Maggio 16, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

F1 2022: Premio Arabia Saudita oggi, in diretta

1 – Sergio Perez (1’28.200)

2. Charles Leclerc

3. Carlos Sainz

4. Max Verstappen

5. Esteban Ocon

6. George Russell

7. Fernando Alonso

8. Valtteri Bottas

9. Pierre Gasly

10. Kevin Magnussen

11- Lando Norris

12. Guanyu Zhou

13. Passeggiata con lancia

14. Daniele Ricciardo

15- Lewis Hamilton

16. Alessandro Albon

17- Nico Hulkenberg

18. Nicola Latifi

19. Yuki Tsunoda (esterno)

1- Ferrari – 44 punti

2. Mercedes – 27 punti

3. Haas – 10 punti

4. Alfa Romeo – 9 punti

5. Alpino – 8 punti

6. Alpha Tauri – 4 punti

7. Aston Martin – 0 punti

8- Williams – 0 punti

9. McLaren – 0 punti

10. Red Bull – 0 punti

1. Charles Leclerc – 26 punti

2. Carlos Sainz – 18 punti

3. Lewis Hamilton – 15 punti

4. George Russell – 12 punti

5. Kevin Magnussen – 10 punti

6. Valtteri Bottas – 8 punti

7. Esteban Ocon – 6 punti

8. Yuki Tsunoda – 4 punti

9. Fernando Alonso – 2 punti

10. Zhou Guanyu – 1 punto

11. Mick Schumacher – 0 punti

12. Passeggiata con lancia – 0 punti

13. Alex Albon – 0 punti

14. Daniel Ricciardo – 0 punti

15. Lando Norris – 0 punti

16. Nicholas Latifi – Punto zero

17. Nico Hulkenberg – 0 punti

18. Sergio Perez – 0 punti

19. Max Verstappen – 0 punti

20. Pierre Gasly – 0 punti

Per quanto riguarda la gara… abbiamo avuto più incidenti che hanno portato a 3 partenze diverse.
Verstappen E il
Hamilton Si sono toccati, sono usciti di pista, le radio hanno fumato e quando Verstappen ha dovuto riportare il sito a Hamilton, si sono schiantati. Facce lunghe e arrabbiate
Christian Horner e Toto WolffLe sanzioni erano di troppa ostilità ei britannici sono saliti sul gradino più alto del podio nella caotica gara che si è accumulata.
5 DNF (Vettel, Perez, Mazepin, Russell e Schumacher).

READ  Manchester City - Atletico Madrid in UEFA Champions League: Anteprima, dove guardare, potenziali squadre | Champions League

Dopo quello che abbiamo vissuto ieri e l’anno scorso, non escludiamo che la gara di oggi sarà testimone di una safety car. Quindi, visto quanto accaduto lo scorso anno e in qualifica, l’elevata probabilità di uscita di una safety car influenzerà le strategie da seguire.

una fermata:

I pit stop tra i giri 15-20 per uscire dalla media e guidare forte.

due stazioni:

I pit stop tra i giri 9 – 13 escono su superfici morbide e guidano duro, e si fermano di nuovo ai giri 32 – 38 per la guida media.

I pit stop tra i giri 13-18 escono di media e guida forte, fermandosi nuovamente ai giri 31 – 37 per guidare di nuovo media

ricordalo
Carlos Sainz Ha avuto problemi con la sua vettura prima dell’apertura della pit lane. DAZN segnala che il problema è stato risolto e che si trattava di un errore del sistema di alimentazione elettrica che era già stato corretto:

Problemi alla Ferrari Carlos Sainz poco prima del fischio d’inizio a Jeddah

non definito

I piloti presentano la loro versione dopo aver minacciato di annullare il Gran Premio in Arabia Saudita

A causa di questa situazione, i piloti, i team, la FIA e la Formula 1 hanno tenuto un incontro di 4 ore in cui hanno dovuto decidere se gareggiare o meno nel Gran Premio. Dopo l’intenso incontro, è stato confermato che il calendario rimane come previsto.

Attacco missilistico a Jeddah ma l’Arabia Saudita premia in futuro

scarpe Io ero
Un altro pilota da considerare, perché ha segnato ancora una volta una buona posizione. Ottavo dietro ad Alonso e ancora con una buona prestazione
Magnussen Che è stato rilasciato in questo dipartimento al decimo posto.
Sainz e Leclerc Hanno ripetuto un punteggio molto buono, dimostrando che sono i contendenti con cui vincere
Verstappen che era molto a disagio con le gomme, a differenza del suo compagno di squadra,
Sergio Perez, che ha sorpreso gli altri firmando il miglior tempo in rete e conquistando il centro della scena all’ultimo minuto. E per una maggiore eccitazione tra Pullman e l’ottavo seme,
Valtteri Bottas Manca meno di un secondo, e tra il messicano e l’olandese Mad Max c’è una differenza di soli 0,261 secondi.

