Dicembre 4, 2021

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Formazione di esopianeti rocciosi associati alla formazione delle loro stelle

MADRID, 15 ottobre (stampa europea) –

Sebbene la composizione tra i pianeti rocciosi e le stelle ospiti sia correlata, differisce in tutti i casi, Come modelli precedentemente ipotizzati.

Le stelle di nuova formazione sono circondate da un disco protoplanetario. Parte del materiale del disco si condensa in grumi che formano il pianeta e il resto alla fine cade sulla stella. A causa della loro origine comune, la composizione di questi elementi costitutivi e dei pianeti rocciosi di piccola massa sarebbe stata simile a quella delle loro stelle ospiti.

però, Finora il sistema solare era l’unico riferimento che avevamo, Sappiamo quindi che la composizione dei principali elementi rocciosi, come magnesio, silicio e ferro, sui pianeti tellurici (ad eccezione di Mercurio) è simile a quella del Sole.

In una nuova ricerca, Pubblicato sulla rivista Science, Un team internazionale guidato dal ricercatore dell’Instituto de Astrofísica e Ciências do Espaço (Portogallo) Vardan Adibekyan ha, per la prima volta, stabilito una relazione tra la formazione di esopianeti rocciosi con la formazione delle loro stelle ospiti. Il team mostra anche che, come ipotizzato in precedenza, questa relazione non è la stessa in tutti i casi.

Per Adibekyan, ricercatore dell’Università di Porto, il team ha scoperto che la formazione dei pianeti tellurici è strettamente correlata a quella della stella ospite, indicando l’orientamento dei pianeti che potrebbe essere simile al nostro. “Mostriamo che il contenuto di ferro di questi pianeti telescopici è superiore a quanto ci si potrebbe aspettare in base alla composizione dei dischi protoplanetari in cui si sono formati. Interpretiamo questo arricchimento di ferro come attribuibile alla chimica dei dischi protoplanetari e alle proprietà specifiche di i processi di formazione planetaria,” Ha detto in un comunicato.

READ  Dying Light 2 Stay Human mette in mostra il suo combattimento brutale e il parkour in questa nuova modalità di gioco

Tuttavia, questo non era inaspettato, poiché il team stava cercando attivamente questo collegamento. Per raggiungere questo obiettivo, il team ha selezionato 21 dei pianeti rocciosi più accurati, utilizzando misurazioni della loro massa e raggio per determinare la loro densità, nonché la quantità di ferro nei pianeti. Hanno anche utilizzato spettri ad alta risoluzione raccolti con gli ultimi spettrografi installati presso grandi osservatori in tutto il mondo, come Mauna Kea, La Silla, Paranal e Roque de los Muchachos, Determinare la composizione delle loro stelle ospiti e quindi dedurre la composizione dei componenti più importanti della formazione rocciosa nei dischi protoplanetari.

Il coautore della ricerca Nuno Santos sottolinea che è importante comprendere la connessione strutturale tra le stelle e i loro pianeti Da oltre un decennio è un tema centrale di ricerca: “Utilizzando i migliori spettrografi ad alta risoluzione, come quelli dell’European Southern Observatory (ESO) HARPS o ESPRESSO, il nostro team ha raccolto spettri di stelle ospiti di esopianeti per diversi anni. Questi spettri vengono utilizzati per determinare le proprietà delle stelle regolari e l’abbondanza degli ospiti, e i risultati sono stati inseriti nel catalogo pubblico di SWEET-Cat”.

La squadra ha anche trovato un risultato interessante. Hanno scoperto un divario tra la parte ferrosa della super-Terra e del super-Mercurio, il che significa che questi pianeti sembrano essere gruppi di composizioni diverse, con implicazioni per la loro composizione.

Ciò richiederà ulteriori studi, dal momento che le simulazioni della formazione di pianeti che coinvolgono le sole collisioni non possono riprodurre le monete a super-densità più elevate. Adibekyan aggiunge: “Comprendere la formazione delle supermonete ci aiuterà a capire la strana alta densità di Mercurio”.

READ  PS Plus: i giochi gratuiti di settembre su abbonamento PlayStation | PS5 | PS4 | videogiochi | GIOCO SPORTIVO