Febbraio 5, 2023

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Giovani che percorrono 1.600 chilometri al giorno per andare al lavoro: una storia d’azione virale | Italia | Nndannrt | Fuori sede

Giuseppina Giuliano è una donna italiana di 29 anni che ogni giorno attraversa l’Italia da nord a sud in treno per evitare di pagare una stanza. Il suo caso riflette il dramma del lavoro che molte persone vivono a causa dei salari e dei prezzi degli affitti.

L’italiana, conosciuta come la ‘pedale veloce’, si sveglia alle 3:30 per prendere un autobus a mezz’ora di distanza dalla stazione più vicina a casa sua. Alle 5 sale sul treno da Napoli a Milano in quattro ore e mezza. Alle 10:30 inizia a lavorare come custode in una scuola e il suo turno termina alle 17:00. dopo di che, Devi tornare nella tua cittàArriva lì alle 22:53.

Così, la giovane donna trascorre alcuni minuti con la sua famiglia. Dopo una cenetta e un breve colloquio con i genitori, va a letto per ripetere la sua routine quotidiana, che fa da settembre, mese in cui gli è stato offerto un contratto a tempo indeterminato.

“Per me il treno costa meno dell’affitto”

Giuseppina sottolinea che pur sapendo di avere uno stile di vita “estremo”, non aveva scelta: “Il mio stipendio mensile è di 1.165 euro, ma il prezzo di una stanza è di 650 euro, quindi ho cercato di trovare una casa che non costasse troppo. Ora è facile trovare un ago in un pagliaio a Milano”Secondo lo slogan ‘Il Giorno’ ha detto l’italiano nella conversazione con i media Dalla Spagna.

“Accumulando punti attraverso i viaggi e acquistando i biglietti in anticipo, il treno alla fine costa 400 euro al mese, che è molto meno di una stanza condivisa a Milano. Qui spendo tutto il mio stipendio in affitto, bollette della luce, cibo… e spesso devo chiedere aiuto economico alla mia famiglia. Invece, continuando a vivere a Napoli con i miei genitori, risparmio qualcosa.Ha aggiunto.

Uno stile di vita “estremo”.

Giuseppina sa che il suo stile di vita può sembrare “folle”, ma vuole rassegnarsi. “Ognuno è libero di scegliere il modo migliore per organizzare la propria vita. Io ho scelto il mio. Esatto. Spero che questa situazione non duri per sempre. Ora sono giovane e posso sopportare la fatica, ma quando sarò grande ha vinto non essere così.Lui ha spiegato.

READ  L'Italia monitora la presenza di navi russe vicino alle sue coste

Dopo che il suo caso è diventato noto, il suo centro di lavoro, Boccioni, ha annunciato che stava cercando di trovargli un alloggio.

Il caso del “pedale della velocità” non è isolato. Secondo i suddetti media, sono molti quelli che vivono una situazione simile, soprattutto i giovani del sud Italia.

I social media hanno confermato che la sua storia era falsa

Dopo che la storia di questo italiano ha commosso il pubblico, diverse pubblicazioni sono apparse sui social network affermando che il caso era falso.

Tuttavia, Agnese Bini, la giornalista incaricata di riportare la testimonianza di Giuseppina, ha confermato tutti i dettagli della vicenda a Francesca Albarone, direttrice di questa istituzione.

A poche ore dalla pubblicazione dell’intervista, è diventata virale una pubblicazione in cui il direttore dell’azienda ha confermato che la giovane aveva lavorato solo per due giorni.

Sebbene l’utente anonimo che ha aperto il post non abbia citato alcuna fonte, il testo è stato condiviso migliaia di volte. Successivamente, il lavoratore è stato criticato e umiliato sui social.

Dopo queste false accuse, gli studenti dell’Istituto hanno difeso Giuseppina, ma anche i suoi colleghi e il segretario regionale della Lombardia.