Febbraio 5, 2023

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Giro d’Italia 2022: lo champagne Pinium Girme apre e lascia il Giro per un infortunio all’occhio

D.Ramo per il corridore passato alla storia. Il Giro d’Italia deve partire dopo che l’Eritrea Pinium Girme ha vinto il primo round di un ciclista nero in un ‘Grand Tour’.. Più inaspettatamente, il vincitore si è infortunato quando lo champagne è stato aperto. Fare un passo ‘La Cassetta dello Sport‘, Intermarcia Vandy Preferire nessun rischio.

“Sono felice per il successo di ieri, ma un po’ triste per quello che è successo sul palco. Tutti erano felici quando sono tornato dall’ospedale, ma un po’ preoccupati. Purtroppo questo mercoledì non sarò lì presto. Non posso continuare con Zero perché il mio occhio ha bisogno di una pausa. Non vedo l’ora. Grazie per tutto il supporto”, ha detto sulle reti del team Intermarch-Wanty-Gobert Matriaux.

Purtroppo non questo mercoledì in anticipo. Non posso perseguire Zero perché il mio occhio ha bisogno di riposo

Pinio Kirmai

La mostra e il palcoscenico di Kirme finiscono male

Questo è un atto sciocco. Kirme Ancona si è rivelato con uno sprint strepitoso al termine della regione. Non c’era nulla che potesse fare Matthew van der Boyle, si è seduto e ha indicato l’Eritreo come il vincitore. Kirme è entrata nella storia, ma che cose… Il momento di più grande gioia è diventato il momento dell’abbandono.

Pinium Kirme ha fatto la storia a Zero, sconfiggendo Van der Poyle nello sprint supremo

La sfortuna di aprire lo Champagne Pinium Girme

Aprire la bottiglia, tappare il tiro e Scuro Sono finito in ospedale. Secondo La Gazzetta Dello Sport, questo non provoca gravi danni, Ma non vogliono rischiare. Il cambia storia fa buona parte dei compiti e va a casa. E con riferimento. Gli applausi dei compagni hanno detto tutto.

READ  L'Italia festeggia il 1 maggio tra dubbi e paure

Scuro Nel 2022 all’età di 22 anni è entrato nella storia del ciclismo. Vittoria nelle prestigiose classiche belghe come la Kent-Weweljem e la prima gara nera del “Grand Tour”. Perfetta introduzione al Giro d’Italia e un progetto imponente.