Febbraio 2, 2023

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Francia e Germania chiedono giustizia per le vittime della guerra in Etiopia

Questo contenuto è stato pubblicato il 13 gennaio 2023 – 07:05


Addis Abeba, 13 gennaio (EFE). Giovedì i ministri degli Esteri di Francia, Catherine Colonna, e Germania, Annalina Berbock, hanno chiesto giustizia per le vittime di guerra nel nord dell’Etiopia al fine di garantire l’armonia regionale dopo la firma dell’accordo. Accordo di pace a novembre.

“Catherine Colonna e io incoraggiamo l’Etiopia a continuare il suo cammino verso la pace e a ritenere responsabili coloro che violano i diritti umani. Senza giustizia, una pace duratura è impossibile”, ha detto ieri Burbock tramite il social network su Twitter.

“La voce dell’Etiopia ha un peso in Africa e nel resto del mondo. Questo Paese ha avviato alcune importanti riforme. Ma negli ultimi due anni ci sono arrivate anche notizie terribili dall’Etiopia”, ha detto il ministro tedesco, riferendosi alla guerra. Che dal novembre 2020 fino alla firma dell’accordo di pace, lo scorso novembre, la regione del Tigray, nel nord dell’Etiopia, è stata devastata.

I due ministri hanno lamentato che durante il conflitto “le donne sono diventate vittime di violenze sessuali sistematiche” e “gli operatori umanitari sono diventati bersagli”.

Da parte sua Colonna ha sottolineato che “il collegamento tra Europa ed Etiopia è una priorità” e ha ricordato che Unione Europea, Francia e Germania continueranno a sostenere il “processo di pace”.

“Penso che dobbiamo unirci e mostrare la nostra solidarietà agli etiopi. Il primo obiettivo di questa visita in Etiopia è sostenere il processo di pace, che ha permesso anche agli aiuti umanitari di raggiungere le persone colpite dalla guerra”, ha aggiunto.

READ  Il Vietnam chiede alla Cina di espandere l'importazione dei suoi prodotti agricoli

I ministri sono stati accolti giovedì dal primo ministro etiope, Abiy Ahmed, che ha affermato di aver avuto “discussioni profonde e fruttuose che riflettono i forti legami che l’Etiopia ha con Francia e Germania”.

Allo stesso modo, il ministro degli Esteri etiope Demiki Mekonnen ha affermato l’impegno del suo Paese per la “piena” attuazione dell’accordo di pace con i ribelli tigrini.

La guerra è iniziata il 4 novembre 2020, quando Abiy ha ordinato un attacco al Fronte popolare di liberazione del Tigray – il partito al governo nella regione – in risposta a un attacco a una base militare federale e dopo un’escalation delle tensioni.

Prima dell’accordo tra le due parti lo scorso novembre, le Nazioni Unite denunciavano il “blocco umanitario di fatto” nel Tigray dall’inizio della guerra.

Ma negli ultimi mesi la regione ha assistito a un graduale ritorno degli aiuti umanitari, al ripristino dei voli commerciali, dell’elettricità e delle operazioni bancarie, come previsto dall’accordo di pace.

Inoltre, il Fronte ha confermato, martedì, di aver consegnato le sue armi pesanti. EFE

Oh sera / ah

� EFE 2023. La ridistribuzione e ridistribuzione di tutto o parte dei contenuti dei Servizi Efe è espressamente vietata, senza il previo ed espresso consenso di Agencia EFE SA