Dicembre 5, 2021

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

“Get Back” sfata e conferma alcuni miti dei Beatles

Per 50 anni, la storia ha detto che la sessione di registrazione di “Let it Be” dei Beatles è stata un’esperienza miserabile, poiché i membri della band si sono stancati l’uno dell’altro, del loro lavoro e in procinto di sciogliersi.

Un documentario di quasi 8 ore prodotto da Peter Jackson, composto da film e registrazioni scartati da quelle sessioni, rivelando invece una band coscienziosa di rara rilevanza e un’etica del lavoro che sapeva ancora come divertirsi, anche se era in divenire. rompere.

“Get Back” sarà trasmesso come una serie in tre parti su Disney+ a partire da giovedì, il Giorno del Ringraziamento negli Stati Uniti.

Prodotto dai Beatlemaniac per altri Beatlemaniac, può essere un’esperienza stressante per chi non è in quel club. Ma il club è molto grande. Oltre alle delizie che offre ai fan, “Get Back” è uno sguardo al processo creativo di una band ancora popolare mezzo secolo dopo che ha cessato di esistere.

Jackson, il regista premio Oscar de “Il Signore degli Anelli”, stava discutendo di un altro progetto dei Beatles quando ha chiesto cosa fosse successo a tutte le clip prese dal film di Michael Lindsey Hogg del 1970 “Let it Be”.

Sono state girate quasi 60 ore di film in tre settimane, la maggior parte delle quali non erano mai state viste prima, e la band stava pensando a cosa farne. Jackson ha preso quel materiale, oltre a 150 ore di registrazioni audio, e ha trascorso quattro anni a costruire una storia.

Si avvicinò a lei con la paura che potesse essere un lavoro frustrante.

Il film di Lindsay-Hogg è una cronaca della scomparsa della band – ingiustamente, dice Jackson – perché è stato rilasciato così presto dopo l’annuncio della rottura. Alcuni Beatles hanno rafforzato l’idea facendo commenti negativi sull’esperimento; Si sono concessi pochissimo tempo per scrivere e registrare nuovo materiale in preparazione di uno spettacolo dal vivo, con le telecamere che seguivano tutto.

READ  Chi ospiterà lo spettacolo dell'intervallo al Super Bowl LVI

“Mi aspettavo tutto male”, ha detto Jackson. Ho aspettato che iniziassero le discussioni. Ho aspettato che iniziasse il conflitto. Ho aspettato sentendo che si odiano. Ho aspettato tutte le cose che ho letto nei libri e non si sono mai presentate”.

Oh, c’è una lotta. La storia mette in ombra i momenti divertenti rivelati nel filmato trascurato, come John Lennon che canta “Two of Us” come se fosse Bob Dylan, o lui e Paul McCartney che si sfidano a cantare senza muovere le labbra. Jackson ristabilisce l’equilibrio.

“La connessione è stata fantastica”, ha ricordato il batterista Ringo Starr in una recente intervista tramite Zoom. Sono figlio unico, (ma) ho tre fratelli e ci prendiamo cura l’uno dell’altro. Abbiamo litigato, è normale. Ma musicalmente, ogni volta che contavamo “uno, due, tre, quattro”, volevamo essere i migliori”.

Jackson ha seguito le sessioni giorno per giorno da quando sono iniziate su un set cinematografico cavernoso che alla fine è stato abbandonato in favore del famoso studio di registrazione londinese, fino alla breve esibizione sul tetto, l’ultima volta che i Beatles si sono esibiti in pubblico.

Il regista è sensibile all’idea di voler “eliminare” le sessioni, osservando che “Get Back” mostra George Harrison che lascia brevemente la band, cosa che a Lindsay-Hogg non è stato permesso di mostrare.

È successo una mattina quando Harrison ha guardato in silenzio Lennon e McCartney lavorare su “Two of Us” come se gli altri non fossero presenti. Quando arrivò l’ora di pranzo, Harrison aveva qualcosa di un po’ più duraturo.

“Lascio la band ora”, ha detto naturalmente prima di andarsene.

Dopo alcuni giorni e due incontri, la band convinse Harrison a tornare. La mattina in cui lo fa, il film mostra lui e Lennon che leggono notizie false che l’hanno sorpresa e derisa praticando posizioni di boxe.

Lungo la strada, The Jackson Project dissipa e rafforza i miti popolari che si sono solidificati nel corso degli anni.

READ  Evan Peters: la scena scioccante che gli è valsa un Emmy 2021 ma che gli ha fatto pensare di lasciare Mary of East Town | Emmy Awards | Amy | salta l'ingresso

Mito n. 1: McCartney era un controllore maniacale.

