Febbraio 21, 2024

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Gli acquisti online hanno già sfiorato l’inquinamento di 44 centrali a carbone

Gli acquisti online hanno già sfiorato l’inquinamento di 44 centrali a carbone

Le principali società di e-commerce sono sulla buona strada per immettere nell’atmosfera l’equivalente di anidride carbonica ogni anno da 44 centrali a carbone.Amazon, secondo uno studio, ha concluso che Amazon e altri quattro giganti del settore dipendono ancora dai combustibili fossili per consegnare i loro pacchi. In questo modo il file acquisti online Sono ancora un grande nemico del tempo.

Il lavoro, svolto congiuntamente dalla rete Clean Mobility Collective (CMC) e Stand.earth Research Group (SRG), prevede che se l’attuale tasso di crescita degli acquisti online verrà mantenuto, le emissioni di gas serra (GHG), i colpevoli del cambiare il clima- Aumenterà esponenzialmente entro il 2030E avverte che aumenteranno anche i casi di malattie aggravate dall’inquinamento atmosferico.

Logistica Amazon, soluzioni e-commerce DHL, UPS, FedEx, Geopost, Le principali società di consegna associate agli ordini via Internet “non mantengono la loro promessa di distribuire veicoli a emissioni zero Evitano di divulgare dati sufficienti sulle emissioni dell’ultimo miglio, evidenziando la ricerca che riflette sull’impatto sul clima e sulla salute dell’aumento del “commercio elettronico”.

Il volume globale delle consegne potrebbe raddoppiare in 7 anni

Se la tendenza attuale continua, Il volume globale annuo delle consegne potrebbe raddoppiare Ed è passato da oltre 315.000 milioni di pacchi nel 2022 a 800.000 milioni di pacchi all’anno nel 2030, secondo lo studio.

Anche senza tenere conto di queste proiezioni di crescita, gli autori calcolano che se non ci fossero cambiamenti nella composizione della flotta delle società multinazionali di e-commerce, Le spedizioni globali emetteranno fino a 160 megatoni di anidride carbonica ogni anno entro il 2030, l’equivalente di 44 centrali elettriche a carbone.

READ  Expoquimia, uno spettacolo per ripristinare la chimica tra fornitori e clienti | un lavoro

Ciò significa che più di un miliardo di alberi devono essere piantati ogni anno e lasciati crescere per dieci anni. Per risparmiare l’inquinamento da carbonio dalle consegne dell’ultimo miglio”, sostengono i ricercatori, riferendosi alla fase finale della consegna, dal magazzino di distribuzione al luogo di consegna, che non deve necessariamente essere un miglio.

Le implicazioni per la salute umana

Le emissioni dell’ultimo miglio sono attese dalle società di e-commerce Traduzione di fino a 168.000 casi di aumento dell’asma, fino a 285.000 casi di sintomi respiratori e fino a 9.500 morti premature” Smascherano nella loro analisi, The Price of Convenience: Uncovering the Hidden Climate and Health Impacts of the Global Parcel Industry.

Secondo il Bilancio di Sostenibilità 2021 Amazon, meno del 7% di tutte le consegne di questa azienda in Europa avviene con auto elettriche O altri modi di mobilità pulita.Mentre negli Stati Uniti quel numero scende all’1%, aggiungono, per sottolineare che sebbene Amazon si sia impegnata a distribuire 100.000 furgoni elettrici per le consegne, attualmente ce ne sono solo circa 3.000 in circolazione.

E avvertono che anche il trasporto associato a questi ordini potrebbe esacerbare la crisi climatica Questo settore è “il più grande emettitore mondiale di nuovi gas serra”.responsabile del 12% delle emissioni globali e del 29% delle emissioni spagnole.

Nonostante i costi ambientali, secondo un sondaggio pubblicato a fine aprile dalla piattaforma logistica di e-commerce Packlink, il 76% dei consumatori ritiene che i resi dai propri acquisti “online” dovrebbero essere sempre gratuiti, rispetto al 3% valutato lo scorso anno.

Per generazioni, Packlink ha scoperto che i giovani – generalmente “più consapevoli” dell’impronta climatica dei trasporti, hanno notato – sono i più ricettivi a pagare le royalties, mentre i “baby boomer” sono i più riluttanti.

READ  Gli azionisti fanno causa a Elon Musk per manipolazione del mercato quando ha acquistato azioni di Twitter

Il suo rapporto conferma che il tasso di reso per gli acquisti online può arrivare fino al 3%, rispetto a meno del 10% nei negozi fisici.

Il rapporto completo può essere scaricato da questo link.

Notizie correlate

…….

Contatto ambientale: crisisclimatica@prensaiberica.es