Novembre 29, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Fujifilm punta in alto nel settore sanitario | Affare

La conversazione con Toshi Ida (Osaka, 1969) è un evento raro. Sbarazzati dello stereotipo del manager giapponese di alto rango che non conosce l’inglese (lo parla bene), introverso (dice che sua figlia lavora al L’economista A Tokyo e che a causa dell’epidemia ha trascorso due anni senza vedere la sua famiglia) ed era ossessionato e solo a pensare al lavoro. “Sono preoccupato per quello che sta accadendo tra il mio paese, Taiwan e la Cina”, ammette.

Ida È il presidente di Fujifilm per l’Europa. L’azienda risale a molto tempo fa: è stata fondata in Giappone nel 1934. Perché a quel tempo il governo era molto interessato al mercato cinematografico globale. Quello fu l’inizio. Poi sono arrivate la fotografia, i raggi X, la stampa digitale, i floppy disk, le videocassette e le macchine fotografiche istantanee. Oltre i 90 anni di età consentono molte transizioni. Nel 1988 è stata la prima azienda giapponese a produrre una fotocamera digitale e nel 1997 la prima con una risoluzione mega-pixel per uso commerciale. Fujifilm è lo stesso stratificato. Strati e strati del passato e del futuro tecnologico.

Motivo dell’incontro sono le nuove strutture che l’azienda sta aprendo ad Alcobendas (Madrid). Ma c’è anche l’opportunità di descrivere l’azienda con cui Toshi collabora da 32 anni. Due in responsabilità europea. Entrato in azienda nel 1991. Subito dopo la laurea. Ho iniziato Nel dipartimento del marketing fotografico internazionale. Sotto quella stessa filosofia giapponese di lavorare nella stessa organizzazione per tutta la vita. Strana cosa in Occidente. Probabilmente ricorda i versi – scritti appunto nel 1934 – di Lenkahara Chuya (1907-1937). Uno dei poeti contemporanei più famosi del paese. “Sì, accetterò il mio destino! E poi finalmente saprò come…”

READ  Lagarde chiede di tenere conto della nuova situazione quando si discute di regole finanziarie | mercati

Il suo destino è trasformare Fujifilm in una delle tre prima del 2050 aziende di tecnologia sanitaria La più importante d’Europa”, propone l’esecutivo. Questo versetto sarà l’ultimo. Gli altri se ne leggono prima. L’azienda ha chiuso il suo anno fiscale (marzo 2022) con ricavi per 18.393 milioni di euro, all’interno di una struttura di 280 società e 75.474 dipendenti. La sua struttura di portafoglio prevede le seguenti mosse Salute – l’area in più rapida crescita – rappresenta il 32%, seguita da innovazione aziendale, in particolare apparecchiature per ufficio (30%), materiali (nastri) per l’archiviazione e la stampa di dati (25%) e immagine (13 %).

Le percentuali che Toshi comprende sono vuote senza speranza di “scopo”. Lo difende, dicendo: “Le organizzazioni devono guardare oltre i finanziamenti”. E si chiede: qual è il suo messaggio nella società? Il nostro obiettivo è connettere l’azienda alla strategia ESG [medio ambiente, sostenibilidad y gobernanza]Hanno stampato il pensiero dell’Agenda per la Sostenibilità 2030, che identifica quattro aree centrali: Natura (emissioni nette zero di carbonio entro il 2040), Stile di lavoro (aumentare la creatività di 50 milioni di lavoratori), Vita quotidiana (contribuire a una società sana e sicura , attraverso lo scambio di immagini e fotografie) e la salute (introduzione di prodotti basati sull’intelligenza artificiale in 196 paesi e regioni entro il 2030).

L’ultima parola, Cheers, è costantemente presente nella conversazione. “La tecnologia medica fa risparmiare costi allo Stato perché aiuta nella diagnosi precoce ed è uno strumento diagnostico essenziale per i medici; non li sostituisce”. sarà. Ma sembra difficile competere con Siemens o Philips. “Abbiamo una tecnologia molto avanzata, ad esempio, in endoscopia, guidata dall’intelligenza artificiale”. Se guardiamo da vicino, intensifica il dirigente, l’endoscopio è poco più di una minuscola telecamera con lenti e sensori minuscoli. La diagnostica oggi utilizza sempre più l’intelligenza artificiale. “Abbiamo sviluppato la nostra piattaforma di intelligenza artificiale medica con il marchio REiLI. Abbiamo anche acquisito l’area diagnostica di Hitachi nel 2021”, afferma. La salute è l’asso di picche.

READ  Wall Street registra una chiusura mista dopo le speculazioni sulla ripresa economica

senza riposo

Forse la chiave sta nel sapere quali giochi giocare e quali foldare. Non potranno mai competere con gli smartphone e le loro istantanee, ma hanno già venduto – dice il boss – due milioni di fotocamere istantanee in Europa. In linea di principio, le loro telecamere e troupe televisive hanno un approccio professionale. E si sono spostati verso fotocamere mirrorless. Luce e tempo. Toshi Ida ha assunto il motto lanciato nel 2019: “Never stop”. non stop. Fujifilm vuole diventare un’organizzazione multi-tecnologica. Al centro, settore sanitario e biofarmaceutico.

Tuttavia, ricordando la frase di Borges, anche loro, come tutti gli uomini, hanno avuto momenti difficili in cui vivono. L’azienda ha familiarità con la geopolitica del tempo. Toshi dice che invia solo squadre Medicare in Russia e “l’impatto finanziario non è molto grande”. Il grosso problema viene dalla filiera, che provoca ritardi nelle consegne e aumenta il costo delle merci. “Ogni giorno ricevo chiamate da colleghi arrabbiati”, ammette con un sorriso. L’inflazione e le ondate di energia sono qualcosa che aziende e clienti devono affrontare. Consapevoli della crescente tensione che la Cina sta provocando in Asia, stanno lavorando a una possibile sostituzione delle fabbriche che hanno nel colosso asiatico.

È stato anche un anno difficile per il mercato azionario e gli azionisti saranno sotto pressione. Il titolo ha lasciato oltre il 16% del suo valore nel 2022. La guerra in Ucraina, l’aumento delle materie prime, la carenza di microprocessori, la logistica e l’inflazione generano un quadro cupo. Nonostante tutto, il presidente europeo di Fujifilm sembra ottimista: “Il prossimo anno andrà bene, sono positivo”. La religione risulta essere più una tradizione occidentale che orientale. Forse tutto oggi è sincretismo.

READ  Avranno una base in Germania e aspireranno a lavorare nel 2025

Scommetti sulla Spagna

Madrid è salute. Almeno per Fujifilm. L’azienda giapponese (presente anche a Barcellona) ha appena aperto uffici nella capitale spagnola con tanta ambizione. I numeri vengono contati rapidamente, proprio come un battito cardiaco. L’anno prossimo (l’anno si chiude a marzo) prevede un fatturato di 90 milioni di euro, rispetto ai precedenti 82 milioni. E il personale crescerà. Raggiungerà 167 persone. L’inizio di un’azienda che possiede tecnologie sconosciute a chi le conosce solo attraverso le sue telecamere. Membrane per la purificazione dell’acqua, trattamenti per la visualizzazione delle donne o lenti ad alta risoluzione, utilizzate nella produzione di mappe. Con sede europea a Düsseldorf (Germania), conta 46 business unit e più di 6.000 dipendenti.

paese mattutino

Svegliati con l’analisi di oggi di Port Berna Gonzalez

ricevuto