Maggio 20, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Francia: Macron o Marine Le Pen? – Giovani ribelli

Gli esperti affermano che Emmanuel Macron presenta un programma che “parte” a destra mentre la sua rivale, Marine Le Pen, utilizza elementi di sinistra, anche se quando si tratta di contenere l’inflazione, ad esempio, ricorre a vecchie prescrizioni neoliberiste associate all’estrema destra. -il reparto.

Oggi si saprà se l’inganno nel tentativo di conquistare la presidenza francese ripaga, e chi, dopo entrambi, ha avuto più voti al primo turno, nonostante le poche percentuali che erano lontane dalla maggioranza assoluta: il 27,8 per cento è ancora presidente della Francia e il 23,1 per cento Le Pen in quello che, dopotutto, è un voto storico per la destra francese.

Più “vince” la percentuale di astensione, che è stata del 25 per cento, con un aumento di tre punti percentuali rispetto alle elezioni del 2017, in una ripetizione dell’assenza che esprime chiaramente la mancanza di credibilità. Il numero degli elettori ha raggiunto 1.824.169 elettori che non hanno sostenuto nessuno dei 12 candidati presentati, gli assenti dovrebbero aggiungere 543.609 voti in bianco e 247.151 voti non validi.

In questo modo, il blocco che non si è pronunciato è il 27 per cento, che è superiore a quello del candidato con il maggior numero di voti.

Oggi è certo che un gran numero di poveri o di persone che si sentono discriminate si astengono permanentemente dal voto.

E c’è delusione, soprattutto, tra i giovani di fronte a questo secondo turno, perché dovranno ancora una volta scegliere tra quello che considerano il “minore dei due mali”, cosa già accaduta nel sondaggio del 2017, quando il La presidenza è stata contestata anche nel turno di spareggio.Gli stessi concorrenti.

READ  EE.UU. desplegará soldati in Europa del Este ante crisi in Ucrania

“Siamo stanchi di dover votare sempre per il meno cattivo dei due, e questo spiega questa rivoluzione. “Né Macron né Le Pen”, ha detto a Reuters uno studente dell’Università della Sorbona durante una manifestazione ai cancelli dell’università, pochi giorni fa, per chiedere che né Macron né Le Pen venissero votati.

Questi studenti avrebbero dovuto votare al primo turno per il candidato di sinistra Mélenchon. Ma ora possono astenersi.

Gli esperti hanno anche considerato l’effetto del cosiddetto “voto utile” al primo turno, l’effetto che l’elettore deposita non a favore del candidato per sua vera simpatia, ma sul candidato del partito che considerano di più. Le probabilità di vincita sono comuni nelle elezioni francesi.

La consultazione online effettuata dopo il primo turno dall’Associazione Mieux Voter, nella sua volontà di promuovere un sistema di voto che bilanci l’intenzione di votare e allo stesso tempo le qualifiche che le persone conferiscono al candidato, si rivela un utile peso di voto.

Secondo france24.com, quando ai partecipanti alla consulenza è stato chiesto di esprimersi secondo il sistema tradizionale, nonché di valutare ogni candidato su una scala che va da eccellente a disapprovato – ciò che l’istituzione promuove come un “voto di maggioranza” – si è trasformato fuori che Jean-Luc Melenchon, che è arrivato terzo al primo turno con il 22 per cento dei voti, ricevendo il 55,46 per cento dei punti su 30.000 partecipanti. Macron ha seguito con il 14,38%.

Non si sa quanto influirà questa percezione di chi sarà il vincitore di oggi per determinare quale dei finalisti porterà il gatto in acqua.

READ  Joe Biden e Vladimir Putin | Guerra Russia-Ucraina | 'Non ha idea di cosa accadrà': il più grande avvertimento da un leader americano a un russo dalla fine della Guerra Fredda | Stato dell'Unione | Volodymyr Zelensky | NATO | Donbass | Globalismo

I sondaggi d’opinione mostrano un intervallo dal 51% al 54% a favore di Macron, contro uno spettro compreso tra il 49% e il 46% per Le Pen.

L’uno e l’altro cercarono a tutti i costi di conquistare i voti depositati al primo turno a favore dei restanti dieci candidati; Principalmente, Mélenchon (Francia senza compromessi), terzo nel roster del primo turno con il 22%. Il destino del voto dei suoi seguaci è critico oggi.

Sondaggi recenti mostrano che il 38 per cento dei voti espressi per lui andrà ora a Macron e il 16 per cento a Le Pen.

Ma ciò non significherà più sicurezza per il presidente mentre cerca di essere rieletto.

considerato da una specie di intruso Raggiunto la presidenza nel 2017 e presentandosi come una figura “antisistema” all’interno del sistema, la prestazione del presidente nel corso dell’eventuale mandato non ha soddisfatto chi si aspettava posizioni più coerenti da un compito accusato, al contrario, di essere veritiero. -ala.

Tuttavia, gli analisti puntano a suo favore, ha ridotto la disoccupazione dal 9,6 per cento che aveva trovato quando è salito al potere al 7,4 per cento, nonostante il Covid-19; Che il Pil si sia ripreso più velocemente che in altri paesi europei dopo la peggiore pandemia, e che gli investimenti esteri siano aumentati, anche se a scapito di riforme in chiave liberale che includevano l’abbassamento del costo dei licenziamenti e dei tagli ai posti di lavoro. I disoccupati, tra le altre azioni che hanno provocato più proteste, e dove il malcontento causato dalla sua riforma della pensione differita, in base alla quale i lavoratori devono lavorare per più anni e guadagnare meno per la pensione, sono elencati per ultimi.

READ  L'ONU lancia una campagna per aiutare le Filippine dopo il tifone

D’altronde molti analisti avvertono del pericolo di confondersi con l’estrema destra Marine Le Pen, che ha ammorbidito il suo discorso nel tentativo di conquistare sostenitori, tentativo che prevedeva nel 2018 di cambiare il nome del gruppo politico da lui fondato . Suo padre è Jean-Marie Le Pen. Pertanto, il partito di estrema destra Fronte Nazionale sarà ribattezzato Gruppo Nazionale.

Ma l’erede politica di suo padre non ha tradito il suo divorzio.

Durante la campagna ha parlato di lavoro, disuguaglianze sociali e servizi pubblici, ma gli analisti della rivista digitale CounterPunch hanno avvertito che “la prospettiva economica di Le Pen non è altro che socialista”.

Così, nel dibattito televisivo che li ha portati a tu per tu, Marine Le Pen si è presentata come una “terza via” e ha annunciato la solidarietà della Francia nella lotta all’instabilità mentre Macron ha invece giustificato di aver cercato di fare il meglio decisioni nel mezzo della pandemia e ora con il conflitto in Ucraina, ha promesso un miglioramento nella vita di tutti i giorni.

La differenza tra i due che i sondaggi mostrano non è enorme. Anche la distanza tra il loro modo di fare le cose non sembrerebbe molto.