.

“Abbiamo adottato misure per garantire che questi casi siano gestiti e intervenuti”, ha aggiunto, senza approfondire.

Gli Emirati Arabi Uniti, un regno ricco di petrolio che fa affidamento sulla manodopera migrante a basso salario proveniente dall’Africa, dall’Asia e da altri paesi arabi per sostenere la propria economia, ha subito critiche da parte di gruppi per i diritti umani per aver maltrattato questi lavoratori. Ma le autorità hanno faticato a presentare un’immagine positiva della fiera, la prima del suo genere in Medio Oriente, che cerca di mostrare l’orgoglio di Dubai e attirare milioni di visitatori stranieri.

READ  Nuove testimonianze in Brasile nel caso dell'interferenza di Bolsonaro - Prensa Latina

Chi lavora negli Emirati Arabi Uniti non può formare sindacati, ha pochissimi diritti, spesso lavora per lunghe ore a bassi salari e vive in condizioni precarie.

Il caldo torrido dell’inizio dell’autunno a Dubai si è rivelato pericoloso anche per coloro che visitano il primo giorno di venerdì: alcuni turisti sono svenuti a causa del clima umido poiché la temperatura raggiunge i 40 gradi Celsius (104 gradi Fahrenheit).