Dicembre 5, 2021

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Festival Mar del Plata: la fantascienza spagnola esplode a Elche con “The Holy Spirit” | civiltà

Sotto i mari del cinema industriale spagnolo, anche più in profondità dei film di autori come Isaki Lacuesta, Carlos Vermut e Oliver Laxe, negli abissi della creatività si cela un insieme fecondo di registi e registi indipendenti che hanno vinto festival stranieri e una nicchia dietro il corridoi dei centri commerciali. Lì convive da nomi più famosi come Jonás Trueba e Juan Cavestany a collettivi come Los Hijos, da cui ha avuto origine Luis Lopez Carrasco e compagni anno della scoperta Andrés Duque, Koldo Almendos, Diana Tusido, Meritexel Colleil, Elena Martin Versatile, Norberto Ramos del Val o Julian Jennison, solo per citarne alcuni.

E in questo paese, stava inventando il suo lavoro Chima Garcia Ibarra (Elche, 41 anni), autore Nebula 5 attacco bot (2008), uno dei cortometraggi più influenti nell’industria audiovisiva spagnola del XXI secolo. García Ibarra ha camminato per la sua strada, da corto a corto (sottolinea che “anche se non credo nel corto o nell’alto, tutto è film”), senza rinunciare al suo stile, basato sull’umorismo nero, sull’errore politico e su un profondo amore per la tua città natale. “In realtà faccio sempre la stessa cosa. Ci sono quattro cose che mi interessano mentre le affronto”, dice tra una battuta e l’altra e vedrai attraverso una videoconferenza del festival. Mar del Plata (Argentina), dove è stato arrestato una settimana prima della prima del suo primo lungometraggio di oggi, Spirito Santo, che hai già Menzione speciale alla giuria dell’ultimo concorso di Locarno.

occupazione spirito Santo Ci sono associazioni ossessionate da UFO, ragazze scomparse, orribili figurine di ceramica e musica nuova era Dei peggiori generi, stampe leopardate e gotelé alle pareti… e una lotta continua per non rientrare nel genere. Nella migliore delle ipotesi, la quotidianità surreale. “Ho sempre cercato di portare la fantascienza in un luogo geografico dove nulla sembra accadere. Non è il futuro, non è un magazzino, è il quartiere di Karis [según la estadística del Impuesto sobre la Renta de las Personas Físicas (IRPF), el más pobre de España], dove sono cresciuto, con strade normali e gente comune. Penso anche che sia un film divertente, ma non è una commedia… è un dramma? che è Thriller? Come creatore, trascendo i generi, cercando di far coesistere molte emozioni nelle scene. Coincide in pochi secondi con battute e massima oscurità”, risponde a riassunto della sua carriera.

READ  Lucia, de L'isola delle tentazioni, si sta operando
Il regista delle riprese Ion de Sousa (nero) e Chima García Ibarra, sul set di “Espíritu sagrado”.

Nel corso di tre decenni, il regista ha raccolto un crescente gruppo di fan grazie a mediometraggi come Oranis (2013) o in breve puzzle (2013) la discoteca si accende (2016). Per inciso, ha unito la sua carriera con Ion de Sousa, direttore della fotografia per Ibarra e altri registi, e lui stesso regista di Android. sogno (2014), co-scritto da Ibarra. Insieme hanno firmato anche loro leggenda d’oro (2019), Un’altra violazione del misticismo attraverso la normalità In una piscina pubblica. “C’è un terreno sensoriale molto interessante da esplorare”, riafferma, “sto provando qualcosa che può sembrare ovvio ma negli anni ho scoperto che non lo è: realizzare film che mi piacerebbe vedere come spettatore. Lo so molti registi sono frustrati perché non possono. Nel mio caso non cercavo scorciatoie”.

spirito Santo Nasce da un’intervista su un canale televisivo locale di Elche con un gruppo di persone che hanno creato la Society for Parapsychological Studies. “Stavano parlando di un avvertimento UFO”, ricorda Ibarra. “E io sono rimasta con questa idea, l’immagine che mi sembrava bella, l’immagine di una famiglia nata da una passione mistica”. Nello scrivere la sceneggiatura, ha insistito “non lasciarsi prendere dalla celebrazione di un certo cinema attuale, che ha abbandonato lo spirito ludico che considero troppo cinematografico”. E da lì va ad Aki Kurismaki, Padroneggia quell’umorismo gelido di risate e lotta di classe. L’ho visto su Canal Plus nel 2000 nuvole di passaggio A casa di mio padre, ho scoperto colori meravigliosi, volti che non avevo mai visto prima, dialoghi incredibili… I capelli da proletario sembravano molto vicini a uno come me, più che a Karis. Intorno a me, tutti lavoravano nella fabbricazione di scarpe e scarpe”. Quanto ai suoi film ambientati a Elche, García Ibarra non ha dubbi: “Non riesco a liberarmi del posto che conosco bene, che è molto diverso dal Il Levante spagnolo, con un clima che dà tutto un caldo terribile, è saldamente radicato nell’arcipelago delle discoteche». Per questo non abbandona i toni: «Chiedo solo agli attori di rispettare lo sfondo della sequenza. Ma lascia che le parole lo dicano come se fosse nella loro vita, per strada. Cerchiamo di girare in luoghi reali e ci rifiutiamo di andare nei negozi di scena che finiscono per unire il cinema spagnolo. E così ho realizzato un film di fantasia su cui ho disegnato un documentario.

Non sono interessato al grande evento in sé. I volti di Bilmes non mi attirano, ma l’uomo alla porta di casa fa pagare l’ingresso”.

Aggiungete a ciò la sua passione per la fantascienza. Risponde: “Sono affascinato dalla Spagna soprannaturale, da quelle pubblicazioni e programmi televisivi in ​​primo piano”. “Non mi interessa il meraviglioso evento in sé. Non sono attratto dai volti di Bilmes, ma dall’uomo alla porta di casa che carica l’ingresso. O il ristorante dove vai dopo aver visto i volti. Sono decorati con immagini di questo fenomeno paranormale? Tutto ciò che circonda la parapsicologia mi affascina”.

occupazione spirito Santo Gli ultimi dieci minuti abbagliano e congelano il pubblico, spostando la narrazione e producendo uno scatto spiritoso con un carnevale gonfiabile e alcuni poliziotti. Questa perversione che mette i personaggi – incarnati dalla gente del posto, come è consuetudine nell’opera di Ibarra – porta la conversazione a incontri nella terza fase, di Steven Spielberg. “Mi piace molto, perché respira lo spirito degli anni ’70 nel guardare gli UFO, anche se sarei stato il regista dietro la moglie e i figli del personaggio di Richard Dreyfus”.

Momento
Il momento dello “Spirito Santo”.

L’indirizzo indica su disco nuova era Tedesco che ha travolto gli anni novanta. “Hanno venduto oltre 55 milioni di copie, una voce a cui associ quel terrificante universo ‘New Age’ che scommette sul transumanesimo, per il suo desiderio di trascendenza, e che ha prodotto prodotti culturali terrificanti che mi piacciono”, spiega . . È da lì che la scomparsa degli adolescenti a Levante colpisce la sua generazione negli anni ’90. “È successo molto presto, con i miei amici e vicini che conoscono le persone coinvolte, il circo mediatico… Era letteralmente l’unico argomento di cui si parlava a scuola. È un trauma generazionale che risuona nel mio cinema e fa parte delle leggende del Levante .”