Verdetto: parzialmente vero. Il film mostra Harrison visibilmente arrabbiato per aver dato a McCartney e agli altri membri della band istruzioni su come esibirsi e li ha convinti a decidere per un concerto dal vivo. La band è stata in qualche modo senza scopo dalla morte del manager Brian Epstein nel 1967. McCartney ha assunto il ruolo di “padre” ed è piuttosto a disagio con esso.

“Ho paura di essere il manager, e lo sono stato per due anni”, dice. “Non sto ricevendo alcun supporto.”

Mito 2: Yoko Ono sciolse i Beatles.

Verdetto: sbagliato. È presente a quasi tutte le sessioni di registrazione, ma principalmente come una forza benigna seduta accanto a Lennon. Altre coppie dei Beatles appaiono in studio, anche se non spesso. A un certo punto, McCartney ha fatto una battuta profetica su di lei.

“Sarebbe incredibilmente divertente tra 50 anni; si sono lasciati perché Yoko si è seduta sull’amplificatore”.

Nel pomeriggio dopo che Harrison se ne andò, i rimanenti Beatles espressero chiaramente la loro frustrazione per la musica aggressiva e sessuale, e Ono prese il microfono in un grande momento.

Mito n. 3: I Beatles sono diventati essenzialmente quattro artisti solisti, con l’altro come compagni nelle canzoni dell’altro.

Verdetto: sbagliato. Collaborano costantemente, cercano e accettano consigli. Ad un certo punto, Harrison ha ammesso a Lennon che ha avuto difficoltà a completare il testo di “Attract Me Like Any Other Lover” in “Something”. Lennon suggerisce di usare la frase senza fronzoli, “Mi attira come un cavolfiore”, finché non arriva qualcosa di meglio.

Durante tutto il film, gli spettatori possono vedere come la canzone di McCartney “Get Back” ha preso vita con una bozza vocale sul lato, e lui e Lennon si sono scambiati le selezioni dei testi e hanno fatto un brainstorming per trasformarla in una canzone critica del sentimento anti-immigrati e dell’intera band lavorare sull’arrangiamento. Soddisfatto del risultato finale, è Harrison a suggerirne l’uscita immediata come singolo.

READ  Il permesso dei BTS di ballare sul palco LIVE: orari, guarda online e tutti i dettagli | PTD sul palco | concerto dal vivo | burro | Kony | TDEX | Luci

“Vederli lavorare insieme è un artefatto estremamente importante, non solo per i fan dei Beatles ma per qualsiasi persona creativa”, ha affermato Bob Spitz, autore di The Beatles: The Biography pubblicato nel 2005.

Mito n. 4: il filmato mostrava i Beatles.

Verdetto: sostanzialmente vero. È chiaro che l’entusiasmo di Lennon e Harrison per essere i Beatles sta calando. È chiaro che Lennon è affezionato a Ono; McCartney dice a Harrison e Starr che se si trattasse solo di scegliere tra lei ei Beatles, Lennon andrebbe con lei.

Harrison, cresciuto in modo creativo, è a disagio con il suo ruolo di supporto. Ha parlato con Lennon della creazione di un album solista perché aveva abbastanza canzoni scritte per riempire la sua “quota” di album dei Beatles per un altro decennio. Per dimostrare il loro punto, i Beatles provano la solenne opera di Harrison “All Things Must Pass”, ma si rifiutano di registrarla.

Nel film, Lennon e Starr discutono anche di un incontro con il manager dei Rolling Stones Allen Klein sull’assunzione degli affari dei Beatles, che prefigura un’amara separazione da McCartney.

“È pieno di piccole storie”, ha detto Jackson.

Jackson, che avrebbe dovuto essere un importante documentario, ha affermato di essere preoccupato di mostrare il suo prodotto finale molto più lungo a McCartney, Starr e alle famiglie Lennon e Harrison.

Ha detto: “Ma sono tornati e hanno detto: ‘Fantastico, non cambiare nulla’”.

Tra i momenti inestimabili che ha scoperto c’era la gioia sui volti dei Beatles mentre si esibivano sul tetto dello studio. Il film presenta tutti gli attori e i Beatles accettano la sfida e si divertono.

Quando la polizia alla fine ha finito, la band e l’entourage si sono ritirati in studio e hanno ascoltato una registrazione di ciò che avevano fatto.

“Questa è un’ottima prova per qualcos’altro”, dice il produttore George Martin.

Purtroppo non è successo niente.