martedì, Luglio 23, 2024

Top 5 This Week

Related Posts

Flop estivi al botteghino e preoccupante sciopero degli studios

L’industria cinematografica sta tornando a un panorama di crisi e incertezza, con sale vuote e dati preoccupanti sulla disoccupazione, e il fallimento dei grandi film nella campagna estiva non migliora la situazione.

C’è una sensazione di profonda crisi dentro Hollywood. Risultato disastroso al botteghino Fine settimana del Giorno della Memoria Il lungo fine settimana che tipicamente segna l’inizio della stagione estiva negli Stati Uniti non ha fatto altro che esacerbare la sensazione che il modello di business tradizionale stia perdendo slancio. L’emergere delle piattaforme fluireOltre allo storico sciopero di attori e sceneggiatori, la piaga dell’inflazione, le ripercussioni dell’epidemia e la difficoltà delle case cinematografiche nel trovare titoli che attirino il pubblico nelle sale, hanno lanciato l’allarme nella Mecca del cinema.

Non sorprendente. I numeri sono allarmanti. Trascorsa quasi la metà dell’anno, i 2.581 milioni di euro ricevuti a livello nazionale si aspettano un risultato molto inferiore agli 8.290 milioni di euro con cui si chiudeva il 2023, e solo a maggio il calo è stato del 29% rispetto all’anno precedente. Ad aprile il 52,2%. L’incasso complessivo dei quattro giorni del ponte di fine maggio non ha superato i 119 milioni, ovvero il 37% in meno rispetto al 2023 e Il peggior risultato dall’estate del 1995quando è apparso per la prima volta Kasper. Ha già piovuto.

È vero che lo sciopero di attori e sceneggiatori – il primo sciopero congiunto tra i due sindacati in 50 anni – ha influito sul numero di nuovi titoli e sulla forza delle proposte nel 2024, e ha costretto al rinvio di grandi anteprime per marchi come Marvel. E la capitale fino al prossimo anno. Ma gli esperti ritengono che la crisi vada oltre. “Alla gente non vengono fornite ragioni sufficienti per tornare al cinema, e questo è un problema”.“, conferma El Mundo Kevin ClaudineDirettore del Centro per l’analisi economica Istituto Milken. “C’è una crescente paura tra gli studi cinematografici di scommettere su determinati film, come i film a medio budget che hanno avuto i migliori risultati al botteghino. La disconnessione con il pubblico è chiara”.

READ  YouTube lascia Roku e la battaglia arriva al Congresso

Claudia lo conferma Hollywood “non è sicura di come fare soldi adesso”Confuso dopo essere sceso fluire. Spiega: “Prima avevano diverse fonti di reddito, a partire dai cinema e continuando a vendere i diritti televisivi via cavo o vendendo DVD o dischi Blu-ray, ma ora tutto questo sta scomparendo con l’avvento delle nuove tecnologie”. “Netflix, Amazon o Apple non si preoccupano dei risultati al botteghino, e sono proprio loro che realizzano i film che andavamo a vedere nei cinema.”

“Netflix, Amazon o Apple non si preoccupano dei risultati al botteghino, e sono proprio loro che realizzano i film che andavamo a vedere nei cinema.”

Kevin Claudine, direttore del Milken Institute

Per ora solo titoli like Kung Fu Panda 4, Godzilla e Kong: il nuovo impero O la seconda parte Dune di sabbia Sono riuscito a recuperare i mobili nel 2024. Il resto erano film con risultati mediocri al botteghino o flop famosi, ad es. Signora Web, un film di supereroi con Dakota Johnson che ha incassato 100 milioni di dollari nonostante costi più o meno lo stesso. Anche scontrosol’ultimo capitolo della saga Mad Max Con l’argentina Anya Taylor-Joy come protagonista. E in questo caso il successo è stato grandissimo: sono stati incassati 128 milioni di dollari a fronte di un budget di 173 milioni.

