Novembre 27, 2021

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Gente de Zona torna a “Dance and Joy”

Il duo cubano Gente de Zona ha pubblicato, venerdì, la canzone “Háblame de Miami”, una canzone con la quale tornano allo stile “dance and joy” che ha segnato la loro carriera e l’hanno lasciato da parte per partecipare all’inno di protesta contro il regime . L’Avana “Casa e vita”.

La canzone, prodotta da Randy Malcolm e Alexander Delgado Maffio, è un’umile meringa elettronica che “cerca di creare semplicemente un’oasi di divertimento tra molti interessi”, come dicono gli artisti.

In un’intervista a Efe, gli artisti hanno categoricamente escluso che così facendo hanno preso le distanze dal loro attivismo “a favore della libertà cubana”, che ha raggiunto il suo punto più visibile quest’estate con “Patria y vida”.

“Al contrario. Siamo più connessi e impegnati che mai, quello che succede è che la missione di Gente de Zona è portare gioia e migliorare la vita con la musica e la danza. Questa è la nostra essenza come artisti”, ha detto Malcolm.

Questo è l’unico scopo apparente di “Háblame de Miami”, una canzone leggera come il video di accompagnamento. In esso, Gente de Zona e Maffio sono visti godersi la baia di Biscay che separa Miami da Miami Beach.

Artisti a bordo di uno yacht, lungo raggio percorso da simpatiche modelle in bikini, attraverso una giornata di sole che si estende in una notte rauca.

“È Miami come molti la immaginano, la città di Del Mar, il sole e la festa”, ha detto Delgado, riferendosi al suo successo con Marc Anthony, confermando che con la canzone “Joy” di Ginte de Zona è tornata. “

Più di Kobaton Gente de Zona e Maffio hanno rivelato che “Háblame de Miami” fa parte del nuovo album del duo, in cui sono presenti diverse canzoni del produttore dominicano.

READ  Secondo Frank Grillo, il Purge 6 sta già andando avanti

“Abbiamo fatto un ottimo lavoro in studio e una grande amicizia al di fuori di esso”, ha detto Malcolm, osservando che in precedenza avevano collaborato a canzoni come “Ella me said” (2016) e “The temperature” (2015).

Il risultato è stato un album che hanno descritto come “il più versatile e diversificato” nella carriera del duo, nato nella periferia dell’Avana all’inizio di questo secolo.

Anche senza un nome, il quinto album di Gente de Zona conterrà generi diversi, come dimostrano brani come “Niña” con Becky G e “Otra Botella” con il cantante di musica regionale messicana Gerardo Ortiz. Oltre alla meringa “Háblame de Miami”, ci sono anche salsa tradizionale, bolero e reggaeton.

“Siamo fortunati ad essere in un’epoca in cui gli artisti non devono limitarsi a un genere. Ci piace esplorare tutti i generi musicali senza perdere il nostro nucleo”, ha detto Malcolm.

Tra Las Vegas e L’Avana Oltre al loro tour, che nei prossimi giorni li porterà in Messico e nel sud degli Stati Uniti, Gente de Zona ha già partecipato il 18 novembre, dove parteciperanno ai Latin Grammy di Las Vegas.

Non sanno ancora se appariranno o meno sul palco, anche se sperano di arrivare lassù e ottenere un Latin Grammy per le due nomination date da “Patria y vida”.

Tuttavia, è chiaro che nel migliore dei casi sarebbe “amaro” che la canzone “Sono diventato un inno alla libertà per i giovani di Cuba” venga riconosciuta.

“Ha disturbato così tanto il sistema da imprigionare ingiustamente molti di loro”, ha detto Malcolm.

Sono tutti dolorosi, ma il rapper Michael Osorbo, che ha completato con Decimer Bueno, Yotwill ed El Funke gli artisti di “Patria y vida”, li tocca con qualcosa di molto speciale.

READ  "Pirruris" Luis de Alba si sta riprendendo dopo l'operazione

Sopravvivono nella speranza che li possa scortare a Las Vegas, ma per il fatto che questa è l’ultima cosa che si perde e non per convinzione, perché sarebbe “contraddire il comportamento” che il governo cubano ha tenuto in questo tipo di situazione nel passato.

In questo modello di comportamento, l’annuncio del regime di Castro includeva il divieto di una protesta popolare convocata per il 15 novembre.

Per Gente de Zona, “È una situazione difficile per quelli di noi all’estero e molto di più per quelli là fuori, ma se i giovani decidono di uscire comunque, li sosterremo il più possibile”.