Febbraio 1, 2023

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Film cubano mostrato in Europa e America Latina, ma non visto a Cuba (video)

Il film “Blue Heart” di Miguel Coyola, nonostante l’ottima accoglienza ricevuta all’estero, non poteva essere visto da un normale pubblico cubano.

Blue Heart è stato presentato in anteprima nell’aprile 2021 durante il 43° Festival Internazionale del Cinema di Mosca, il secondo concorso cinematografico più antico del mondo.

Ambientato in una realtà distopica: Fidel Castro crede che solo attraverso l’ingegneria genetica si possa creare “l’uomo nuovo” che salverà il socialismo, e per questo ordina molti esperimenti, ma tutti falliscono nel loro scopo originario e invece vengono create creature violente nati che minacciano la capitolazione delle istituzioni politiche per l’isola comunista.

Ma dopo questa prima lettura, il film mette in guardia sui pericoli della manipolazione dei comportamenti, degli atteggiamenti e dei sentimenti delle persone.

“Quello che è successo con ‘Corazón azul’ è che da quando è stato presentato in anteprima ha fatto un buon tour internazionale. Ha vinto un premio al Guadalajara International Film Festival.” I pericoli della censura statale.

Il film ha partecipato al Festival BAFICI di Buenos Aires, in Argentina, il più grande e importante evento per il cinema indipendente in America Latina.

Allo stesso modo, faceva parte della selezione ufficiale all’interno del concorso lungometraggi del 34° Festival Rencontres de Toulouse Cinélatino.

“Le recensioni in tutti i luoghi erano molto buone, ma per due anni a Cuba l’unico spazio che abbiamo avuto sono stati gli speciali in luoghi segreti, senza poterli pubblicare sulle reti”, ha detto il manager.

Il film è stato proiettato in luoghi alternativi all’Avana, come il Santa Mia de la Tala Community Project, fondato dal musicista David dell’Omni Zona Franca a Guanapacoa, e il Coco Solo Social Club a Marianao.

READ  Attacco ucraino provoca danni nella provincia russa di Bryansk

“Di recente, il 24 novembre, l’ambasciata norvegese lo ha mostrato nel loro spazio ‘Cinema sotto le stelle all’aria aperta’ per uno spettacolo davvero impressionante perché era pieno di 200 persone e molti sono rimasti fuori perché non c’era spazio. Coyola ha raccontato.

“A casa, lo mettevamo ogni domenica per un pubblico di 10-15 persone, inclusi i programmatori dell’Havana Film Festival, che lo guardavano e non ci chiedevano mai di inviarlo, è quello che è successo con il mio film Memories of Development che uno dei programmatori mi ha chiesto di inviarlo, ma come il mio documentario Nobody del 2017, l’abbiamo inviato e non ci hanno risposto”, ha detto.

Memorias del desarrollo (2010), che ha vinto più di una dozzina di premi internazionali, è stato sostenuto dalla borsa di studio Guggenheim ed è stato nominato miglior film cubano del 2011 dall’International Film Guide, non è stato proiettato nei cinema o nelle istituzioni ufficiali dell’isola.

Per questo Coyola ha deciso di non presentare “Corazón azul” al Nuovo Festival del Cinema Latinoamericano dell’Avana nel 2022.

“Diciamo perché dovremmo farlo se non c’è chiaramente alcuna intenzione di lottare per il suo status, perché quello che succede al film è che, essendo così antisistemico, immagino sia difficile per un programmatore, in un contesto totalitario così, lottare per mostrarlo in un festival; Inoltre, com’è la situazione con la politica culturale a Cuba adesso?

Il film è interpretato da Lin Cruz e Carlos Grognlier.

Dal 1959, l’ICAIC (Istituto Cubano di Arte e Industria Cinematografica) ha mantenuto la sua autorità sulle strutture di produzione, presentazione, distribuzione, promozione e patrocinio del patrimonio nazionale.

READ  L'esercito brasiliano non è pronto a organizzare un colpo di stato per salvare Bolsonaro - l'ordine mondiale

“E quello che mi succede è che ho sempre pensato di fare un cinema veramente indipendente, senza chiedere il sostegno dell’ICAIC o di qualsiasi istituzione cubana. È, in un certo senso, l’unico modo per avere libertà nei contenuti e nel modo indipendente il cinema dovrebbe essere, al di fuori dei finanziamenti”, ha indicato l’autore.

“Quello che succede a Cuba è che ci sono molti gradi di autonomia e dipendenza perché dal momento in cui la tua sceneggiatura deve essere approvata dal Fondo per la Promozione del Cinema Cubano, un fondo creato dal Decreto 373 per regolare le creazioni audiovisive indipendenti, è un un po’ assurdo che l’ICAIC sia essa stessa, l’industria cinematografica stessa, a darti la carta di un regista indipendente”, ha detto.

Il decreto-legge n. 373, emanato dall’ente audiovisivo e cinematografico indipendente, afferma che l’ICAIC “è l’ente di governo dell’attività audiovisiva e cinematografica, che incoraggia e controlla la produzione cinematografica, la distribuzione, l’esposizione, la promozione, la commercializzazione e la conservazione, […] Attenzione ai criteri artistici articolati nella tradizione culturale cubana e negli obiettivi della rivoluzione che li rendono possibili e garantiscono un clima di libertà creativa.

“Quindi sono rimasto lontano da tutto, per me è La spada di Damocle. All’epoca se lo aspettava, ovviamente in seguito avrebbero potuto censurare il film o qualcosa che lo spiegasse”, ha concluso Coyola.