Settembre 25, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Gli “Anelli del Potere” scommettono sulla diversità fedelmente a Tolkien

Questo contenuto è stato pubblicato il 29 agosto 2022 – 16:44

Celia Sierra

Editoriale Cultura, 29 agosto (EFE). “The Rings of Power”, la tanto attesa saga TV di Amazon ispirata a “Il Signore degli Anelli” di JRR Tolkien, promette fedeltà all’universo originale del suo creatore, ma punta anche sulla diversità e ha un talento per essere “senza tempo”, secondo suoi creatori.

Gli sceneggiatori nordamericani J.D. Payne e Patrick McKay stanno firmando il progetto, che ha il budget più grande nella storia della televisione (1.000 milioni di dollari), con il produttore americano Lindsey Webber, che arriverà sulla piattaforma audiovisiva il 2 settembre dopo cinque anni di preparazione.

Payne e MacKay sono fan di Tolkien e del suo mondo creativo da sempre. Quando hanno scoperto che Amazon aveva acquistato i diritti della saga letteraria ed erano alla ricerca di proposte, hanno deciso di scommettere su un progetto completamente nuovo, ambientato migliaia di anni prima de Il Signore degli Anelli, nella Seconda Era.

La trama de “Il Signore degli Anelli: Rings of Power” non appartiene a nessun libro della trilogia. Entrambi gli autori hanno costruito una trama disponendo i dati delle appendici del libro e i dati delle storie nei libri originali.

“Era come trovare ossa di dinosauro e iniziare a metterle insieme (…) sapevamo che c’era una grande storia là fuori”, dice McKay in una conferenza stampa virtuale.

La produzione è stata firmata per cinque stagioni, la prima è stata completamente completata e avrà un nuovo capitolo ogni settimana a partire dal 2 settembre; Il secondo sta per iniziare le riprese in Inghilterra.

READ  Hanno pubblicato il trailer di "Las polacas", un cortometraggio con Tahime Alfareño e Coralita Fellowes.

I primi due capitoli sono diretti da Juan Antonio Bayona.

Nella prima puntata, con uno spettacolo cinematografico completo, il pubblico entrerà nelle miniere di Khazad Dom, arriverà in nave nel regno di Nimenor e incontrerà i Poeti – gli antenati degli Hobbit -. Approfondirà anche le origini dei personaggi chiave della saga come Galadriel, il giovane Isildur o Elrond.

Il film è stato girato interamente in Nuova Zelanda (come la trilogia “Il Signore degli Anelli”) e il cast è composto da 20 persone. La metà di loro sono attrici, con un chiaro impegno per la diversità.

L’attore nero portoricano Ishmael Cruz Cordova interpreta il personaggio di un nano Arundir.

Il ruolo della principessa Desa corrisponde alla britannica Sophia Numphet e la regina Merrill prende vita con Cynthia Addai Robinson, un’attrice americana di origini ghanesi.

“Siamo esseri contemporanei e questo è qualcosa da cui non possiamo sfuggire. Volevamo che il progetto fosse senza tempo, come i libri”, afferma Payne.

Il britannico Morfydd Clark, che dà vita al guerriero elfo Galadriel ed è uno degli eroi indiscussi, apprezza l’equilibrio tra i personaggi maschili e femminili, che sono presenti per il 50 per cento. “Ci sono grandi personaggi femminili nella serie originale”, ricorda. EFE

csr/ram/jl/ie

(video)

EFE 2022. La ridistribuzione e la ridistribuzione di tutto o parte dei contenuti dei Servizi EFE, senza il previo ed espresso consenso di Agencia EFE SA, è espressamente vietata.