Novembre 29, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Giuliano Granato: “Dobbiamo ricostruire una struttura sociale in Italia” | Portavoce nazionale del partito di sinistra Boder al Pueblo

“Il vecchio mondo sta morendo, in questo chiaroscuro nasce il mostro”, scriveva Antonio Gramsci, e fino a poco tempo fa il Museo Nazionale delle Arti del XXI secolo di Roma presentava tavole con questa frase, Giorgia Meloni – la nuova Presidente del Consiglio d’Italia – ha sviluppato la sua carriera politica. Giuliano Granato, invece, è nato e cresciuto a Napoli “nel sud Italia, come l’America Latina”, dice. È laureato in Relazioni Internazionali e ha scritto una tesi su José Carlos Maritiacu. Ha preso parte a diverse proteste sociali come il controvertice del G8 del 2001 a Genova. Ora, insieme alla sua compagna Marta Collot, dirige la voce politica di Potare al Popolo (Potere al popolo), una formazione di sinistra lanciata nel 2016 a Napoli, in Italia.

Parlando sempre in orizzontale con i suoi colleghi e le persone che aderiscono a questo nuovo partito politico il cui obiettivo principale è aumentare la consapevolezza dei diritti sociali, della condivisione della ricchezza e dell’inclusione nell’Italia di estrema destra. Una coalizione politica formata da La Liga (Lega), Fratelli d’Italia (Fratelli d’Italia) e Forza Italia (Forza Italia) forma ora un governo. In questa intervista, Granato, ex candidato parlamentare, riflette e analizza il passato, il presente e l’immediato futuro dell’Italia, compresa l’idea di Stato.

Come e quando è nato Pottere al Popolo?

– Le persone che fanno parte di questo partito politico di sinistra provengono dalle costruzioni politiche delle lotte sociali regionali. Lo abbiamo fondato a Napoli nel novembre 2017 e abbiamo deciso di candidarci alle elezioni generali di marzo 2018. Non lo stiamo facendo da soli, stiamo unendo le forze con vari movimenti socio-politici e altri partiti di sinistra, oltre a gruppi e individui. Il nostro progetto. Sebbene non potessimo entrare nel Parlamento nazionale (non lo vedevamo come un fallimento ma come un inizio) abbiamo utilizzato questa candidatura come strumento nazionale per rivendicare la nostra visione ed è quello che è successo.

Di fronte a un’Italia attualmente governata da un blocco politico di estrema destra, con il 63,9% della società che non vota, quali pensi dovrebbero essere le nuove costruzioni politiche regionali della nuova sinistra italiana?

– Nessun boicottaggio del genere è mai avvenuto in Italia. È importante notare che il profilo e la fascia di età degli elettori sono cambiati nel corso degli anni. Negli anni ’90 i giovani erano i maggiori elettori, ora è il contrario e sta rispondendo alle proposte elettorali. L’attuale divario sociale in Italia avverte della necessità di ricostruire un tessuto sociale. L’Italia aveva una forte classe operaia omogenea che rispondeva a interessi sociali inclusivi e democratici. Attualmente, la realtà sociale funziona in modo molto diverso: questa frammentazione sociale esiste anche nei luoghi di lavoro, nei comportamenti personali e nelle forme di contratto di lavoro. L’Italia ha una serie di contratti di lavoro altamente rischiosi, importanti e duraturi. Lo scopo del nostro potere politico è creare consapevolezza nella regione per ricostruire il tessuto sociale perduto.

READ  Investire nell’online: ecco le attività più diffuse

– Come si raggiunge questo obiettivo?

– Potere al Popolo cerca di riscoprire i modelli storici di alcuni movimenti sindacali italiani. Ad esempio, abbiamo aperto più di trenta cas del popolo (centri di assistenza sociale) dove sono organizzate molte attività sociali. Forniamo servizi sanitari, sport, formazione politica, alfabetizzazione ai migranti. Comprendiamo che le persone devono avere opportunità in modo che possano rendersi conto di essere capaci di crescere. Ad esempio abbiamo costruito alcune famose cliniche e chi ha contribuito a costruirle ha potuto realizzare il valore del proprio lavoro. Ad esempio, presso la famosa clinica di Napoli, circa 3.000 persone partecipano gratuitamente ogni anno. Abbiamo avuto una forte presenza offrendo il nostro aiuto a persone che erano state licenziate da aziende come Whirlpool, GKN a Firenze o Wartsila a Trieste.

Cosa ci si aspetta dalle politiche dell’attuale governo armato dei partiti politici di estrema destra italiani?