1- Ferrari – 44 punti

2. Mercedes – 27 punti

3. Haas – 10 punti

4. Alfa Romeo – 9 punti

5. Alpino – 8 punti

6. Alpha Tauri – 4 punti

7. Aston Martin – 0 punti

8- Williams – 0 punti

9. McLaren – 0 punti

10. Red Bull – 0 punti

1. Charles Leclerc – 26 punti

2. Carlos Sainz – 18 punti

3. Lewis Hamilton – 15 punti

4. George Russell – 12 punti

5. Kevin Magnussen – 10 punti

6. Valtteri Bottas – 8 punti

7. Esteban Ocon – 6 punti

8. Yuki Tsunoda – 4 punti

9. Fernando Alonso – 2 punti

10. Zhou Guanyu – 1 punto

11. Mick Schumacher – 0 punti

12. Passeggiata con lancia – 0 punti

13. Alex Albon – 0 punti

14. Daniel Ricciardo – 0 punti

15. Lando Norris – 0 punti

16. Nicholas Latifi – Punto zero

17. Nico Hulkenberg – 0 punti

18. Sergio Perez – 0 punti

19. Max Verstappen – 0 punti

20. Pierre Gasly – 0 punti

Importa automaticamente

1 – Sergio Perez (1’28.200)

2. Charles Leclerc

3. Carlos Sainz

4. Max Verstappen

5. Esteban Ocon

6. George Russell

7. Fernando Alonso

8. Valtteri Bottas

9. Pierre Gasly

10. Kevin Magnussen

11- Lando Norris

12. Guanyu Zhou

13. Passeggiata con lancia

14. Daniele Ricciardo

15- Lewis Hamilton

16. Alessandro Albon

17- Nico Hulkenberg

18. Nicola Latifi

19- Yuki Tsunoda

Importa automaticamente

Importa automaticamente

Importa automaticamente

Importa automaticamente

Importa automaticamente

Importa automaticamente

Importa automaticamente

Importa automaticamente

Importa automaticamente

Importa automaticamente

Importa automaticamente

Hamilton, annegato: è uscito a Jeddah Q1 ed è stato colpito da Russell

Nella sessione di qualificazione di sabato si sono svolti due eventi davvero impressionanti. Iniziamo con il più importante. Mick Schumacher ha avuto un grave incidente quando era nono in Q2. Il tedesco ha perso il controllo della sua vettura quando è passata sul cordolo alla curva 13. Haas ha colpito un muro dopo aver svoltato di 180 gradi.

Fortunatamente Schumacher non ha riportato ferite e stava bene fisicamente. evacuato a
Ospedale militare King Fahd a Jeddah, secondo il protocollo della Federazione Internazionale dell’Automobile in caso di tali incidenti. Tuttavia, nonostante abbia lasciato l’ospedale stasera e abbia dormito nell’hotel in cui alloggiava, non gareggerà per il primo premio.

Mick Schumacher non correrà in Arabia Saudita dopo aver colpito un muro

– Il
Effetto terra Aiuta a promuovere l’uguaglianza tra un seggio unico. Finora
Aria inquinata Crea posti individuali
Perde il 35% della sua resistenza alla compressione Quando rotolato dietro il leader. Questa perdita di carica è ora ridotta del 4% a 20 m e a
18% a 10 metri.


riflettori per pneumatici. Questi deflettori dirigono il flusso d’aria attraverso le ruote; In modo che il sedile unico
Aumenta la tua forza di compressione. Pertanto, contribuiscono alla generazione di questo effetto terreno.


Ruote da 18 pollici: Previsto con ruote da 18 pollici
Ridurre il riscaldamento dei pneumatici Pertanto, ottenendo una maggiore uguaglianza nei jackpot.


alettoni più semplici: Il DRS rimane nello spoiler posteriore, anche se è più semplice. Accesso all’aria dalla parte anteriore al freno posteriore
Crea un flusso d’aria circolante e genera un risveglio invisibile.


dimensione dell’auto: L’auto più grande di questa stagione. Peso minimo 795 kg.


Più sicurezza e sostenibilità: Il lato dell’auto è due volte più forte, e
Impronta di carbonio migliorata Per rendere lo sport più sostenibile. Dovrebbe infatti esserci una componente biologica del 5,7%. Inoltre,
I motori convertono il 50% dell’energia del carburante in energia.

Appassionati di auto e fanatici, in
19:00. Inizia il Gran Premio
Regno Arabia Saudita nel cerchio
nonna. Questa razza ha il livello più basso
Mike Schumacher Che dopo l’incidente di ieri fortunatamente uscito illeso, non correrà il Gran Premio.
Hass Ha deciso che non avrebbe preso alcun sostituto, quindi solo l’auto da
Kevin Magnussen.

Ricorda che il palo l’ha presa
Sergio Perez All’ultimo momento, bypassando
Ferrari Da
Carlos Sainz (terzo) e Charles Leclerc (secondo). Max Verstappen Da parte sua, non è stato in grado di adattarsi alle gomme e ha rotolato per la pista come se stesse pattinando sul ghiaccio. Abbiamo due ore davanti a noi per parlare di tutto quello che è successo durante il fine settimana e riferire a voi nell’ultima ora di pista. Quindi mettetevi comodi perché… iniziamo!