Ottobre 3, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Giovedì cresce la pressione sulla Banca centrale europea per aumentare i tassi di interesse di 75 punti base | mercati

Le banche centrali non dovrebbero solo combattere l’attuale spirale al rialzo dei prezzi, ma aspettarsi che i prezzi continuino a crescere nel medio e lungo termine. La Banca centrale europea è ben lungi dall’avvicinare questa previsione al suo obiettivo di stabilità dei prezzi del 2% in futuro. I consumatori dell’Eurozona si aspettano un’inflazione a lungo termine del 3%, in aumento rispetto al 2,8% fornito a giugno, secondo il sondaggio mensile della Banca centrale europea su quasi 14.000 adulti in Belgio, Germania, Spagna, Francia, Italia e Italia. Olandese.

Il CPI di agosto dell’Eurozona non si è arreso e conferma il continuo rally dei prezzi che sono aumentati del 9,1% a/a dall’8,9% di luglio. Il rally fornisce argomenti all’ala più dura della Banca centrale europea, che chiede un aumento del tasso di 75 punti base nella riunione dell’8 settembre.

La possibilità di aumentare i tassi di questo importo – non di mezzo punto, come a luglio – sta guadagnando peso e sono già molte le società di analisi che puntano su questa tesi. Queste le previsioni rilasciate venerdì da Bank of America e quelle condivise da altri esperti come Goldman Sachs, Citi o Morgan Stanley.

“Il numero di consulenti della BCE favorevoli a una risposta più forte è aumentato”, ha affermato l’economista di JP Morgan Greg Vozzi in una nota ai clienti. I dati sull’inflazione di mercoledì “daranno loro più incoraggiamento. Anche se è difficile valutare la dimensione relativa dei vari gruppi di sostenitori all’interno del board dopo la pausa estiva, sospettiamo che ci saranno più carte sul tavolo per un prossimo aumento di 75 punti base. settimana.”

READ  Uber non riesce a trovare i conducenti, che è un'altra conseguenza della crisi globale

Pochi minuti dopo la pubblicazione dei dati sull’inflazione, il presidente della Bundesbank Joachim Nagel ha chiesto un “forte aumento dei tassi a settembre” e ha aggiunto che “ulteriori aumenti dei tassi sono prevedibili” dopo. Il suo compagno di squadra austriaco Robert Holzmann mercoledì ha detto che “non c’era motivo di essere indulgenti”.

L’economista di Goldman Sachs Sven Gary Stein ha osservato che i dati sull’attività “hanno resistito un po’ meglio del previsto” e ha affermato che la zona euro potrebbe vedere solo un “moderato rallentamento”, secondo Bloomberg. Questo esperto prevede che l’inflazione accelererà ulteriormente quando le misure di sostegno temporaneo in Germania finiranno e l’aumento dei costi dell’energia continuerà a pesare sui prezzi al dettaglio. “Il dibattito è molto complesso, ma il mix di messaggi recenti, insieme alla sorpresa di agosto al rialzo dell’inflazione core, significa che una mossa più grande della mossa di luglio è ora leggermente più probabile”, hanno scritto gli economisti nel loro rapporto.

Tuttavia, le banche di investimento non sono chiare e tutte comprendono che queste previsioni sono soggette a incertezza. Bank of America ha affermato che la sua nuova previsione sui tassi si basava su una “decisione molto difficile”.