Ottobre 6, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Gli anelli di Saturno potrebbero essere i resti di una luna in decomposizione

Il movimento oscillante e oscillante dell’asse di Saturno, la strana orbita della sua luna Titano e la presenza degli anelli del sesto pianeta nel sistema solare possono derivare da un’esplosione avvenuta 150 milioni di anni fa, quando il satellite di oggi si disintegrò. Non trovato: Cocoon Moon.

L’ipotesi è stata svelata oggi nel Scienze dai ricercatori del Massachusetts Institute of Technology e delle Università della California e dell’Arizona utilizza i dati della sonda Cassini e svela alcuni dei misteri del pianeta che sono stati attribuiti all’orbita di Titano, il gigantesco satellite del pianeta. Precedenti ricerche hanno dimostrato che l’orbita della luna più grande di Saturno si sta espandendo e inclinando, il che costringe anche il pianeta a inclinarsi attorno al proprio asse e ad acquisire un movimento rotatorio oscillante, simile a quello della Luna.

La luna di Saturno, Titano, è visibile dietro due anelli del pianeta, in un’immagine della navicella Cassini. Sopra, piccola, ultima delle lune, Epimeteo

re

È stato anche approssimato che l’orbita di Nettuno abbia influenzato il movimento dell’asse di Saturno, ma dalla Terra con i metodi attuali ciò non può essere dimostrato. Utilizzando i dati di Cassini e un modello della struttura interna di Saturno, i ricercatori hanno scoperto che il gigante dell’anello era al di fuori dell’impatto o della risonanza dell’orbita di Nettuno, ma hanno mostrato che anche l’orbita di una delle lune di Saturno, Crisalide, era instabile, esplodeva e se ne andava. una scia di detriti che è oggi gli anelli del pianeta.

Rappresentazione del moto di Saturno (BBC)

evento destabilizzante

Da quanto è stato analizzato e approssimato, 150 milioni di anni fa, mentre Titano si stava allontanando da Saturno allargando la sua orbita, un’altra luna più piccola di Saturno che i ricercatori hanno chiamato Chrysalis è esplosa e i suoi resti sono finiti all’equatore del pianeta, dove hanno iniziato. formano i loro anelli.

READ  I set di memoria scendono a € 5 per GB

“Precedenti simulazioni di formazione di anelli da un corpo di una cometa in decomposizione, simile alla massa che assumiamo per Chrysalis, indicano che forniscono una massa sufficiente per produrre gli anelli attuali”, spiegano gli autori nel documento.

La teoria dell'origine degli anelli e della rotazione di Saturno

La teoria dell’origine degli anelli e della rotazione di Saturno

Bandiera 2022 citata da LV

Con l’esplosione della Crisalide, Saturno ha lasciato lo stato di risonanza attribuito all’orbita di Nettuno e all’asse che prima dello shock era inclinato di circa 36 gradi rispetto all’orbita del gigante gassoso, avvicinandosi ai 27 gradi di inclinazione che abbiamo oggi. Il moto di rotazione del pianeta è passato dall’assomigliare a una cresta nei suoi ultimi istanti prima di cadere sulla Terra al momento in cui la sommità è meno che verticale.

Aspettativa vs realtà

Il motivo di questa ricerca

L’angolo tra l’equatore e il piano della sua orbita è noto come inclinazione assiale del pianeta. Viene calcolato tenendo conto che l’orbita del pianeta attorno al sole forma un cerchio sul piano 0º. Si stima che se la rotazione del pianeta o la rotazione del pianeta che completa i giorni fosse perfettamente perpendicolare, allora l’equatore sarebbe sulla linea del piano, quindi non avrebbe un’inclinazione. Questo è ciò che gli astronomi si aspettano accada in un sistema solare ideale in cui i pianeti giganti gassosi formati dal disco di gas e polvere che ruota attorno alla stella ospite e nel processo del vortice di gas (accumulo) manterranno il movimento del loro asse (momento angolare) stabile e il pianeta non si inclinerà. Il fatto del nostro sistema solare è che tutti i giganti gassosi tranne Giove hanno un asse alquanto inclinato che a volte oscilla o oscilla, come nel caso di Saturno. Ciò significa che deve essere successo qualcos’altro a questi pianeti dopo che si sono formati che li ha fatti inclinare.

READ  Gran Turismo 7 conferma l'arrivo su PS4 e PS5 dopo mesi di incertezza

Fonte: prospettiva ortogonale di Maryam su Scienze.

“La rimozione di un’ipotetica luna avrebbe potuto far oscillare improvvisamente l’asse di rotazione di Saturno, facendo sì che Saturno sfuggisse all’eco di Nettuno”, dice. Punto di vista Da Scienze La ricercatrice della Cornell University, Mary Al-Muslaam, che non è stata coinvolta nello studio.

Dibattito sull’età degli anelli

Intentional dice che l’età degli anelli di Saturno varia da centinaia a 4,5 miliardi di anni, a seconda della teoria suggerita. Queste differenze di approccio sono dovute a una mancanza di conoscenza, metodi di approssimazione e due ipotesi completamente diverse che supportano il fatto che si siano formati con il pianeta, o che si siano formati molto più tardi”, commenta il ricercatore. Discussione fornendo un meccanismo plausibile per la storia evolutiva degli anelli di Saturno, che supporta l’argomento secondo cui sono più recenti. Molto più formati rispetto a quando si è formato il pianeta.

Leggi anche