– Ci sono due modifiche che cambieranno il profilo dell’Italia. Fratelli d’Italia, il partito di Giorgia Meloni e il partito La Lega di Matteo Salvini potrebbero avere un accordo a favore di una riforma costituzionale che cambi la struttura della repubblica parlamentare italiana in repubblica presidenziale. Il progetto creerà un disarmo dell’agenda storica dei padri costituenti con la capacità di progettare pesi e contrappesi. Negli ultimi 20 anni sono stati introdotti elementi di federalismo e decentramento, che però hanno portato a crescenti disuguaglianze interne. Ad esempio, l’Italia ha un Ministero della Salute Pubblica, ma 20 diversi sistemi sanitari; A seconda della regione in cui ti trovi, un sistema è migliore dell’altro e offre modelli di servizio migliori. Nelle regioni meridionali sono devastate, motivo per cui molte persone si recano al nord per farsi curare, e questo problema non potrà che aggravarsi.

READ  Impressionante gol da arco a arco in Italia, che potrebbe valere una promozione

Cosa sta succedendo ai tradizionali partiti politici di sinistra?

– L’attuale Partito Democratico è il risultato di una confluenza di post-comunisti e molti post-DC (Democratici Cristiani) e le sue politiche sono liberali e sono allineate con la NATO in termini di politica estera. Si può dire che ha una certa somiglianza con i Democratici americani: poca forza socialdemocratica e molta forza liberale. I partiti di sinistra in Italia hanno subito una forte frammentazione (tipica, anche in altri paesi): dall’implosione del Partito Comunista Italiano è emerso il Partido de la Refundazione Comunista (PRC). Hanno svolto un ruolo importante tra la fine degli anni ’90 e l’inizio degli anni 2000. Ma dal 2006 sono al di fuori degli organi parlamentari nazionali; Questo in risposta al fatto che pagano un prezzo per allearsi con il “centrosinistra” e per partecipare a governi democratici, incapaci di spostare l’asse della coalizione a sinistra. Oggi si condensano in testimonianze; Sono feste con combattenti che di solito sono più anziani e meno capaci di influenzare la realtà. Al contrario, abbiamo una militanza molto giovanile. Su circa 4.000 membri, la maggior parte di noi ha un’età compresa tra i 15 ei 40 anni.

– La partecipazione dei giovani è attiva nella politica italiana?

– I giovani non hanno fiducia nelle proposte dei partiti politici tradizionali e nella possibilità che l’organizzazione risponda ai loro bisogni primari, motivo per cui non votano. Anche noi facevamo parte di quel referendum ed è per questo che abbiamo formato il nostro partito politico. Tuttavia, c’è una lotta sociale e una sensibilità per alcune delle questioni, con una maggiore attenzione ai diritti umani, all’ambiente, alla comunità LGBTIQ* e, soprattutto negli ultimi anni, alla salute mentale post-epidemia. Tutti questi problemi mancano di risposte serie nell’agenda degli attuali partiti politici.

-Attualmente come è la situazione del lavoro in Italia?

– Le disuguaglianze sono esplose. In Italia 5,6 milioni di persone (28,5%) vivono in povertà assoluta e abbiamo l’11,7% di disoccupazione (Eurostat). Il governo stanzia 8.000 milioni di euro all’anno per il reddito di base universale, il che significa che un milione di persone non cade in povertà. Tuttavia, questo reddito è sempre stato attaccato dalla maggior parte della destra e della sinistra liberale. Uno dei piani di Giorgia Meloni è ridurlo e restituire una certa parte di quei fondi (2 o 3 milioni di euro) come “incentivi” ai settori di attività, dove l’Italia spende 20.000 milioni di euro (quasi 3 volte il suo reddito) ogni anno. Incentivi per creare occupazione: precari, part-time e con salari bassissimi. Per mettere questo in una cifra più concreta, 3,5 milioni di lavoratori non hanno posti di lavoro vuoti, e anche nei settori formali abbiamo salari molto bassi: un addetto alle pulizie che lavora negli ospedali pubblici guadagna 6,5 ​​euro l’ora. Nonostante la paga oraria (10 euro) sia bassa, ma adeguata, l’occupazione è molto instabile.

READ  Catturano il proprietario del negozio che ha rubato il biglietto della lotteria a un cliente

Come vive la società italiana la sua inflazione al 10%? Si stanno valutando aumenti di stipendio?

-Questo 10% sembra molto nelle bollette dell’elettricità e del gas e nel paniere alimentare di base. Sappiamo che questo indice inflazionistico (nuovo per molti della mia generazione) si verifica a causa del crollo di varie catene economiche internazionali: prima pandemia e ora guerra. In questo momento, l’aumento di stipendio non è discusso, anzi. Ogni giorno assistiamo a dibattiti sui media contro gli aumenti salariali, che creeranno un’elevata inflazione e purtroppo i nostri sindacati generalmente concordano con la politica economica liberale del governo italiano. Non sappiamo cosa accadrà al termometro sociale, la gente non si è ancora mobilitata, non in massa, come è successo qualche giorno fa in Francia.

-Si parla molto di aumento delle tariffe elettriche, di quale importo si parla in generale?

– Le tariffe elettriche per le aziende sono aumentate del 400 o 500% e stiamo già vedendo come vengono chiuse. Nelle famiglie le bollette arrivavano in media a 100 euro al mese, e ora il costo si aggira intorno ai 300 euro o più.