Maggio 21, 2024

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Gabriela Sabatini: una stella con la luce propria

Gabriela Sabatini: una stella con la luce propria

Ha raggiunto il terzo posto nella classifica mondiale WTA e ha aggiunto 27 titoli, tra cui un titolo del Grande Slam e due titoli Masters. Ma non c’è dubbio che le sue doti tennistiche e le sue qualità umane gli abbiano permesso di raggiungere il cuore di tantissimi appassionati del pianeta. Lui è Gabriella Sabatini Chi festeggia a Un nuovo ritorno al sole.

Alla Roma apprezzano ancora i momenti e la ammirano in modo particolare, come se fosse una di loro e non una giocatrice argentina. A Tokyo ha suscitato scalpore tra il pubblico come non si era mai visto prima o come poche volte. Per non parlare di New York, la città dove ha celebrato i tre più grandi titoli della sua vita, Gli US Open del 1990 e i Campionati Masters del 1988 e del 1994.

memoria Gabe Dura per sempre per quella qualità superiore di battuta, quello stile flessibile e versatile che ci manca così tanto oggi, quel dono delle brave persone, quella gentilezza verso le persone. È vero che è stata accusata di essere poco amichevole con i microfoni e la sua timidezza ha influito su questo. È tutto il risultato dell’essere introverso.

La sua umiltà l’ha resa più grande. Dalla vittoria del titolo junior al Roland Garros nel 1984, quando aveva 14 anni, alla sua impresa di toccare il cielo con le mani agli US Open del 1990, fino al titolo finale Masters. E la convinzione di aver combattuto contro personaggi entrati nella storia e solo contro la sua più grande rivale, la tedesca Steffi Graf, quando era numero 1 al mondo, Gabriella l’ha battuta nella finale degli US Open che non dimenticherà mai.

READ  Vilas, l'uomo latinoamericano con il maggior numero di titoli del Grande Slam in singolo

In campo rendeva facile il difficile, con quella mano straordinaria e quel rovescio così lussuoso e allo stesso tempo temuto dai suoi avversari. Anche la medaglia d’argento alle Olimpiadi di Seul del 1988, lo stesso ragazzo che era a due punti dal trofeo e balzò al numero 1 della classifica contro Graf nella finale di Wimbledon del 1991, è un piacere da vedere lontano dal campo. Per il modo in cui parla e tratta con gli altri. Col tempo ha ottenuto riconoscimenti e ha lasciato un segno, come le sue opere teatrali, che hanno suscitato migliaia di applausi.

Nel 2006, è stata inserita nella International Tennis Hall of Fame. È stata spesso ospite speciale nel palco d’onore del Grande Slam e di altri tornei importanti. Contribuì alla promozione dello sport, collaborò con l’UNICEF, l’UNESCO e Special Olympics, fino a diventare un atleta modello Giochi Olimpici Giovanili Buenos Aires 2018.

Nel 2020, i ruoli si sono susseguiti e il nome di Sabatini è stato scelto per ricevere la più alta onorificenza dell’ITF, il Philippe Chatrier Award, per il suo contributo significativo al tennis, sia dentro che fuori dal campo. “Sono molto felice e onorato” Ha detto quando ha ricevuto questa medaglia a Parigi. Inoltre, è stato annunciato L’illustre cittadino di Buenos Aires, Nel corso di una cerimonia tenutasi presso la Legislatura di Buenos Aires, dove l’ha ringraziata per essere stato un “grande onore”, accompagnata da familiari e amici.

Nel 2022 è tornato in tribunale. Prima al Roland Garros con Gisela Dulko a giocare Campionato di leggende In modalità doppia. Erano secondi classificati. Allora approfitta del pass Rafael Nadal e Casper Ruud A Buenos Aires per evidenziare il vice con un doppio misto. Sempre rilassato. Si mette sempre in secondo piano.

READ  alla terra di Parigi

E lo è anche lei. Un grande in ogni senso della parola. per questa ragione, Gaby Sabatini era e continuerà ad essere una star con una luce propria.