Settembre 17, 2021

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Festeggiando la Giornata del Giornalista, in immagini JR – Juventud Rebelde

La comunità internazionale dedica ogni 8 settembre alla professione di giornalista. L’origine di questa confessione risale al 1943, quando il giornalista cecoslovacco Julius Vucic fu arrestato e assassinato dal regime nazista.

Purtroppo, la conclusione di Vucic continua a ripetersi oggi: secondo l’UNESCO, il 2020 si è concluso con gli omicidi di 59 giornalisti, che hanno continuato a crescere fino a superare i 900 nell’ultimo decennio.

L’arrivo della pandemia ha significato – come per tutti gli altri – un immediato riassetto delle risorse per monitorare ciò che stava accadendo fin dal primo giorno, tenendo il pubblico al passo con le varianti virali, i vaccini e l’efficacia, le informazioni su immunizzazione e salute, il cambiamento delle restrizioni e la salute mentale. e misure di salute fisica erano di fondamentale importanza. , insieme a un’etica del lavoro che in molti casi ha portato a lavorare fuori dal rosso, mettendo a rischio la propria vita.

Inoltre, questi professionisti hanno dovuto superare la propria pressione personale per evitare contatti che potessero generare panico o angoscia, ma questo mantiene vigili i cittadini.

La storia assume quindi un valore aggiunto in questi tempi, e abbiamo voluto rendere omaggio a questi sguardi dalle nostre lenti Gioventù ribelle.

La giornalista Monica Lescano intervista i pazienti COVID-19 per il nostro giornale.

fotoreporter J.R., Maykel Espinoza Rodríguez, durante il giorno.

Fotoporter da Gioventù ribelle Coprono una carovana di giovani a Matanzas.

Giornalisti della televisione cubana durante la loro formazione linguistica.

Parte della squadra Gioventù ribelle.

Le pagine dell’edizione del giornale vengono compilate durante la notte.

Lavoro notturno in redazione Gioventù ribelle. Foto: Archivio Rivoluzione giovanile