Gli anni della grande mucca sembrano essere lontani anni luce, quando la Disney dominava facilmente il botteghino e i suoi titoli superavano la barriera dei 1.000 milioni di dollari in pochi giorni. Solo nel 2019, l’ultimo anno prima che la pandemia mandasse in frantumi questo modello, nove film sono riusciti a raggiungere questo miliardo, con Vendicatori: Fine dei giochi Minacciare il trono immagine simbolo Come il film di maggior incasso della storia. Al momento, nessun film si avvicina nemmeno lontanamente a farlo nel 2024. The 714 Million Dune di sabbia Sono il momento clou dell’anno.

READ  Mario Vargas Llosa ammette di stare "bene" dopo aver contratto il COVID-19

Zack Snyder,regista di film di successo, ad es 300, Lega della Giustizia Anche Batman contro SupermanNon lo vede come oscuro. Assicura che i bei tempi torneranno. “Non penso che sia qualcosa di cui preoccuparsi”, spiega “Siamo in una fase di stagnazione, ma stanno uscendo grandi titoli e penso che la gente stia aspettando che arrivi qualcosa che li interessi. torniamo al cinema.” A El Mundo. “Sta davvero a noi fare qualcosa di grande per riportare la gente nelle sale perché vale l’esperienza, il sentimento comunitario di stare in sala. Lo sanno tutti. C’è. Bisogna solo saperlo sfruttare. “

Sta a noi fare qualcosa di grande per riportare la gente nei cinema perché l’esperienza vale la pena. Basta saperlo sfruttare

Zack Snyder, regista

Christopher Shawnattore e protagonista del film d’animazione Netflix L’ascesa di UltramanAmmette che solo nove anni fa dormiva nel suo camion perché non poteva pagare l’affitto a Hollywood. Oggi la vita lavorativa gli sorride, ma sa che sono tanti i colleghi che lottano più che mai per trovare lavoro in questo settore. Secondo il Bureau of Labor Statistics degli Stati Uniti, L’occupazione in questo settore non raggiungeva un livello così basso da 30 annicon i principali studi cinematografici che annunciano licenziamenti come Disney, Fratelli Warner Anche Paramount globale. Pixar È stato l’ultimo a tirare fuori le forbici qualche settimana fa Riduzione del 14% della sua forza lavoro A causa del basso volume di produzione. Un sentimento di panico prevale tra coloro che non sono riusciti a ritrovare un ritmo di lavoro sostenibile dopo lo sciopero.

“È un mondo completamente diverso con fluire “E dopo il colpo”, analizza Sean. “Tutti si sentono più a loro agio a casa e resta da vedere se l’era digitale finirà per rovinare l’esperienza cinematografica nelle sale, spero di no, perché L’elemento culturale e la nostalgia che porta con sé sono incomparabili.. Ci sarà sempre cinema e storie da raccontare. “La questione delle sale cinematografiche non è del tutto chiara.”

“Tutti si sentono più a loro agio a casa e resta da vedere se l’era digitale finirà per rovinare l’esperienza cinematografica nelle sale”.

Christopher Shawn, attore

Claudine ritiene che il botteghino si riprenderà nella seconda metà dell’anno. “L’anno scorso è successo davvero con Barbie E Oppenheimer“,” ricorda. “Suppongo che Hollywood troverà di nuovo un modo per fare soldi, ma in questo momento è a un bivio.” L’allegoria femminista della bambola bionda ha incassato 636 milioni di dollari negli Stati Uniti e altri 1,3 miliardi di dollari in tutto il mondo. , si calcola che gli sia valso il titolo di film di maggior incasso ai Golden Globe con un pubblico mondiale di oltre 830 milioni e resta da vedere se si tratti di un segno di ripresa o solo di un miraggio.

READ  Kit Harington rivela quanto sarà importante il suo misterioso personaggio dopo "Eternals" della Marvel
Chiara Pisano
Chiara Pisano
"Drogato televisivo certificato. Ninja zombi esasperatamente umile. Sostenitore del caffè. Esperto del Web. Risolutore di problemi."

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Popular Articles