Gennaio 31, 2023

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Generale (r) per ascoltare il restauro del Palazzo di Giustizia colombiano

Secondo un comunicato diffuso dal PEC, la sessione avrà carattere colloquiale e coinvolgerà le vittime degli eventi accaduti nell’attacco dell’M-19 e il successivo sequestro del Palazzo di Giustizia da parte delle Forze Generali.

Una volta terminata l’udienza, la Camera di definizione delle posizioni legali del PEC valuterà i contributi di fatto di Arias Cabrales e determinerà se sono sufficienti per mantenere il suo deposito e far avanzare il processo di benefici transitori in questa giurisdizione.

Mercoledì 6 novembre 1985, il Movimento del 19 aprile (M-19) iniziò ad occupare il Palazzo di Giustizia, quando circa 35 gangster entrarono nell’edificio nell’ambito dell’operazione denominata “Antonio Nariño per i Diritti Umani”. .

Con questa azione, i combattenti cercavano di deporre il presidente Belisario Betancourt per non aver mantenuto le promesse di pace e gli accordi firmati a Hubo, Corinto e Medellín un anno prima della presa del potere.

Gli uomini del battaglione della guardia presidenziale hanno risposto all’acquisizione e poi hanno iniziato la cosiddetta restaurazione militare delle forze armate.

Alle 17:30 è scoppiato un incendio e lo scontro tra l’M-19 e l’Esercito è continuato fino alle 02:00 del 7 novembre.

I superstiti partirono in maggior numero il pomeriggio del primo giorno, altri il settimo. Molti sono riusciti a sopravvivere e altri sono stati portati a La Casa del Florero, utilizzata dagli agenti statali come “posto di comando avanzato”.

Terminato il recupero, le autorità militari hanno preso in carico il posto, hanno portato tutti i corpi al primo piano, li hanno spogliati degli indumenti e degli effetti personali e li hanno lavati per togliere le prove dei fatti.

Alcuni dei corpi non erano nemmeno nei locali, sono stati trovati in fosse comuni o in fosse di altre persone o non si sa ancora cosa sia successo loro, secondo la Commissione Interchurch Giustizia e Pace.

READ  Le Nazioni Unite chiedono aiuti di emergenza e finanziamenti per la resilienza

Nel 2011 il generale Arias è stato condannato a 35 anni di carcere per la scomparsa di alcuni ostaggi usciti vivi dal Palazzo di Giustizia e per la guerriglia di Irma Franco.

Nel maggio 2020 è stato rilasciato in libertà vigilata dopo essere stato portato all’Autorità giudiziaria speciale per la pace.

ode/otf