Marzo 5, 2024

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Georgia Meloni gioca per affermare la sua autorità in Italia

Georgia Meloni gioca per affermare la sua autorità in Italia

Georgia MeloneyIl primo ministro italiano ha lanciato l’allarme su larga scala Europa Quando divenne presidente del Consiglio dei ministri Italia Nell’ottobre 2022. È la prima volta che un esponente dell’estrema destra (con L.)Per allenamento Fratelli d’ItaliaPartner italiani Vox) è diventato il capo del governo di una delle quattro nazioni più grandi del continente.

Tuttavia, Melonia Ha lavorato meno rumorosamente, in modo più sobrio e sensato rispetto al suo piano o ai suoi slogan euroscettici. Come hanno sottolineato molti analisti, ha tratto la lezione da quanto accaduto Silvio Berlusconi Ben imparato. Non ha bisogno di preoccuparsi troppo delle persone per mantenersi e affermarsi. Unione Europeafare America O Potenza economica italianaè successo con Vittorio Orban Dentro Ungheria.

Questo sarà il caso almeno fino alla seconda metà del 2023. All’inizio di novembre, il suo gabinetto ha approvato quella che ha definito la “madre di tutte le riforme” che ha promesso avrebbe “condotto alla Terza Repubblica italiana”. “

Si tratta di un Progetto di legge di riforma costituzionale – Battezzato Italia COME Premiership— Modifica solo quattro articoli della Magna Carta, tranne uno di questi Una profonda riforma del sistema politicoSi passerà dal governo parlamentare a quello presidenziale.

Il motto di Melony Rafforzare l’immagine del Primo Ministro E Egli deve garantire di governare con la maggioranza assoluta, anche se ha vinto di poco le elezioni. Il dramma è ad alto rischio. Se non si ottiene il sostegno dei due terzi Parlamento, è necessario sottoporlo a referendum. Non è la prima volta che si conclude una consultazione nazionale con un primo ministro italiano.

Lo scopo ufficiale della riforma La politica laica italiana pone fine all’instabilitàEra 68 governi negli ultimi 75 anni O 12 Primi Ministri negli ultimi due decenni. La nuova costituzione eleggerà il primo ministro “a suffragio universale e diretto per un mandato di cinque anni”.

READ  Contro / Miglior gol annullato da "Toni" Sanabria in Italia

Lo fa offrendo un turno e un voto 55% dei seggi in entrambe le Camere: “un premio” per la lista più votata.. Il vincitore viene nominato Primo Ministro dal Presidente e poi approvato dal Parlamento senza la necessità di concludere alcun accordo, poiché gli viene garantita la maggioranza assoluta anche se ottiene un solo deputato rispetto al partito successivo.

Presidente dello Stato

Finora il candidato Primo Ministro è stato nominato dal Capo dello Stato. Poi bisognava ottenere la maggioranza delle Camere, un modello parlamentare simile a quello spagnolo Congresso Il Presidente è eletto a maggioranza Su consiglio del re.

Altri sistemi politici offrono bonus ai vincitori per garantire una maggiore stabilità parlamentare –La Grecia offre 50 seggi aggiuntivi ai vincitori delle elezioni-, ma non garantisce la maggioranza assoluta del 100%, ad esempio, se c’è una grande frammentazione e nessuna delle preferenze raggiunge i 101 seggi (il Parlamento greco ha 300 rappresentanti).

La riforma italiana mira a limitare le crisi di governo in modo che in caso di morte, incapacità o dimissioni del primo ministro, non si tengano nuove elezioni, ma il presidente nomini invece un altro deputato dello stesso partito politico del primo. Il Primo Ministro è il ministro che è il capo del governo.

La norma impedirebbe l’elezione di tecnocrati alla guida del governo su proposta del presidente, una formula che ha più volte salvato l’Italia da complesse crisi politiche. Mario MonteEro nel 2011 o giù di lì Mario Draghi nel 2021Per esempio.

Fin dalla sua introduzione, il progetto ha generato diffuse polemiche in Italia La maggioranza dei partiti di opposizione ha respinto E anche l’opinione pubblica. Una recensione del diario LaStampa A sostenerlo è solo il 40% degli italiani.

READ  Un'altra buona opera di Delphino a Pesaro, Italia

La riforma ha attirato critiche anche da parte della destra. Per le domande Il Corriere della SeraUna delle persone più affidabili Berlusconi, Gianni Leda, ha criticato la mossa. Leta era vicesegretario e candidato a diverse riunioni di gabinetto ForzaItalia Dovrebbe essere Presidente della Repubblica. L’anziano politico ha affermato che la riforma “ridurrebbe i poteri del Presidente della Repubblica” e diminuirebbe la sua legittimità agli occhi del Primo Ministro. “L’immagine del Presidente è buona così com’è adesso e non rimuoverò nessuna delle sue prerogative”, ha concluso.

Il capo dello Stato, infatti, continuerà ad essere votato dal Parlamento, a differenza del primo ministro, eletto direttamente dai cittadini. Inoltre, il Presidente non può più sciogliere il Parlamento o scegliere un Primo Ministro esterno alla Camera.

Un’altra critica che la proposta suscitò fu che avrebbe posto fine ai poteri del Parlamento italiano. Le Camere sono sempre condannate a lavorare a maggioranza assoluta su una lista molto votata, perdendo peso e influenza.

Nonostante abbia creato opposizione, Giorgia Meloni ha dovuto mettere ai voti la sua proposta, ma «decidono direttamente gli italiani».

Come sottolineano la maggior parte degli analisti, il Primo Ministro intende consolidare il potere e ha il vantaggio di essere Primo Ministro alle prossime elezioni. Ora è a capo di una coalizione di tre partiti di centrodestra e di estrema destra: Fratelli d’Italia, Forza Italia e Lega Di Matteo Salvini. Se dovesse approvare la riforma che entrerà in vigore alle prossime elezioni, potrebbe essere tentato di guidare il paese con il sostegno di un partito unico con la maggioranza.

La legge ha iniziato la sua attuazione al Senato ed è nelle prime fasi di consultazione con esperti e professori. Poi, trattandosi di una riforma importante, il processo sarà lungo. Sono richieste due letture da entrambe le Camere e due terzi di esse devono essere approvate. Se non raggiungerà quella maggioranza qualificata – cosa ormai impensabile –, Deve essere ratificato in un referendum non tenuto prima del 2025.

READ  Perché Ben O'Connor ha scelto di tornare al Giro d'Italia invece che al Tour de France

Meloni ritiene che la posta in gioco sia alta poiché i sondaggi in Italia sono gestiti dal diavolo. Silvio Berlusconi nel 2006 o Matteo Renzi Nel 2016 hanno perso le consultazioni che hanno messo fine alle importanti riforme che avevano cercato di promuovere. Infatti l’allora presidente era Renzi partito Democratico (Centro sinistra) Diede le dimissioni allora cosa I cittadini hanno sconfitto la riforma costituzionale che tentava di dare più potere al governoAnche se in modo meno estremo: penalizzare i partiti più piccoli riducendo il numero dei seggi Camera dei Rappresentanti ed eliminazione Senato La sua capacità deterrente. Come la proposta è stata intesa Un tentativo di restare al potere.

In questo contesto, la Meloni ha già detto pubblicamente che non si dimetterà anche se si riprendesse e perdesse il voto: “Decideranno gli italiani. Non c’entra niente con l’azione del governo”, ha concluso.