Dicembre 9, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Falcon Heavy ritorna: 50 missioni SpaceX nel 2022

Il più potente bombardiere orbitale in servizio, almeno fino a quando l’SLS non è mai decollato dalla Terra, è tornato in volo dopo una pausa di quasi tre anni e mezzo. E lo ha fatto quest’anno nella 50a missione di SpaceX, un record impressionante che fa impallidire i risultati di qualsiasi altro lanciatore. Il 1 novembre 2022 alle 13:41 UTC, il Falcon Heavy è decollato dalla rampa 39A del Kennedy Space Center (Florida) per una missione militare USSF-44 con diversi satelliti geostazionari. Questo è il quarto lancio del razzo più potente al mondo da quando è stato lanciato per la prima volta il 6 febbraio 2018 e il terzo della versione Block 5. L’ultimo lancio del razzo Falcon Heavy è avvenuto il 25 giugno 2019 e sebbene al momento ci sono molte quasi tutte le missioni pianificate per questo lanciatore è stato ritardato, principalmente a causa di difficoltà con i carichi. In effetti, questa missione USSF-44 era originariamente prevista per la fine del 2020.

Il ritorno del mostro (SpaceX).

Inizialmente la missione si chiamava AFSPC-44 perché destinata all’Aeronautica Militare, ma in seguito fu ribattezzata USSF-44 (Forza spaziale americana 44) dopo la creazione della US Space Force. Per questo compito sono stati utilizzati tre nuovi stadi, il palco laterale B1064 e B105 e la piattaforma centrale B1066. Ricorda che gli stadi laterali Falcon Heavy possono essere riutilizzati come primi stadi di Falcon 9, ma il palco centrale deve essere costruito appositamente per questo lanciatore. Inizialmente, era previsto che i palchi laterali sarebbero atterrati sulle due chiatte di proprietà di SpaceX sulla costa orientale, ma per ragioni non annunciate, si è deciso di riportare i palchi nelle aree di atterraggio LZ-1 e LZ-2 da Cape Canaveral. Poiché questa manovra richiede più carburante, si ritiene che la massa del carico utile della missione sia stata ridotta a un certo punto. Il B1066 Basic Stage è stato costruito da zero per essere scaricato nell’oceano, motivo per cui non includeva alettoni o carrello di atterraggio. I palcoscenici laterali B1064 e B1065 sono atterrati in modo spettacolare sull’LZ-1 e LZ-2 – utilizzando i primi tre motori Merlin 1D e poi uno invece di uno – circa 8 minuti e 15 secondi dopo il lancio nel caso del B1065 e circa cinque secondi successivamente per il B1064. Una differenza maggiore rispetto alle precedenti missioni Falcon Heavy che ci ha dato un’incredibile opportunità di vedere l’atterraggio del B1065 visto dal B1064.

READ  Apple sta già lavorando a un nuovo Mac Mini più potente | Dottor Techno | rivista
Spettacolare atterraggio del B1064 e B1065 (SpaceX).
27 motori Merlin 1D dipendono da te (SpaceX).
Falcon Heavy prende di nuovo il volo (SpaceX).
Varie viste del pianerottolo del palco laterale (SpaceX).

La missione USSF-44 è la prima per Falcon Heavy e SpaceX a posizionare un carico utile direttamente in orbita geostazionaria (GEO). I lanciatori commerciali in genere posizionano i satelliti geostazionari in un’orbita di transizione geostazionaria (GTO), con un perielio in orbita bassa e un picco in orbita geosincrona (a circa 36.000 km di distanza). Quindi il satellite stesso deve avviare i suoi motori per ruotare l’orbita, alzando il suo perigeo fino a raggiungere l’orbita geosincrona. Tuttavia, in questa missione, il carico utile è stato propagato direttamente nel GEO grazie a un’ustione di cricolarizzazione di secondo stadio che è durata circa 2 minuti. Ovviamente, sebbene si tratti di una novità per SpaceX, ricordiamo che altri lanciatori hanno precedentemente effettuato iniezioni dirette nel GEO, come il russo Proton-M. Per tutto questo, il secondo stadio del Falcon Heavy aveva una chiara striscia grigia sul serbatoio del cherosene (RP-1) per evitare il congelamento del carburante durante le sei ore di volo dall’orbita bassa all’orbita terrestre bassa. La trasmissione di lancio non ha fornito alcun dettaglio sul funzionamento della seconda fase o su nessuno dei suoi lanci, quindi non possiamo estrarre alcuna informazione dal suo comportamento. Ciò che SpaceX ha determinato è che dopo il lancio del carico utile, il palco si ritrarrà in un’orbita cimiteriale, solo un po’ più lontano dall’orbita geosincrona, in modo da non disturbare i satelliti geostazionari. La prossima missione militare del Falcon Heavy sarà l’USSF-67, che potrebbe decollare nel gennaio 2023.

Logo della missione SpaceX (SpaceX).
Logo della missione del Pentagono (USSF).
27 Ancora Merlino (SpaceX).
Falcon Heavy ha sparato con il 39A senza carico utile il 28 ottobre (SpaceX).

Per quanto riguarda il carico utile stesso, includeva chiaramente almeno due piattaforme, o forse stadi propulsori, ciascuna con diversi satelliti. Una di queste piattaforme è LPDE-2 (Adattatore per carico utile secondario EELV propulsivo di lunga durata 2) a Northrop Grumman, che ha tre carichi utili fissi collegati e dispiegherà altri tre satelliti, uno dei quali è il piccolo satellite TETRA-1 di Millennium Space Systems, l’unico annunciato prima del lancio (sebbene non vi siano conferme ufficiali che questa missione abbia stato spostato). in aereo). Gli altri due satelliti potrebbero essere LINUSS-A1 e A2 della Lockheed Martin. L’altra piattaforma o fase di guida si chiama Sheperd Demonstration e non conosciamo alcun dettaglio a riguardo. Con questa versione, lo sono già 50 missioni Quelle che SpaceX ha lanciato quest’anno, superando di gran lunga il suo record di 31 missioni lanciate in tutto il 2021 e che l’anno è tutt’altro che finito. Nessun altro lanciatore si avvicina al Falcon 9/Falcon Heavy, poiché il prossimo razzo con il maggior numero di missioni quest’anno è il Soyuz, che, in varie versioni, ha effettuato 16 voli. Gli atterraggi nelle fasi B1064 e B1065 sono anche il 150° e il 151° recuperi di primo stadio riusciti. Oltre all’alto tasso di lanci, la cosa più impressionante è che queste 50 missioni e 51 recuperi effettuati nel 2022 hanno avuto successo, comprese quelle che sono state riutilizzate per diverse missioni. SpaceX ha già due fasi (B1058 e B1060) con 14 missioni alle spalle, un numero che qualche anno fa sarebbe sembrato sbalorditivo. Il Falcon 9 è infatti il ​​lanciatore più affidabile che ha svolto le missioni di maggior successo di fila in tutta la storia, superando qualsiasi altro lanciatore esistente o esistente (il Soyuz, nelle sue varie forme, è ancora un razzo con la maggior parte delle missioni sul dorso, intorno al 1900, ma “solo” (112 successi consecutivi con la Soyuz-U, numero già ampiamente superato dal Falcon 9).

READ  Come attivare il nuovo menu di condivisione di Chrome
Il satellite TETRA-1, l’unico carico utile confermato per questa missione (USSF).
Trasferimento alla rampa 39A da Falcon Heavy (SpaceX).
Un’altra vista del lancio (SpaceX).

Dalla precedente missione Falcon Heavy, SpaceX ha lanciato la stragrande maggioranza di oltre 3.500 satelliti Starlink, lanciato 111 missioni Falcon 9, effettuato otto missioni con equipaggio e costruito molti modelli Starship e Super Heavy a Boca Chica. La velocità di avanzamento dei progetti di Elon Musk è sicuramente impressionante, così come la velocità di volo e l’affidabilità del Falcon 9/Falcon Heavy. Per quanto riguarda il lanciatore più potente del mondo, abbiamo il Falcon Heavy da un po’ di tempo, perché sebbene non abbia colpito il mercato internazionale a causa dell’enorme successo del Falcon 9, ha assicurato diverse missioni governative per il Pentagono e Nasa. Una domanda è quando vedremo la missione Falcon Heavy mentre lo stadio base viene ripristinato, perché sembra che almeno le prossime due missioni saranno cancellate. Una limitazione a questo proposito è che SpaceX ha solo due chiatte sulla costa orientale, quindi se i palcoscenici laterali stanno atterrando al largo in questo momento, il palco base non può essere recuperato. Tuttavia, vedremo anche il lancio del Falcon Heavy completamente monouso, come la sonda Europa Clipper nell’ottobre 2024.